First look Agents of S.H.I.E.L.D. - Stagione 3

Ritornano gli Agenti dello S.H.I.E.L.D. con una terza stagione ricca di storyline: dai Secret Warriors e gli Inumani, al nuovo villain Lash, passando per il ritorno di Ward e della sua personale HYDRA...

first look Agents of S.H.I.E.L.D. - Stagione 3
Articolo a cura di
Fabio Mucci Fabio Mucci è un superappassionato di fumetti (di ogni tipo, ma prevalentemente Marvel) e, di conseguenza, di cinefumetti. Ciò nonostante non disdegna il cinema d'autore. È un patito di GTA e sebbene non sia interessato al calcio, passa le ore a giocare a Fifa. Gestisce una pagina sui cinefumetti su Facebook: visitatela!

Parlare di Agents of S.H.I.E.L.D. non è mai facile: è una di quelle serie che divide spesso il pubblico, tra coloro che l'amano a prescindere e coloro che, invece, la odiano. Quello degli Agenti dello S.H.I.E.L.D. è un serial che cambia spesso formula e che cerca di re-inventarsi, complici anche storyline sempre differenti e in cerca di novità. Dopo una prima metà di stagione molto debole, il serial si è ripreso grazie al tie-in con Captain America: The Winter Soldier. La seconda stagione, molto più solida, alzava il livello di un bel po'. Questa terza stagione ha avuto, invece, una partenza molto più leggera ma sicuramente avvincente. Quel che ci aspetta, a quanto pare, è una 'montagna russa ricca di emozioni'.

SECRET WARRIORS

Alcuni mesi dopo la fine della seconda stagione, la Terra si sta popolando sempre di più di Inumani, esseri con superpoteri che creano il caos. Per questo il governo degli Stati Uniti D'America ha creato un'unità speciale guidata da Rosalind Price (Constance Zimmer) per catturarli; in contrapposizione a loro, ci sono anche gli agenti dello S.H.I.E.L.D. di Phil Coulson (Clark Gregg) che, invece, stanno cercando di reclutarli per formare un team - denominato 'Secret Warrios' - che vedrà come leader Daisy 'Skye' Johnson (Chloe Bennet). I due team, però, ben presto dovranno mettere da parte la loro rivalità per fronteggiare un villain comune, Lash (Matt Willig), un Inumano che sta uccidendo tutti gli altri della sua 'specie'. Nel frattempo, il redivivo Grant Ward (Brett Dalton) ha tutta l'intenzione di formare una nuova HYDRA mentre Fitz (Iain De Caestecker) sta cercando di salvare la 'sua' Simmons (Elizabeth Henstridge), risucchiata dal monolite alla fine della precedente stagione.

GLI INUMANI

Questa terza stagione del serial della Marvel conferma, ancora una volta, la volontà - da parte degli showrunner Jed Whedon e Maurissa Tancharoen - di far maturare sempre di più lo show e di rendere maggiormente interessanti e compatte le storyline. Rispetto alla precedente stagione, quest'anno si è scelto di puntare su due storie - una principale, una secondaria (almeno per ora) - che vedono, da un lato impegnato lo S.H.I.E.L.D. e la questione degli 'Inumani', dall'altra Lance Hunter (Nick Blood) e May (Ming-Na Wen) pronti ad uccidere, una volta per tutte, Ward. Nonostante le premesse, però, questi due primi episodi risultano essere meno esplosivi e più soft, puntando maggiormente sulla descrizione dello status quo e meno sull'azione vera e propria. In particolare, al centro dell'attenzione viene messa tutta la situazione legata a Simmons, che regala alcuni momenti drammatici e un'ottima performance del bravissimo Iain De Caestacker che, anche in questa stagione, si riconferma uno dei personaggi migliori e, soprattutto, uno degli attori più brillanti dell'intera serie. Per ora, utilizzata discretamente la Bobbi Morse di Adrianne Palicki che - complice quello che è accaduto nella precedente stagione - fa poco e nulla. Interessante anche il nuovo villain, Lash, un Inumano dalle sembianze mostruose, nonostante la prima sequenza d'azione che lo vede come protagonista è sicuramente abbastanza fiacca e deludente; ottimo, invece, l'ingresso di Constance Zimmer, la cui presenza lascia prevedere uno sviluppo molto più che ottimo per il serial.

Agents of S.H.I.E.L.D. - Stagione 3 Agents of S.H.I.E.L.D., arrivato alla terza stagione, si conferma uno show molto solido e interessante, lontano dalle prime puntate noiose e un po' fiacche della prima stagione. Nonostante ciò, la partenza è stata sicuramente più sottotono, rispetto a quella della seconda stagione, ma che ha presentato comunque degli ottimi spunti che porteranno, quasi sicuramente, ad un susseguirsi di eventi ricchi di colpi di scena.