First look Once Upon a Time - Stagione 1

I protagonisti delle fiabe sono intrappolati nel nostro mondo!

Articolo a cura di

Un serial fiabesco

Cinema e televisione spesso vivono periodi in cui seguono gli stessi filoni narrativi e sfruttano lo stesso genere. Dopo supereroi, vampiri e personaggi dei fumetti sembra che il 2011 sia l'anno dei personaggi delle fiabe. Grande protagonista di questo nuovo trend è il personaggio di Biancaneve (Snow White) che avrà il volto delle attrici Lilly Collins e Kristen Stewart in due diversi adattamenti della classica storia e di cui la Disney sta progettando un reboot, ma sul grande schermo prossimamente vedremo anche un nuovo lungometraggio dedicato a Bella Addormentata e le avventure di Cenerentola con la regia di Mark Romanek.
In questa stagione televisiva americana ecco quindi apparire Grimm e Once Upon a Time targato ABC, dall'approccio più orientato verso un pubblico famigliare rispetto al serial NBC.

Nessun lieto fine

Once Upon a Time vede protagonisti i personaggi tradizionali delle fiabe bloccati nel nostro mondo a causa di un incantesimo lanciato dalla malvagia regina per vendicarsi di Snow White (Biancaneve). La bella principessa è stata infatti salvata dal bacio del suo Prince Charming (Principe Azzurro) e la coppia sta per vivere il tradizionale lieto fine con un matrimonio da sogno quando la regina arriva ad annunciare che avrà la sua vendetta.
In attesa del suo primo figlio e preoccupata per le parole della sua matrigna, Snow White decide quindi di chiedere al misterioso Rumplestiltskin cosa accadrà in futuro. L'uomo prevede che la regina riuscirà nel suo intento e che l'unica speranza di salvezza sarà la figlia che ha in grembo. La nascitura, raggiunta l'età di ventotto anni, ritornerà per liberarli dalla maledizione.
Nel mondo reale un bambino di nome Henry è invece in viaggio per raggiungere la sua madre biologica, Emma Swan, che lo ha dato in adozione al momento della sua nascita. Henry bussa alla porta di sua madre nel giorno del compleanno della donna che si vede quindi obbligata a riportare il bimbo a Storybrooke, la cittadina dove il mondo fatato sta scontando in modo (forse) inconsapevole la maledizione della malvagia regina.

Dall'isola di Lost al mondo delle fiabe

Gli sceneggiatori di Once Upon a Time sono Edward Kitsis e Adam Horowitz, una coppia creativa già collaudata con i serial Popular, Felicity e il cult Lost (i cui fans troveranno diversi riferimenti già nel pilot). La struttura narrativa sembra ripercorrere quella utilizzata nelle stagioni di Lost con un continuo alternarsi tra le due dimensioni, passato e presente, per spiegare quanto accade nella cittadina di Storybrooke. A differenza di Lost la trama lascia però agli spettatori ben pochi enigmi da svelare. L'idea di racchiudere il passato degli abitanti della città nel libro che legge il piccolo Henry, che ricorda un po' La storia infinita di Michael Ende, poteva forse essere sfruttato meglio svelando nel corso delle puntate come le due dimensioni siano legate tra loro.
Non è la prima volta che la dimensione fantastica e la realtà si incrociano. Once Upon a Time non sembra però possedere l'ironia di "Come d'incanto" e nemmeno l'originalità del fumetto Fables, creato da Bill Willingham. L'approccio del serial ABC, rispetto a progetti simili, sembra più orientato alla critica della società contemporanea, mondo triste e cupo dove non esiste mai il lieto fine, come viene ripetuto più volte durante la prima puntata, ma rimanendo aperto alla speranza di un possibile, e quasi scontato, "vissero per sempre felici e contenti".
I punti deboli di Once Upon a Time sono proprio che, apparentemente, non sembri destinato ad offrire molte sorprese nel plot, inoltre, almeno dopo la visione del pilot, è alquanto improbabile che si possa creare un intreccio in grado di dare vita ad una seconda stagione.

Il rapporto madre-figlio

Il cast del serial è composto da ottimi interpreti con alle spalle una grande esperienza nei serial. Emma Swan ha il volto di Jennifer Morrison, l'amata dottoressa Allison Cameron del team di Dr. House. L'attrice risulta credibile nel dare vita ad una donna diventata apparentemente dura e insensibile a causa di un passato doloroso che la fa ancora soffrire.
Le scene migliori della prima puntata sono quelle in cui Jennifer interagisce con Jared Gilmore, il giovane interprete di Henry che, nonostante l'età, ha già alle spalle numerose esperienze sui set di film e telefilm. Le sequenze madre-figlio non sono mai troppo sdolcinate nonostante i due protagonisti siano due solitari che entrano in contatto tra loro con un bagaglio di dolori e speranze per il futuro.
Josh Dallas (Prince Charming), Ginnifer Goodwin (Snow White), e Lana Parrilla (Evil Queen) rimangono invece un po' intrappolati negli stereotipi legati ai personaggi delle favole anche nell'interpretare la vita a Storybrooke, enfatizzando un po' troppo i tratti con cui sono ormai impressi nell'immaginario collettivo.
A riservare delle sorprese potrebbe essere Rumplestiltskin - Mr Gold interpretato da Robert Carlyle, l'unico personaggio intorno al quale sembra rimanere quella giusta dose di mistero necessaria ad interessare ed incuriosire gli spettatori.
In più momenti la fotografia e l'atmosfera di Once Upon a Time ricordano il poco fortunato serial Happy Town, andato in onda sempre sulla ABC nel 2010; anche la regia e gli effetti speciali sono di buon livello come in generale l'intera produzione.

Once Upon a Time - Stagione 1 Once Upon a Time può contare su un team tecnico, creativo ed artistico di ottimo livello. Rivolgendosi ad un pubblico potenzialmente composto da spettatori di tutte le età, il serial potrebbe riuscire ad ottenere dei buoni risultati sopratutto tra gli amanti delle atmosfere romantiche e fantastiche. Solo dopo la visione delle prossime puntate si potrà capire se il serial avrà la capacità di mantenere la suspance e creare la giusta dose di attesa nei confronti dei nuovi episodi. La vera sfida degli sceneggiatori sarà infatti quella di inserire degli elementi in grado di sorprendere senza svelare troppo in fretta quanto accadrà puntata dopo puntata.