Half season 2 Broke Girls - Stagione 1

Una prima metà di stagione tra alti e bassi per la sitcom tutta al femminile della CBS

Articolo a cura di

2 Broke Girls è una di quelle serie televisive che sembrano dividere il pubblico e la critica tra chi le ama e chi le odia.
C'è un umorismo e un sarcasmo cinico che non risparmia nessuna categoria sociale, personaggi al limite dell'assurdo e stereotipati, doppi sensi ed una leggerezza di contenuti come pochi altri prodotti televisivi. Nonostante questo, episodio dopo episodio, dopo un pilot piuttosto deludente, ha saputo gettare le basi per conquistare e mantenere un pubblico non certo numericamente esiguo.

Due protagoniste convincenti

Elemento che gioca decisamente a favore di 2 Broke Girls è l'ottima interpretazione delle due protagoniste. Kat Dennings e Beth Behrs sono riuscite ad entrare alla perfezione nei rispettivi ruoli e la loro sintonia è migliorata in ogni puntata, come l'amicizia tra Max e Caroline nella finzione. Kat ha saputo mostrare i lati più vulnerabili ed emotivi di Max, e Beth ha gestito bene l'adattamento di Caroline al nuovo ambiente, nei momenti di debolezza del suo personaggio.
Altro aspetto positivo è l'essersi allontanati dagli stereotipi con cui le due ragazze erano state presentate ed aver cercato di mostrarne le sfumature. L'arco narrativo in cui la sarcastica e distaccata Max ha quasi avuto una storia d'amore con Johnny ha permesso agli sceneggiatori di mostrare la fragilità della ragazza e l'effetto positivo che Caroline ha su di lei. Max delle due è apparentemente la più forte, la più abituata a stare al mondo senza privilegi e senza scorciatoie, ma è Caroline a darle la fiducia in se stessa che serve per cercare di migliorarsi e perseguire i propri sogni. Il crollo emotivo di Caroline di fronte ai bambini in attesa di Babbo Natale, durante l'episodio del Ringraziamento, ne ha invece mostrato il lato più cupo, quello nascosto dietro la sempre presente positività e lo spirito di iniziativa.
I due personaggi si stanno completando passo dopo passo a vicenda e trovano l'una nell'altra l'appoggio, la forza e la motivazione per affrontare le loro sfide quotidiane; da semplice convivenza quasi forzata, la loro si è trasformata in un'amicizia sincera. E bisogna aggiungere che è piacevole vedere due protagoniste femminili in grado di superare le delusioni ed i problemi della vita senza abbattersi eccessivamente, sempre in cerca di una soluzione, di un modo pratico per realizzare i propri progetti.

I difetti

Un altro elemento positivo di questa prima decina di puntate è stato l'inserimento del personaggio di Johnny, per la gioia di tutte le spettatrici. La partecipazione di Nick Zano, nel ruolo del tipico uomo dalle idee piuttosto confuse ed il carattere decisamente poco deciso, ha offerto una piacevole parentesi estetica e narrativa. La sua presenza ha però evidenziato anche uno dei principali difetti di 2 Broke Girls: mancano dei personaggi collaterali forti, in grado di aggiungere qualcosa alla storia. Dopo l'allontanamento di Johnny, gli autori sono ritornati a concentrarsi esclusivamente sulle due protagoniste, lasciando solo un piccolo spazio di contorno a tutti gli altri. La base migliore per un eventuale sviluppo la possiede il personaggio di Peach, la madre dei gemelli affidati alle cure di Max: la sua vacuità ha spesso offerto i migliori spunti per battute rapide, incisive ed esilaranti.
2 Broke Girls ha un altro difetto piuttosto evidente: la discontinuità nella qualità di scrittura dei copioni. Episodi ricchi di ritmo e divertimento si alternano purtroppo con altri dalle battute troppo ovvie e poco convincenti.
Il livello è troppo altalenante: si passa da episodi ben costruiti e ricchi di battute divertenti (ad esempio il vernissage della mostra d'arte) ad altri che sembrano stati scritti troppo in fretta ed utilizzando materiale di scarto (la vendita dei gioielli). Cambiare di continuo gli sceneggiatori purtroppo non permette alla trama di continuare un proprio proprio percorso e la frammentazione è troppo evidente.

2 Broke Girls - Stagione 1 2 Broke Girls, dopo dodici episodi, sembra seguire un percorso in bilico tra il successo e la mediocrità. La serie ha dimostrato di avere un ottimo potenziale, ma deve ancora trovare una struttura stabile che ne mantenga sempre alto il livello. Kat Dennings e Beth Behrs per ora sono riuscite a salvare sempre la situazione, ma dovrebbero essere aiutate maggiormente dai loro autori. Se nella seconda metà di stagione verranno sfruttati meglio i personaggi secondari, o ci saranno new entries interessanti, 2 Broke Girls potrebbe rapidamente stabilizzarsi ed evitare un pericoloso sali e scendi che, alla lunga, rischia di annoiare ed allontanare lo spettatore.