First look Gotham - Stagione 2

Torna, nella seconda stagione di Gotham, il detective James Gordon e, questa volta, si porta dietro un team di supercattivi pronti a creare il caos in una città sempre più violenta e oscura.

first look Gotham - Stagione 2
Articolo a cura di
Fabio Mucci Fabio Mucci è un superappassionato di fumetti (di ogni tipo, ma prevalentemente Marvel) e, di conseguenza, di cinefumetti. Ciò nonostante non disdegna il cinema d'autore. È un patito di GTA e sebbene non sia interessato al calcio, passa le ore a giocare a Fifa. Gestisce una pagina sui cinefumetti su Facebook: visitatela!

Lo scorso anno Gotham - rilettura, in chiave poliziesca, del noto fumetto dedicato al (super)eroe della DC Comics, Batman - ha regalato non pochi momenti interessanti e vari colpi di scena, insieme a delle ottime interpretazioni. Nonostante ciò, non sono mancate le polemiche e le critiche: i puristi del comic-book originale puntavano il dito contro i troppi cambiamenti e gli stravolgimenti rispetto all'opera originale, altri hanno affermato che il serial si reggeva solo sul 'villain della settimana' senza avere una trama principale abbastanza forte da trascinare il tutto. Lo showrunner, Bruno Heller, ha ascoltato e, sebbene gli stravolgimenti restano, per questa seconda stagione ha deciso di realizzare una storyline spalmata su più episodi, cambiando la struttura dello show in meglio.

GORDON CONTO TUTTI

E' passato un po' di tempo da quanto accaduto alla fine della prima stagione. Ora James Gordon (Ben McKenzie) dirige il traffico, il suo partner Bullock (Donal Logue) ha deciso di cambiare vita e lavora ad un pub e l'ex del primo, Barbara Kean (Erin Richards) è stata rinchiusa ad Arkham dopo aver trucidato i suoi genitori. L'arrivo di un nuovo villain, Theo Galavan (James Frain), e della sua psicotica sorella Tabitha (Jessica Lucas), cambierà le carte in tavola a Gotham City. Galavan farà fuggire un manipolo di psicopatici dal manicomio - tra cui Barbara e il 'Joker' Jerome (Cameron Monaghan) - per iniziare un vero e proprio bagno di sangue in città; tutto questo mentre Gordon, grazie al pericoloso sostegno del nuovo boss Pinguino (Robin Lord Taylor) lo aiuta ad essere ri-promosso come detective nella polizia e a far uscire di scena il vecchio commissario Loeb. Si deve poi aggiungere anche un'altra sottotrama che vede il giovane Bruce Wayne (David Mazouz) tentare di scoprire i segreti della (Bat)caverna del padre, insieme all'aiuto del suo fedele maggiordomo Alfred (Sean Pertwee).

"E non avete ancora visto niente"

Quello che emerge da questi due primi episodi della nuova stagione è la voglia di raccontare una sola storyline che si spera ci accompagnerà almeno fino al midseason. Quindi viene abbandonata la formula - in passato criticatissima - del villain della settimana e ce ne viene proposto uno solo, Theo Galavan, e il suo piano che scaraventa i cattivi in città. E non è un caso che questa seconda stagione sia sottotitolata Rise of the villains, lasciando presagire che molti dei futuri nemici dell'Uomo Pipistrello vedranno luce molto presto. In particolare, in questi primi due episodi viene lasciato da parte il Pinguino - uno dei personaggi migliori della prima stagione - e ci si concentra molto su Jerome, il (possibile) futuro Joker, interpretato magistralmente da Cameron Monaghan.
Sebbene Gotham sia stato sempre un serial oscuro e violento, questa stagione sembra esserlo di più, creando maggiormente un'atmosfera di tensione in cui nessuno dei personaggi è al sicuro - una morte improvvisa verso la fine del secondo episodio lo dimostra - il che è un bene. Sicuramente gli stravolgimenti al materiale di partenza non faranno felici i tantissimi fan della DC Comics, ma sono funzionali alla storia che si è scelto di narrare e, soprattutto, rendono meno prevedibile la visione. L'unica nota dolente, almeno per ora, è il concentrarsi ancora troppo poco su Edward Nygma - interpretato da Cory Michael Smith -, un personaggio dalle capacità enormi ma che viene abbandonato un po' a sé stesso e reso ancora poco più di uno stereotipo.
Sceneggiature, dunque, ben più solide e, soprattutto, una voglia di sorprendere costantemente lo spettatore rendono questa stagione, almeno sulla carta e potenzialmente, migliore della precedente. Il cast, già consolidato, più le nuove aggiunte, fanno un lavoro egregio nel rendere lo show sempre interessante e di alto livello. E, alla fine della seconda puntata, la voglia e, soprattutto, la curiosità di vedere come proseguirà c'è sicuramente, a prescindere dal fatto di essere già fan del fumetto.

Gotham (Fox) - Stagione 2 Gotham si conferma in questa seconda stagione una serie più che interessante e, soprattutto, stavolta più compatta e scritta meglio. L'abbandonare la vecchia formula del cattivo della settimana in favore di un'unica storyline sembra una carta vincente che, unita ad un cast ottimo, rendono la serie avvincente e ricca di colpi di scena.