First look Marry Me - Stagione 1

I tentativi di una maldestra coppia di convolare a nozze

Articolo a cura di

Se dovessimo paragonare Marry Me a un oggetto, sarebbe di certo un'altalena. Proprio come questa oscilla infatti da una parte all'altra, la serie in questione dondola tra brutto e bello, mediocrità e qualità, trovate simpatiche e momenti di puro imbarazzo. Cosa rara è imbattersi in un titolo che un minuto prima ti strappa un sorriso sincero e quello appena successivo ti fa storcere il naso mentre ti domandi se non vi sia stato un repentino cambio di sceneggiatori affatto passato inosservato.
La sensazione è straniante e particolare, tanto che non si fa a tempo a formulare un giudizio su ciò che si guarda, che subito si è pronti a rovesciarlo alla sequenza successiva. Se è vero dunque che vi sono elementi negativi è però anche indiscusso che la serie rechi diversi pregi che nel complesso, come vedremo, conducono a una valutazione positiva dell'insieme.
Cosa racconta allora Marry Me, comedy dell'autunno 2014 targata NBC?

2 cuori e una proposta

Annie (Casey Wilson) e Jake (Ken Marino) sono una coppia che ha passato da un po' la trentina e che è insieme da diversi anni. Sono stati così in gamba da resistere alle innumerevoli pressioni sociali e ancora non sono convolati a nozze. Non che non lo desiderino. Annie anzi è una ragazza come molte, che rivendica un femminismo che in realtà non le appartiene dichiarando ai quattro venti come non le interessi un anello al dito e quanto sia “moderna” in fatto di relazioni. La verità si cela in ciò che non dice, ovvero anch'essa brama l'abito bianco e la marcia nuziale. Jake ha forse meno fretta, ma non meno interesse verso la questione. E così, di ritorno da una piacevole vacanza insieme, lui le si propone... o almeno ci prova. Sceglie infatti di tenerla un po' sulle spine dando involontariamente il via all'ira di lei, evidentemente stufa di aspettare. Peccato che a tutto questo marasma, dove recriminazioni e parole al vetriolo volano senza freni, assistano inconsapevoli anche amici e familiari, nascosti in ogni anfratto della casa (per volere di Jake) e pronti a saltare fuori a sorpresa per fare ai due le loro congratulazioni. Da questo momento in poi, sarà un divertente rincorrersi di proposte mal fatte, equivoci e gaffe. Riusciranno i due a fidanzarsi? La risposta è nel finale dello stesso pilot, il che ci lascia presumere che nei seguenti episodi il focus della serie si sposterà altrove.

Montagne russe

Marry Me comincia molto bene, introducendo subito e alla perfezione i personaggi e catapultandoci al centro del plot. L'idea di seguire la coppia dal momento del fidanzamento in avanti è invitante, ma il vero punto di forza della serie sono i due protagonisti. Simpatici, folli, imperfetti, maldestri e un po' caricaturali quando occorre (merito anche agli attori, volti perfetti per questi ruoli), creano immediatamente un nesso con chi li osserva comportando però anche la messa in ombra delle altre figure sulla scena. Vanno segnalati i due papà di lei e la madre di lui, personaggi molto piacevoli e con un bel potenziale. La comedy fa il suo lavoro e dunque ci si diverte e si sorride delle buffe situazioni in cui i due si cacciano. Come dicevamo, però, non tutte le gag riescono e si alternano momenti davvero buoni, basati su intuizioni solide ed efficaci, a momenti di dubbio gusto che sembrano estrapolati altrove. Il pilot subisce dunque alti e bassi continui ponendo la serie in un limbo da cui però, tirate le somme, fuoriesce per collocarsi tra i titoli da tenere d'occhio.

Marry Me - Stagione 1 Se amate le serie imperniate sull'amore e i rapporti di coppia, se non vi stancate mai di esplorare le dinamiche tra “lui e lei” servite in chiave umoristica, se siete in vena di guardare una comedy divertente, che ha inoltre un buon potenziale e ottimi margini di miglioramento, Marry Me è proprio ciò che fa per voi. Ci auguriamo solo che lo show aggiusti il tiro ed eviti di scadere in alcune banalità che davvero stonano troppo.