Netflix

Friends From College: i 40 sono i nuovi 20

Gli under 40 sono i nuovi post adolescenti in Friends From College, la nuova Serie TV nata dalla mente dello sceneggiatore di Yes Man.

first look Friends From College: i 40 sono i nuovi 20
Articolo a cura di

Di sit-com che hanno come protagonisti un gruppo di coetanei ne è piena la serialità: da Seinfield in poi, infatti, i prodotti da piccolo schermo che seguono le corali gesta di diversi personaggi legati tra loro da un forte sentimento di amicizia hanno sempre riscosso un enorme successo nel pubblico. Netflix ha deciso in Friends From College di prendere in mano questo filone ma di farlo in maniera cinica e disincantata descrivendo attraverso la caratterizzazione dei sei protagonisti della serie i (tanti) vizi e le (poche) virtù dei quarantenni di oggi o quantomeno di quei quarantenni di oggi che hanno la tendenza di rimanere ancorati negli atteggiamenti e nell'indole ai ventenni che sono stati.

I 40 sono i nuovi 20?

Ethan (Keegan-Michael Key), Lisa (Cobie Smulders), Sam (Annie Parisse), Nick (Nat Faxon), Max (Fred Savage) e Marianne (Jae Suh Park) sono sei amici che hanno frequentato Harvard insieme e non si sono mai persi di vista. Nel momento in cui la coppia formata da Ethan e Lisa torna a vivere a New York la comitiva incomincia di nuovo a vedersi assiduamente trovando nella loro amicizia un movente per rimanere ancorati al passato, per sentirsi ancora dei post-adolescenti. Il lato interessante di questa serie sta nel fatto che a differenza delle sue antesignane il rapporto tra i protagonisti non è letto come positivo, tutt'altro. Se in cult come Friends o How I Met Your Mother l'affiatamento dei comprimari era tutto basato sulla complementarietà di personaggi diversissimi tra loro - basti pensare al rapporto tra il romantico Ted e il donnaiolo Barney - che si aiutano l'un l'altro a crescere e diventare adulti migliori, in Friends From College la cosa è gestita diversamente. Non vi è nessun percorso "segnato" di maturazione nella serie, tutt'altro, e anche l'affetto che unisce i personaggi appare (almeno nelle prime puntate) fittizio e più legato al bisogno di non volersi sentire adulti che a un puro sentimento.

Una delle cose che ha sempre caratterizzato le sit-com a tema amicizia è quello la lealtà: per quanto sia accaduto spesso e volentieri, ad esempio, che due personaggi abbiano avuto un interesse amoroso in comune l'amicizia è sempre venuta al primo posto, come quando in Friends Joey è attanagliato per tanto tempo dal senso di colpa nei confronti di Ross per il solo fatto di aver scoperto di essere infatuato di Rachel. In Friends From College, invece, è proprio la lealtà ciò che manca, e non è un caso che lo show si apra con la scena di Sam e Ethan che fanno sesso, nonostante quest'ultimo sia sposato con Lisa. Ma d'altronde Friends From College non sembra essere - almeno a prima vista - una sit-com dei buoni sentimenti ma una serie che vuole esaminare gli under 40 di oggi, una sorta di specchio riflesso della realtà fatto per divertire, ridicolizzare e redimere quegli adulti che (a ragione) adulti hanno paura di essere.