First look Breaking Bad - Stagione 4

Mr.White ha un nuovo paio di scarpe rosse: sapete, per via dei cadaveri sciolti nell'acido...

first look Breaking Bad - Stagione 4
Articolo a cura di

A brand new shoes

Mr. White ha un nuovo paio di scarpe: rosse. Se fosse Dorothy dovrebbe solo battere 3 volte i talloni per tornare immediatamente a casa. Prima della strada di mattoni, prima della strega, prima di scoprire l’inganno del mago di Oz. Ma dietro a Mr. White c’è una scia di morti ammazzati e le sue impronte sono come le scarpe: rosse. Dopo un innesco durato più d’un anno, l’esplosione di Breaking Bad 4 miete 2,1 milioni di telespettatori ed in cambio sacrifica qualche personaggio. Chi? Come? Beh, la puntata si chiama “Box cutter”, quindi occhio al taglierino. Da un momento all’altro si sporcherà: indovinate di che colore...

Riepilogo

Dopo un anno di letargo, urge riepilogo. Il chimico Walter White (Bryan Cranston) è malato di cancro e per “esorcizzare” il male si mette a produrre e spacciare metanfetamine col suo ex-allievo Jessie Pinkman (Aaron Paul). Peccato che sua moglie e neo-mamma Skyler (Anna Gunn) lo sbatta fuori di casa e suo cognato Hank (Dean Norris) lavori per la DEA (la digos americana). Eppure la coppia White-Pinkman resiste, ma...causa un disastro aereo, scioglie nell’acido svariate persone, annienta famiglie e si mette a pestare i piedi al più grande narcotrafficante del paese, Gus (Giancarlo Esposito). Che altro? Ah si, ricordatevi sempre che Walter ha il cancro!

All'arrembaggio!

Breaking Bad è una perla custodita da un branco di porci. Nel senso buono. Il creatore Vince Gillian (X-Files, Hancock) è riuscito a speronare l’ammiraglia di rete, Mad Men, e con la ciurma di sempre (fra cui il geniale direttore della fotografia Michael Slovis) si appresta a solcare nuovi (e speriamo inesplorati) mari. Si perchè la formula di B.B. è fatta della suspance del primo Prison Break, del “tatto” di Dexter, della coralità di Lost ma soprattutto di tanto tanto Cinema. In questa prima puntata sono le immagini a parlare, non le parole. Divertitevi a cogliere il “rosso” presente nelle inquadrature e godetevi i silenzi, le atmosfere, i segni impercettibili di qualcosa che sta per succedere...e che succederà, schiudendo un gioiello audiovisivo da 24 carati. Peccato per la lunga attesa, perchè più che una premiere, questo sembra il degno finale della terza stagione. Come ho detto, qualcuno morirà, ma a detta di Gillian, nuove partnership renderanno i rapporti fra Jessie e Walt ancora più complicati. Più complicati di così?

Oltre il cinema

B.B. si collega anche all'arte e alla filosofia. Come non notare un riferimento all'arte informale o ai dipinti di Rothko (v. fotogramma accanto), e muovere un ragionamento sul ruolo del colore e della "materia" col pensiero contemporaneo (Lacan, Deleuze, Zizek) e con il cinema a loro connesso (Bunel, Hitchcock, Tarantino). Domande da fare a Micheal Slovis...

Breaking Bad - Stagione 4 Breaking Bad dopo aver incassato per più d’un anno assesta il quarto colpo vincente. L’unico rammarico è l’effetto jet-lag con il finale della terza stagione. A svegliarci dal letargo sarà il “rosso” che Vince Gillian userà come il più astuto dei toreri per infuriare il suo perverso mostro seriale. E dopo aver “tagliato” i ponti col passato: “get back to work”.