First look Heroes Reborn - Stagione 1

Dopo cinque anni di assenza dagli schermi tornano gli Heroes, tra nuove e vecchie conoscenze. Riusciranno i nostri eroi a replicare la fortuna delle prime stagioni della serie precedente con Heroes Reborn?

first look Heroes Reborn - Stagione 1
Articolo a cura di

Nel lontano 2006, quasi 10 anni fa, veniva trasmesso il primo episodio di un serial che avrebbe, nel bene o nel male, fatto scuola: Heroes. Erano gli anni in cui le serie televisive iniziavano ad acquisire importanza e le produzioni tentavano sempre più di andare nella direzione dei film, scostandosi da quello delle "fiction". Heroes fu una bella realtà, soprattutto all'inizio, con un paio di stagioni davvero degne di nota. Come spesso avviene, visto il successo riscontrato, gli autori decisero di continuare con le stagioni anche quando lo show non aveva in realtà più nulla da offrire. Ed è così che abbiamo avuto due stagioni prive di idee, banali e a tratti irritanti se paragonato con quanto gli autori ci fecero vedere in precedenza.
A distanza di ben cinque anni dalla messa in onda dell'ultimo episodio siamo davanti ad un sequel... cosa ci aspetta?

We can be Heroes, just for one day..

Come molti ricorderanno, une dei protagonisti della serie precedente era Claire Bennet, interpretata da Hayden Panettiere, la famosa cheerleader da mettere in salvo per poter salvare il mondo. Ed è proprio da lei che si riparte, o meglio da suo padre, Noah Bennet (Jack Coleman); è lui a prendere parte a quella che sarà definita una delle più grandi tragedie della storia: nella città di Odessa, dove si sta svolgendo un importante evento dedicato all'integrazione tra gli umani e gli Evo, le persone dotate di poteri, un attacco terroristico fa migliaia di vittime e sconvolge l'intero pianeta. Un anno dopo, gli strascichi dell'evento sono ancora saldi in molti partecipanti scampati alla morte e l'agognata integrazione tra umani ed Evo è soltanto una pallida speranza, tanto più che la responsabilità dell'attacco è stata attribuita proprio agli umani evoluti.


Save the little kid, save the world?

Seguendo la tradizione, anche Heroes reborn non si limita ad introdurre una storia ad episodio, ma ne mette sul piatto diverse, legate ai vari protagonisti che animeranno questa stagione, come al solito sparsi in giro per il globo: tra i più degni di nota troviamo sicuramente il fortunato Tommy Clark (Robbie A. Kay), protetto da un misterioso personaggio con l'animo dell'angelo custode e la nipponica Miki Otomo (Kiki Sukezane), capace di trasformarsi in un personaggio di un videogioco nel tentativo di salvare il proprio padre.
Naturalmente, come ogni storia di supereroi che si rispetti, anche qui non possono mancare gli antagonisti: oltre alla classica società in cerca di Evo da sfruttare, la Renautas, in questo caso tra i cattivi sono presenti anche una coppia di vigilantes, Luke e Joanne Collins - interpretati da Zachary Levi e Judith Shekoni - che, dopo aver perso il figlio nell'attacco terroristico, sono decisi a sterminare quanti più Evo possibile per vendicarlo.

Il passato non ritorna

Per quanto i fan aspettassero il ritorno di Heroes, non si può essere pienamente soddisfatti da Heroes Reborn. Sia dal punto di vista della trama principale - la multinazionale che vuole sfruttare i poteri degli Evo è una cosa già vista - sia da quello dei personaggi - assurdo almeno fino ad ora come viene sfruttato un attore famoso tra gli appassionati come Zachary Levi (per chi non lo sapesse, stiamo parlando del protagonista del serial Chuck), con un personaggio privo di personalità e con uno scopo veramente poco chiaro, senza un grande senso logico - gli autori avrebbero sicuramente dovuto fare di più, almeno per far dimenticare le ultime stagioni della serie originale.
Tra gli aspetti positivi si trovano sicuramente gli svariati riferimenti alla serie principale e il promo finale dopo i primi due episodi, in cui si scopre che nel corso di questa prima stagione ritorneranno in scena alcuni dei personaggi più amati presenti in Heroes.

Heroes Reborn - Stagione 1 Quello della serie targata NBC è un ritorno che poteva sicuramente essere sfruttato meglio, visto il richiamo del brand. Tuttavia si può dare una chance a Tim Kring, considerando quello che ci ha dimostrato nelle prime stagioni di Heroes. Si può quindi sperare che il ritorno dei vecchi eroi giovi all'intera produzione e che i nuovi personaggi riescano a dimostrare il loro valore.