Intervista Intervista a Nathalie Rapti Gomez

Incontro con la protagonista de "Le due facce dell'amore"

Articolo a cura di

In esclusiva per Serialeye, la 26enne attrice colombiana Nathalie Rapti Gomez, protagonista della fiction "Le due facce dell'amore" e interprete di molti altri prodotti per il piccolo schermo, ripercorre le tappe più importanti della sua carriera e dà sfogo al suo "lato serial".

FM: Prima domanda secca: cosa ti ha spinto ad intraprendere la carriera di attrice? Parlaci un po’ di come è nata in te la passione per il mondo dello spettacolo...

NRG: Da piccola sono sempre stata molto creativa e attratta da tutte le forme d'arte che ha creato l'essere umano. Il mio sogno era potermi esprimere attraverso l'arte. Ho sempre nutrito un grande interesse anche per le scienze e la psicologia. Mi piace capire la psicologia umana. La recitazione, per me, è un miscuglio di tutte queste cose che adoro.
Amo calarmi nei panni di personaggi diversi da me e guardare la vita attraverso i loro occhi, amo interpretare personaggi che possano far riflettere sia me che gli spettatori.


FM: La tua popolarità comincia con lo spot tv del Kinder Cereali. Come ti hanno scelta per interpretarlo?

NRG: Feci un provino e il giorno dopo ricevetti una telefonata dal mio agente, che mi disse che avevano scelto me!

FM: Fino a questo punto della tua carriera sei riuscita a coniugare egregiamente i ruoli televisivi a quelli sul grande schermo. Ma ti consideri più un’attrice di cinema o di televisione? Quale dei due ambienti preferisci?

NRG: Mi considero una giovane attrice che ha voglia di lavorare, di esprimersi attraverso la recitazione, sia in tv che al cinema che a teatro. Mi piaciono tutti e tre gli ambienti, perche l'obiettivo che li accomuna è raccontare una storia attraverso una messa in scena, ed è quello che amo anch'io.

FM: Che ne pensi dei serial italiani di questi periodi? Quale, tra quelli cui hai preso parte, ti ha maggiormente soddisfatta? E quale preferisci tra quelli in cui non hai recitato?

NRG: Ci sono tanti serial ed è difficile generalizzare... Penso che stiano uscendo delle cose sempre piu belle, comunque! Tutti i lavori che ho fatto sono stati importanti per me, perchè hanno fatto parte della mia crescita, sia professionale che artistica.
Amo guardare un pò di tutto in tv, come al cinema e a teatro.


FM: Sei stata la protagonista femminile in un episodio della terza stagione de “L’ispettore Coliandro”, una serie, se vogliamo, in controtendenza rispetto a molte altre. Come è stato lavorare con quei geniacci dei Manetti Bros.?

NRG: Con i Manetti Bros. mi sono divertita tantissimo e ho trovato molta sintonia nel lavorare con loro. Li adoro!

FM: Di recente hai avuto un ruolo importante anche nella fiction “Le due facce dell’amore”, con Daniele Liotti. L’accoglienza di pubblico e critica non è stata, però, delle migliori. A cosa pensi sia dovuto il basso livello di ascolti?

NRG: Il basso livello di ascolti comprende solo le prime due puntate andate in onda su Canale 5, poi è passato su La5, dove ha registrato uno share da record. Considerando il disorientamento del pubblico quando si passa da un canale all'altro e che La5 è un canale nuovo e poco conosciuto, sono molto contenta del risultato.
Anzi, i fan de "Le due facce del'amore" hanno chiesto di fare anche la seconda serie! L'hanno fatto sapere ai giornali e al canale, ed i più appassionati mi chiedono ancora sulla mia fanpage di Facebook: "Ma allora?? La faranno la seconda serie?? Vogliamo vederne ancora!".
Lo spero tanto anch'io!


FM: Per quanto riguarda i serial americani, ne segui alcuni? Quali sono i tuoi preferiti? E quale, tra quelli non ancora usciti, attendi con particolare trepidazione?

NRG: Seguivo "Friends", che è ancora il mio preferito. Adesso sono curiosissima di vedere "Mr. Sunshine" e "You don't know Jack".

FM: C’è un serial statunitense in cui, più di tutti, avresti voluto recitare?

NRG: "Friends", "Sex and the City" e "Twin Peaks"!

FM: Domanda banale ma doverosa: i tuoi progetti futuri?

NRG: Per ora aspetto di iniziare il doppiaggio di "Sangue caldo", la fiction per Canale 5 dove sarò l'antagonista Valentina Valadier...

FM: Qui su Serialeye abbiamo una rubrica denominata Serial Character, in cui, di volta in volta, andiamo ad esaminare la vita e la carriera di attori ed attrici di serial particolarmente influenti nel panorama televisivo. Chi vorresti fosse scelto per le prossime occasioni?

NRG: Fabrizio Biggio e Francesco Mandelli de "I soliti idioti"!