Half season The Secret Circle - Stagione 1

Un'analisi più avanzata sull'evoluzione post pilot della serie teen fantasy della CW

Articolo a cura di

THE SECRET CIRCLE - HALF SEASON

Insieme a The Vampire Diaries anche The Secret Circle si prepara a ripartire in questo mese dopo la pausa invernale. Con il nostro first-look riguardante il pilot della serie avevamo espresso dei pareri piuttosto negativi sul nuovo telefilm teen-fantasy targato CW; ora vi proponiamo quindi un half-season per aggiornarvi sulla situazione attuale della serie e per farvi capire se ci sono stati o meno dei miglioramenti.

BLACKWELL & BALCOIN

Il pilot di The Secret Circle sguazzava semplicemente nella mediocrità, lasciando a desiderare sotto tutti i punti di vista e non proponendo praticamente nulla di interessante. Cose già viste e fatte in altri teen drama e per altro fatte anche meglio, al di là del marchio fantasy che dovrebbe contraddistinguere la serie. Alla fine del primo episodio quindi ci eravamo chiesti non tanto quanto la serie potesse migliorare ma più che altro quanto sarebbe durata. Sorprendentemente però già dal secondo episodio si sono cominciati ad intravedere dei miglioramenti che sono diventati poi molto più netti e presenti dalla terza puntata. Ciò che è lampante è il fatto che gli sceneggiatori abbiano saputo ammettere i loro errori, riuscendo così ad intervenire su quasi tutti i punti deboli del soggetto. Innanzitutto si è alzato il livello dello script, che si è scrollato di dosso quella fastidiosa e pietosa prevedibilità che rischiava davvero di marchiare il telefilm in modo indelebile, e poi hanno anche cominciato a “sciogliersi” alcune di quelle evidenti forzature che già segnavano le relazioni che sarebbero intercorse tra i protagonisti. L'ovvia relazione tra Cassie Blake e Adam Conant diventa da subito, e fortunatamente, molto meno scontata, e ciò permette anche di inquadrare un po' la relazione che Adam ha già in corso con la sua vera e propria ragazza, ovvero Diana, togliendo anche quest'ultima dal ruolo di semplice “ragazza di passaggio e d'ostacolo”.
Nel quinto episodio vi è poi un colpo di scena piuttosto inaspettato, ma in realtà per nulla sofferto, che però risulta determinante per la serie, soprattutto per l'aggiunta che viene fatta al cast dal sesto episodio in poi. Il nuovo personaggio è un ragazzo misterioso e doverosamente biondo che sembra tanto Oliver Queen (Justin Hartley) ma che in realtà non è affatto Oliver Queen. La prima impressione è, ovviamente, della serie: “eccolo, classico biondo con sorriso ammiccante degno della CW e messo lì per far agitare qualche ragazzina”. Ecco, in questo caso l'impressione è del tutto sbagliata. Se infatti nelle prime scene l'attore può risultare un bel faccino e basta, dopo riesce davvero a spiazzare gli spettatori, e certo anche le spettatrici, dimostrando non solo di saper recitare, ma addirittura di saperlo fare bene. Ovviamente stiamo parlando di Chris Zylka, venticinquenne talento americano che sembra poter essere la versione migliorata del Chad Michael Murray d'inizio carriera, almeno dal punto di vista recitativo. Zylka ha un curriculum estremamente breve che include qualche imbarazzante apparizione in “90210”, “Hannah Montana” e “Zeke e Luther”, apparizioni delle quali non lo si può incolpare molto visto che, poveraccio, alla fine doveva pur iniziare e guadagnare qualcosa. Ultimamente però l'attore ha un po' limato il suo curriculum, tant'è che apparirà come Flash Tompson nel reboot di Spider-Man, mentre nel 2010 è apparso nell'indie movie “Kaboom”, dove aveva già recitato con Thomas Dekker(Adam Conant), che lo ha consigliato poi agli sceneggiatori di The Secret Circle. A differenza degli altri protagonisti quindi Zylka non è apparso in tutti i nove episodi trasmessi, ma possiamo già affermare che il suo è il miglior personaggio proposto fino ad ora e lo è anche la sua interpretazione.
Tornando ai sopra citati miglioramenti, possiamo anche dire che, pur non essendoci una vera e propria trama centrale, la serie è riuscita a trovare una sua stabilità ed una sua credibilità grazie ad una serie di varie storylines più accattivanti di quel che si potrebbe pensare, che ad ogni episodio si intrecciano tra loro ed alzano l'interesse dello spettatore. Il nono episodio poi, l'ultimo del 2011, si è comportato veramente bene, gestendo un discreto ritmo narrativo che è culminato con un cliffhanger davvero inaspettato, anche se probabilmente già decifrabile; restiamo col dubbio perchè ultimamente gli sceneggiatori si sono comportati davvero bene e potrebbero anche tirar fuori una trovata alla Luke Skywalker e Leia (chi ha visto il nono episodio può già comprendere), nonostante comunque si tratti solo di mere ipotesi che, certo, se fossero vere, farebbero impennare la nostra stima nei confronti degli sceneggiatori della serie.

BOOOOOBS! GIGGITY GIGGITY!

