First look The Fades - Stagione 1

Le anime dei morti non sempre lasciano questo mondo! Per questo ci sono gli Angelics!

Articolo a cura di

Adolescenti, fantasmi, spiriti malvagi, amicizia e problemi in famiglia. Tutti elementi che hanno dato vita ad una formula di successo già vista più volte sul piccolo schermo. The Fades, nuovo serial targato BBC Three, sembra però destinato a distinguersi grazie alla sua mitologia originale creata da Jack Thorne, autore già premiato per il suo lavoro in Skins, This Is England 86 o Cast Offs.
Per interpretare questo mix originale di fantasy, horror e un pizzico di teen comedy è stato chiamato un cast di grande esperienza: Natalie Dormer (The Tudors e prossimamente nei cinema con W.E., film diretto da Madonna), Johnny Harris (This Is England 86, Spartacus), Daniel Kaluuya (Skins, Psychoville, Sucker Punch) e nel ruolo di protagonista Iain De Caestecker (River City, Coronation Street).
La BBC e, più in generale, il panorama televisivo britannico, ha già realizzato un buon numero di serial di successo esportati poi all'estero. Non è quindi difficile prevedere che anche The Fades potrebbe presto diventare il nuovo erede di Being Human, Doctor Who o Skins.

Un adolescente complicato

The Fades è la storia del diciassettenne Paul (Iain De Caestecker) che si ritroverà involontariamente ad avere un ruolo centrale nella battaglia tra il mondo dei vivi e quello dei morti.
Tormentato da misteriosi incubi apocalittici dal momento in cui suo padre ha abbandonato la famiglia, Paul ha in fondo sempre saputo di essere diverso dai suoi coetanei ma sarà l'incontro con Neil (Johnny Harris) a cambiare per sempre la sua vita. Una notte il ragazzo assiste infatti allo scontro tra Neil, accorso in aiuto della sua amica Sarah (Natalie Dormer) ed una spaventosa creatura dalla forma umana.
Sarah e Neil sono due "Angelics": persone in grado di vedere le anime dei morti, chiamate "Fades", che sono rimaste bloccate sulla Terra. Alla base della loro situazione non c'è un motivo o una colpa terrena ma solo il caso; questo destino doloroso porta così molti degli spiriti ad un'evoluzione, anche fisica, verso il male e sopratutto li spinge a cercare un modo per ritornare nel mondo dei vivi.
Paul ha in comune con Sarah la capacità di vedere gli spiriti intrappolati e di avere visioni del futuro, un potere che ha fatto soffrire la donna per anni e ha portato al fallimento il suo matrimonio con Mark (Tom Ellis), un insegnante del liceo che frequentano i ragazzi protagonisti.
Nonostante il tentativo di continuare la sua quotidianità fatta di confidenze con il suo migliore amico Mac (Daniel Kaluuya), screzi con la sorella Anna (Lilu Loveless) e il suo debole per Jay (Sophie Wu), Paul inizia un percorso che lo porterà a capire ed accettare la natura dei suoi poteri grazie alla guida ed all'appoggio di Neil.
La già difficile situazione si complicherà però ulteriormente dopo un incidente che vede coinvolta Sarah. Un evento che porterà delle sconvolgenti conseguenze.

Spazio all'amicizia

La puntata pilota di The Fades introduce già moltissimi elementi di cui sarà interessante vedere lo sviluppo nel corso della stagione: dall'interazione tra i giovani protagonisti alla minaccia apocalittica che incombe sul mondo, senza dimenticare l'inquietante evoluzione degli spiriti intrappolati.
Jack Thorne ha saputo costruire una trama complessa in grado di bilanciare le atmosfere dark della dimensione fantasy con quella a tratti comica basata sull'amicizia tra Paul e Mac. Un atmosfera quindi che ricorda un po' lo stile di Buffy o Supernatural.

Una buona dose di autoironia

Non popolari, appassionati di fumetti e film di fantascienza e poco a loro agio con le ragazze...i due ragazzi hanno tutte le caratteristiche del "ragazzo medio" spesso protagonista in serial molto amati dal pubblico. Tra riferimenti a Ghostbusters, Il Sesto Senso o ai romanzi di Susan Cooper (autrice che Thorne cita come sua fonte di ispirazione) non mancano i momenti autoironici ed un personaggio al limite dello stereotipo geek come Mac (interpretato in modo egregio da Daniel Kaluuya) è un ottimo espediente per non far risultare troppo sopra le righe ed indigesta la dimensione soprannaturale.

The Fades - Stagione 1 La prima puntata di The Fades mostra fin dai primi minuti un ottimo ritmo narrativo, uno stile molto cinematografico e la volontà di creare un serial di qualità. L'unico possibile problema per lo spettatore è quello di perdere di vista i tantissimi elementi e personaggi introdotti in solo un'ora. La sceneggiatura del pilot non ha volutamente lasciato nulla di non detto o mostrato fin dall'inizio della stagione. Se nelle prossime puntate l'evolversi della trama e dei legami tra i protagonisti riuscirà a non perdere aderenza con l'equilibrio stabilito nel pilot e l'inventiva nella sceneggiatura si manterrà costante, The Fades potrebbe presto diventare uno dei migliori serial della stagione made in UK.

Altri contenuti per The Fades - Stagione 1