Mercy Street - First Look

Un'infermiera di nobili origini e un ospedale per i reduci della guerra di secessione sono al centro di Mercy Street, nuova miniserie d'ambientazione storica in sei episodi del network PBS.

first look Mercy Street
Articolo a cura di

Mary Philley, una donna di nobili origini che ha appena perso il marito in guerra per mano dell'esercito sudista, si offre come infermiera volontaria per curare i reduci del conflitto. La donna viene mandata a portare conforto ai pazienti di un ospedale improvvisato in un hotel di Alexandria, in Virginia, di proprietà dell'aristocratica famiglia Green. Giunta sul campo e messa a contatto con la crudele brutalità della guerra Mary si ritrova a curare soldati moribondi e/o orribilmente feriti, trovando inoltre diverse controversie tra i vari dottori a capo della struttura. A darle una mano insperata saranno Hannah James, la figlia del proprietario dell'albergo, e un aiutante di colore con esperienza in medicina. Ma Mary, ancora scossa dalla vedovanza, dovrà anche venire a patti con il suo silente odio per il nemico confederato...

Infermiera in prima linea

Nelle intenzioni del network americano PBS doveva essere l'erede di Downton Abbey, l'acclamata serie prossima conclusasi nel Regno Unito a Natale.
Mercy Street però, almeno dal primo episodio, rispetta solo in parte le aspettative di partenza, rivelandosi un prodotto senza dubbio interessante ma con ancora molti dettagli da smussare. Dramma storico in sei puntate (almeno per la prima stagione) il nuovo progetto di David Zabel (E.R. - Medici in prima linea) e dell'ex documentarista Lisa Wolfinger è ambientato nel tormentato periodo della guerra di secessione, trascinandoci non sul campo di battaglia ma su quello, ben più doloroso, delle cure ai feriti e mutilati. Se la ricostruzione scenografica mantiene quell'eleganza stilistica ormai tipica della maggior parte delle produzioni di genere, l'enfasi drammatica risulta almeno nel pilot un po' troppo forzata, con caratterizzazioni sin troppo marcate ad introdurre i vari personaggi in gioco. Figure appena abbozzate, come quella del giovane reverendo, ed altre sin troppo smaccatamente caricaturali, come i coniugi James, stonano con la particolare attenzione riservata alla protagonista Mary (una bella e brava Mary Elizabeth Winstead) e al controverso Dr. Alfred Summers, personaggio dai molteplici sviluppi, in un contesto non privo di scene dal forte impatto emotivo (con l'apice finale della morte di un soldato adolescente) che si carica troppo di retorica per risultare del tutto genuino.

Mercy Street Mercy Street ha sicuramente delle potenzialità, considerando la forza dell'ambientazione storica e la quantità di tematiche ad essa legate, ma il primo episodio è sin troppo gonfio di una forzata emotività incapace di conquistare del tutto. Personaggi tormentati e/o prossimi ad una trasformazione interiore ci accompagnano in un pilot che convince solo a metà, a tratti in grado di introdurre più ampie sfumature al racconto.