First look The Frankenstein Chronicles - Stagione 1

Sean Bean è un detective che indaga sulla scomparsa di alcuni bambini in The Frankenstein Chronicles, originale rivisitazione televisiva (in sei episodi) diretta da Benjamin Ross.

first look The Frankenstein Chronicles - Stagione 1
Articolo a cura di

Il mito "maledetto" del dottor Frankenstein, spesso erroneamente identificato con la figura del mostro, aleggia in ogni ambito culturale sin dall'uscita del romanzo pubblicato nel 1918 da Mary Shelley. Grande e piccolo schermo non poterono che ispirarvisi sin dai loro rispettivi albori, con centinaia di produzioni a tema più o meno ispirate. E' ormai perciò difficile al giorno d'oggi dire qualcosa di nuovo sull'argomento, ma la recentissima produzione britannica The Frankenstein Chronicles, serie di sei episodi, prova ad offrirci una versione originale della storia, distaccandosi quasi totalmente dalla fonte letteraria e propendendo per particolari vie narrative. Creata e diretta da Benjamin Ross, regista del misconosciuto cult Il manuale del giovane avvelenatore (1995), l'operazione vede assoluto protagonista l'ormai onnipresente Sean Bean nei panni di un ispettore di polizia atto ad indagare su un caso particolarmente inquietante.

A caccia del mostro

Londra, 1827. John Marlott è un ispettore di polizia rimasto vedovo e tormentato dai ricordi della moglie scomparsa. Un giorno il detective, al seguito di un'indagine, rinviene sulle sponde di un fiume un cadavere, apparentemente quello di una giovane ragazza: il corpo però è caratterizzato da varie suturazioni in diverse parti. Il chirurgo incaricato dell'autopsia scopre che la salma è in realtà composta dall'unione di diversi arti, appartenenti ognuno ad una diversa vittima. John viene così incaricato da uno dei senatori del congresso di indagare sul caso, scoprendo che dietro il macabro ritrovamento si cela un mistero più complesso del previsto.

L'uomo di Londra

Il primo episodio, trasmesso lo scorso 11 novembre sul canale britannico ITV Encore, ha già tutte le carte in regola per conquistare il pubblico di genere: The Frankenstein Chronicles, pur attenendosi a molte regole contemporanee del filone, ha una sua personalità netta che emerge sin dai primi minuti, trascinandoci in una Londra oscura e cupa, ben modellata al tempo del racconto tramite una raffinata gestione di ambientazioni e costumi. L'atmosfera sospesa è capace di avvinghiare con un certo morboso fascino alla vicenda raccontata, non nascondendo alcuni passaggi più crudi e andando a creare una tensione sotterranea che esplode nel, in parte prevedibile, triste epilogo.
Benjamin Ross, complice l'ottima fotografia notturna, dimostra uno stile sicuro, gestendo al meglio le inquadrature e dando vita a squarci suggestivi e ricchi di vibrante tensione. E' come se Jack lo squartatore incrociasse il percorso del moderno Prometeo, soltanto che le vittime qui invece di essere prostitute sono bambini innocenti, morti per mano di un mostro umano che, per il momento, si nasconde ancora nell'ombra. Pur non privo di personaggi secondari potenzialmente interessanti, questo pilota vive soprattutto sul protagonista Marlott, tormentato da un tragico segreto del suo passato, che trova grazie all'ottima performance di Sean Bean ancora maggior magnetismo.

The Frankenstein Chronicles - Stagione 1 Ottimo e promettente inizio per The Frankenstein Chronicles, nuova serie britannica che ci propone una versione atipica ed originale del romanzo di Mary Shelley. In quest'occasione infatti il protagonista è un detective (un convincente Sean Bean) che indaga sulla scomparsa di alcuni bambini, i cui resti hanno dato vita ad un inquietante cadavere-collage ritrovato sulla riva. Il regista Benjamin Ross sfiora soltanto l'horror riuscendo comunque ad instillare una buona dose di tensione grazie a scelte registiche mai banali e a un'atmosfera oscura che ben si adatta all'inquietante vicenda raccontata.

Altri contenuti per The Frankenstein Chronicles - Stagione 1