First look The Get Down - Stagione 1

Diamo una prima occhiata alla serie Netflix ideata da Baz Luhrmann, immersi nel Bronx anni '70 e nella poetica vincente del regista australiano.

first look The Get Down - Stagione 1
Articolo a cura di
Serena Catalano Serena Catalano Figura mitologica metà umana e metà pellicola, ha sfidato e battuto record mondiali di film visti, anche se il successo non l'ha minimamente rallentata. Divora cortometraggi, mediometraggi, lungometraggi, film sperimentali, documentari, cartoni animati: è arrivata addirittura fino alla fine della proiezione di E La Chiamano Estate. Sogni nel cassetto? Una chiacchierata con Marion Cotillard ed un posto nei Tenenbaum.

"Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fiori" diceva Fabrizio De André, sintetizzando un concetto tanto semplice quanto disarmante: c'è speranza ovunque, anche tra le macerie, perfino tra palazzi ormai disastrati e incendi disperati nel Bronx degli anni '70, teatro di crimine, guerriglia e povertà. I diamanti di Manhattan e della bella vita sono lontani, oltre il fiume c'è solo desolazione, quella di una comunità che sta sparendo e di una vera e propria zona di guerra fra poveri, bande di ragazzini che hanno in mano armi raffazzonate ed espressioni artistiche di strada, niente più. Eppure, anche lì nascono i fiori: nasce la poesia di Ezekiel (Justice Smith), nasce la melodica voce di Maylene (Herizen Guardiola), poco più che ragazzini eppure già segnati dalla vita di strada. Orfano lui, costretta ad una vita casa e chiesa lei, cercano entrambi una via di fuga e un percorso che già dalle prime immagini di The Get Down profuma di Baz Luhrmann, che mette mano alla testa e al cuore del progetto riempiendolo di tutto ciò che ha caratterizzato il suo cinema.

Dove c'è rovina, c'è pure la speranza di un tesoro

Ezekiel e Maylene sono due classici star-crossed lovers da novella, quelli che Baz Luhrmann ama celebrare: gli amori di Moulin Rouge!, di Romeo & Juliet, de Il Grande Gatsby in fondo non sono altro che questo, identità che si rincorrono destinate a stare insieme contro un fato avverso. In mezzo alla storia più antica del mondo c'è lui, il regista che ha risollevato un genere (il musical) rendendolo di nuovo amato e popolare grazie alla sua immaginazione e al suo stile inconfondibile, splendente nella sua continua ricerca della vera bellezza. In The Get Down Luhrmann si affaccia dietro la disperazione delle immagini di repertorio, nella stilizzazione estrema delle panoramiche nascoste dietro grana e interlacciati anni '70, nel ritmo della narrazione: un DNA estetico inconfondibile che porta la sua firma, creando un piccolo gioiello che sfida ogni canone di Netflix. Piacevole da gustare e impossibile da "bingewatchare", The Get Down può infatti solo essere assaggiato a piccoli sorsi, rifiutando categoricamente la scorpacciata di episodi tipica della piattaforma a favore di un gusto nuovo, più calmo, che permette di assaporare ogni momento. Una scelta indubbiamente rischiosa (il primo episodio dura un'ora e mezza) ma che visto lo stile e il tipo di narrazione funziona perfettamente.

Truth, beauty, freedom and love

Se fare scorpacciata di episodi è impossibile, tutto ciò che resta da fare è godere dello spettacolo che Baz Luhrmann ci propone gustandoci un primo episodio che, per gli amanti del regista, sarà un piacevole ritorno a casa: pettinature afro, coloratissimi abiti, luci e atmosfere anni '70 si mescolano a graffianti atmosfere che feriscono i personaggi senza mai privarli della loro passione, la stessa che si percepisce in ogni fotogramma dietro l'occhio della macchina da presa. A giudicare dal primo episodio The Get Down sembra avere tutte le carte in regola per diventare un altro gioiellino di casa Netflix, grazie ad una narrazione tradizionale che ha tutti gli elementi del teatro classico (e del musical moderno) e ad una messa in scena che stupisce per intensità e accuratezza; una sfida che il bianco australiano ha vinto, riuscendo a respirare a pieni polmoni la cultura afroamericana dei bassifondi e restituendola ad un pubblico che, fin dall'inizio, riesce facilmente a far innamorare.

The Get Down - Stagione 1 Caricato di enormi aspettative, The Get Down conquista grazie ad un primo episodio che celebra l'estetica e lo stile del suo autore Baz Luhrmann con passionale entusiasmo - lo stesso che i suoi protagonisti mettono nella loro voglia di riscatto e nella loro arte. Un talento che racconta talenti mescolando con precisione la classicità della storia all'estetica spinta: una gioia per gli amanti di Baz Luhrmann, che ritroveranno la poetica del regista australiano in ogni minuto dell'ora e mezza iniziale di quello che si candida ad essere uno dei prodotti Netflix più riusciti.