Bene è giunto il momento di passare alla questione più interessante legata a The Secret Circle. Sin dal primo episodio, gli ascolti hanno registrato dei dati interessanti che hanno catalogato il telefilm come il prodotto con gli ascolti più alti della storia della CW per quanto riguarda la fascia demografica femminile. “Ma noooo” potrebbe dire qualcuno, sai che sorpresa. Era assolutamente prevedibile che un telefilm fantasy in chiave teen e a base di streghe, anzi di “Witches”, tra l'altro principalmente femminili, potesse far registrare dei dati del genere. Infatti ciò che stupisce non è questo. Ciò che stupisce è il palese e ricercato fan service che il network e i produttori hanno inserito, o forse imposto, in diverse scene, dal secondo episodio in avanti, per cercare di attrarre più spettatori maschili. Insomma, il cast femminile di The Secret Circle già sprizzava bontà da tutti i pori delle attrici, ma a quanto pare ciò non bastava. “A farne le spese” per così dire, sono state principalmente due attrici: Jessica Parker Kennedy e Shelley Hennig, entrambe stupende ed entrambe estremamente sexy. La prima, che interpreta Melissa, non è affatto nuova alle scene “hot”(non che ve ne siano nella serie) e lo dimostra il fatto che apparì in topless in una singola e breve scena di un b-horror movie davvero pietoso, intitolato: “Decoys: The Second Seduction”. L'attrice, apparsa in qualche episodio di Smallville negli anni passati, viene mostrata diverse volte in reggiseno, perennemente a letto con uno dei protagonisti, e viene inquadrata con un mezzo busto che davvero lascia poco spazio a delle ipotetiche scusanti. La seconda attrice invece, che interpreta Diana, fu incoronata miss teen USA nel 2004, all'età di diciassette anni, e quindi anche lei non ha mai avuto problemi a mostrarsi mezza nuda davanti ad un bel po' di gente. Le scene che vedono però lei un po' svestita sono le più eclatanti e francamente anche le più comiche. Tralasciando le scene di pre-sesso(“pre” perchè si parla sempre di un network adolescenziale), diverse sono quelle nelle quali si trova chissà quale scusa per offrire un'inquadratura da fan service allo stato puro, come quella dove la ragazza è “costretta” a rimanere in reggiseno perchè i protagonisti stanno giocando a “Truth or Dare?”(obbligo o verità?). O come quella nella quale ci viene mostrata la ragazza che si mette una magliettina sopra al niente per andare a dormire, ed ovviamente il buon Adam le piomba nella stanza senza nemmeno bussare, mentre la ragazza tenta di allungare la già aderentissima maglietta con un gesto disperato per cercare di coprire qualcosina in più. Sia chiaro CW, non ci stiamo lamentando, proprio no! Il pubblico maschile ringrazia a gran voce, solo vorremmo consigliare un utilizzo meno ridicolo e meno clamoroso di questo insistente fan service. Da notare poi come né la bellissima protagonista Britt Robertson, oramai uno dei volti principali della CW, né la stupenda Phoebe Tonkin siano state mostrate in scene particolarmente prive di vestiti. Un peccato, per qualcuno sicuramente, ma è anche vero che le due attrici sono le più giovani del cast e quindi sono probabilmente più restie a certe scene; non ci si può comunque lamentare visto che il cast femminile di The Secret Circle è sicuramente tra i più sensuali in circolazione ed anche le ragazze non hanno da ridire per quanto riguarda il cast maschile.

The Secret Circle - Stagione 1 THE KEVIN CIRCLE Dal pilot, The Secret Circle sembrava proprio una tartaruga. No, non intendiamo dire che procedesse in modo incredibilmente lento e non intendiamo nemmeno dire che mangiasse innumerevoli quantità di pizza indossando una benda colorata. Quello che vogliamo dire è che a giudicare dal pilot ed in parte anche dal secondo episodio, la serie sembrava essere una tartaruga capovolta, a guscio in giù insomma. E per una tartaruga capovolta è davvero difficile rialzarsi, praticamente impossibile anzi. Fortunatamente però il telefilm ha potuto contare su una presenza più concreta, se pur nel solo ruolo di supervisore, del solito Kevin Williamson. Il buon Kevin ha saputo spronare gli sceneggiatori della serie e tutti insieme hanno tirato fuori una vera e propria magia degna di Harry Potter. Tutto a spese della qualità già piuttosto vacillante di The Vampire Diaries, che in questa sua terza stagione non ha potuto contare molto sul suo creatore. Ma alla fine a noi dei vampiri non interessa a questo punto, visto che se The Secret Circle continuerà a mantenere questa qualità magari riuscendo anche a farla lievitare, avremmo trovato il prodotto commerciale ed anche adolescenziale di riferimento. Nulla di particolare sicuramente, qualcosa di piuttosto semplice ma per nulla scontato che mira al mero intrattenimento così come faceva il suo cugino vampiristico. Per il 2012 ci sono già stati promessi un paio di nuovi personaggi, un risvolto davvero interessante e quasi sicuramente anche il ritorno di Chris Zylka, che può essere considerato la miglior sorpresa della CW dopo Joseph Morgan aka Klaus. Per ora The Secret Circle è senza alcun dubbio il prodotto più interessante che la CW ha in mano, speriamo quindi che dal 5 gennaio in poi, ovvero dal ritorno della serie con il decimo episodio, ci sia solo un crescendo qualitativo fatto di situazioni interessanti e costanti colpi di scena.