First look Skins - Stagione 5

Facciamo conoscenza della terza generazione di Skins!

Articolo a cura di

Senza alcun dubbio ci sono serial che spiccano per originalità, perchè intraprendono strade che molti altri tendono ad evitare per paura, per timore di essere bollati come “trasgressivi” o “diversi”. Da ormai cinque anni, Skins ci regala invece una diversità che piace, un’originalità che tende sì alla trasgressione, ma che rispecchia il più delle volte una realtà che la maggior parte di noi non conosce, non immagina possa esistere, che la maggior parte di noi, senza dubbio, non vive. Ed eccoci quindi giunti alla quinta stagione di Skins, che dà inizio alla terza generazione dei “cattivi” ragazzi protagonisti di questa splendida serie televisiva.

Third Generation

La terza generazione si apre facendoci conoscere Frankie (in realtà il suo vero nome è Francesca), una solitaria e mascolina ragazza che ha la particolarità di avere più padri che amici: essendo infatti stata adottata da una coppia omosessuale, Frankie ha due padri e nessuna madre. Il trasferimento nella nuova scuola di Bristol sembra apparentemente il meglio che a Frankie potesse capitare: ciò che aveva lasciato, la malignità che la maggior parte dei ragazzi della sua età aveva nei suoi confronti, non la perseguita in questa nuova avventura dove alcune ragazze cercano subito di avvicinarla per diventarle amiche. Ma sarà davvero così semplice per una ragazza particolare come Frankie ambientarsi in una scuola del tutto nuova e diversa dalla precedente?

Un nuovo gruppo

Come abbiamo imparato dalle scorse stagioni di Skins, ogni episodio sarà incentrato su un diverso personaggio. Il fatto di mettere Frankie come primo sembra però far presagire un ruolo centrale della ragazza nella vicenda. A differenza delle altre generazioni, tuttavia, appare chiaro che in questo caso non si parlerà solo di un grande gruppo di amici, ma ci saranno diverse “fazioni” che divideranno i ragazzi: Frankie diventa subito buona amica di Rich, un ragazzo appassionato di musica metal, e del suo amico Alo, ossessionato dal genere femminile. Mini, Liv e Grace, il classico gruppo di ragazze del liceo, boriose e arroganti nei confronti dei coetanei, sembrano invece essere davvero troppo distanti dal carattere di Frankie per poter essere veramente sue amiche: ma nella vita tutti possono cambiare, mai dire mai.
Dai primi due episodi si evince anche un tentativo di esasperare meno la condizione disagiata dei ragazzi, che anzi sembrano avere un buon rapporto anche con la propria famiglia, cosa che difficilmente avveniva per Tony, Effy e amici. Un apparente cambio di rotta che non mina assolutamente la credibilità delle vicende, sempre molto toccanti e significative.

USA vs UK

Come se non bastasse il divario enorme che già esisteva tra la mediocre (da quanto visto finora) versione USA di Skins e quella UK, questo ottimo inizio della quinta stagione non fa che aumentarlo. Qui l'atmosfera che ha sempre contraddistinto il serial può essere respirata a pieni polmoni, cosa che non accade neanche lontanamente nella versione americana del serial...

Skins - Stagione 5 Uno straordinario esempio di come si costruisce (o meglio si ricostruisce) una serie televisiva ogni due anni. Possono cambiare gli interpreti, possono cambiare le storie, ma Skins non delude mai. Il dispiacere è sempre lo stesso: 8 puntate sono veramente poche, ma forse è proprio questa la dimensione giusta per un ottimo serial che riesce a confermarsi di anno in anno.