Intervista Soy Luna - Karol Sevilla

La giovanissima star Disney Karol Sevilla racconta qualche curiosità e aneddoto sulla serie Soy Luna, di cui è la protagonista con il ruolo di una ragazza che ama il pattinaggio e deve affrontare nuove sfide personali

intervista Soy Luna - Karol Sevilla
Articolo a cura di

A maggio ha preso il via la nuova serie Soy Luna, il nuovo progetto creato da Disney Channel Latin America, in collaborazione con Disney Europe, Middle East & Africa (EMEA), prodotta dalla casa di produzione argentina Pol- Ka.
La protagonista è la giovanissima attrice messicana Karol Sevilla nel ruolo di Luna: una sedicenne che deve affrontare un importante cambiamento quando i suoi genitori ricevono una proposta di lavoro impossibile da rifiutare e decidono quindi di trasferirsi a Buenos Aires. Luna dovrà così ambientarsi nella nuova città e cercare di stringere nuove amicizie, dando spazio anche alla sua grande passione per il pattinaggio.
Karol, prima di diventare la star di Soy Luna, ha iniziato a recitare quando aveva sei anni, muovendo i primi passi nel mondo dello spettacolo proprio sul piccolo schermo, grazie a delle piccole parti in alcune telenovele messicane. Nonostante la giovane età la star Disney sembra avere le idee molto chiare sulla sua carriera e su come equilibrare il successo internazionale e la propria vita privata.
In questa intervista l'attrice svela qualche curiosità e dettaglio sulla serie e sulla sua quotidianità.

L'esperienza sul set di Soy Luna

Lavori da quando hai sei anni, come affronti il lavoro di attrice?
Ho affrontato l'esperienza come se fosse un gioco, ma comunque in modo responsabile. In realtà faccio quello che mi piace: recito, canto... Non lo considero quasi un lavoro perché mi diverto. Ora in più so pattinare e mi piace, quindi non sento il peso del lavoro. C'è tantissimo da fare ma anche molto divertimento.

Come ti sei preparata al ruolo di Luna?
E' stata una preparazione piuttosto stancante e impegnativa. C'è stato un allenamento intensivo in cui abbiamo pattinato e ballato ma credo che la parte più complicata sia stata proprio pattinare perché mi ha richiesto più attenzione, volevo imparare bene tutti i movimenti. Poi in realtà ho imparato molto in fretta ma è sempre stato faticoso: è uno sport fisicamente impegnativo. Divertendomi però è stato più facile.

Hai stretto delle amicizia speciali con gli altri membri del cast?
Siamo diventati tutti amici sul set, fin dal primo momento in cui ci siamo conosciuti. Siamo tutti diventati come fratelli, sorelle, amici... Condividiamo molte cose. Non ho realmente un migliore amico. Se dovessi scegliere, posso dire che mi sono trovata particolarmente bene con Ruggero e con Lionel Ferro: sono delle persone con cui posso ridere e divertirmi molto.

Hai avuto modo di interpretare una canzone in italiano, Tutto è possibile, come ti sei preparata?
Quando mi hanno detto che avrei dovuto cantare in italiano ho pensato che sarebbe stato fantastico, super divertente e interessante perché mi piace sperimentare altre lingue oltre la mia. Non ho chiesto a Ruggero di aiutarmi ma il mio insegnante me l'ha fatta imparare dal punto di vista della fonetica. Sono orgogliosa perché l'ho imparata in sei giorni, anche se è stato molto difficile cantare in un'altra lingua in studio di registrazione. Spero di essere riuscita a farlo bene, dovranno dirmelo i fan, ma amo moltissimo l'Italia e spero di averli soddisfatti.

Ti sei allenata molto per imparare a pattinare?
Per sei mesi ci siamo impegnati moltissimo: abbiamo pattinato anche sei ore ogni giorno, seguita poi da ore di ballo e canto. All'inizio mi sentivo molto stanca anche perché era una situazione intensa dal punto di vista emotivo, poi abbiamo visto i risultati - ad esempio siamo migliorati in modo impressionante nel pattinaggio in poco tempo - ci siamo resi conto che è un'esperienza incredibile imparare così tanto, con degli insegnanti fantastici. Sono cresciuta molto anche come persona.

Il pattinaggio è uno sport impegnativo, ci sono stati degli infortuni durante le riprese?
Non ci sono mai stati incidenti sul set, ovviamente siamo tutti caduti pattinando. Bisognava essere consapevoli che si può cadere in ogni momento e ho sempre cercato di pensare al terreno come se fosse il mio migliore amico e scherzavo pensando "Tra un po' ti rivedrò di nuovo". Eravamo sempre protetti e questo era importante ma anche complicato perché faceva molto caldo. Pattinare indossando il casco sotto le luci necessarie alle riprese era veramente stancante. I nostri allenatori ci hanno però permesso di divertirci ed evitare ogni possibile infortunio.

Puoi condividere qualche aneddoto particolarmente divertente legato alla serie?
Sul set ci sono stati tanti momenti divertenti, tra cadute e altre situazioni, e io vinco sicuramente la medaglia d'oro nella categoria degli errori durante le riprese. Se devo pensare a un momento particolarmente divertente direi quello avvenuto durante un programma di Disney Channel in cui la responsabile mi aveva dato delle indicazioni ma io avevo capito che dovevo ripetere tutto quello che mi avevano detto. Quando è stato gridato azione e io ho iniziato a parlare tutti mi hanno fatto notare l'errore e si sono messi a ridere.

L'evoluzi di Luna

In che modo si evolve il tuo personaggio durante la prima stagione?
Luna cresce molto nella prima stagione: all'inizio della storia è ancora piuttosto bambina, ma viaggiare e poter conoscere gente nuova le danno la possibilità di scoprire l'Argentina. Dopo un po' di paura perché deve abbandonare la sua vita quotidiana, il suo amico Simon, i luoghi che conosce... Luna scopre l'Argentina e stringe amicizia con nuove persone, come Nina che è completamente diversa da lei, e con il passare del tempo cresce e prende decisioni giuste. A livello personale sono cresciuta e ora mi sento più adulta e consapevole; sono maturata insieme a Luna, avendo inoltre vissuto delle esperienze simili.

Come descriveresti il season finale?
Sono stata molto contenta che la serie sia trasmessa in tanti paesi diversi e sono certa che gli spettatori ameranno l'ultimo episodio della seconda stagione.
Le riprese sono durate a lungo: ci siamo preparati molto e abbiamo dovuto imparare una coreografia difficile. Sono stata anche sorpresa dal fatto di essere riuscita a imparare tutto!

Ti è piaciuto l'episodio?
Sono molto felice della fine della stagione: è una sorpresa, anche da leggere. Ho amato recitarlo e mi sono divertita a interpretare quello che accade a Luna. Sono certa che i fan della serie, i Lunatics, saranno entusiasti come me di scoprire quello che accade.

Come si evolverà Luna nelle prossime puntate?
Nella seconda stagione Luna sarà completamente diversa rispetto al passato. Quando ho letto i copioni ho pensato "Wow!". E' da ammirare la decisione che prenderà e come cambierà, crescerà, anche dal punto di vista della personalità. Ci sarà comunque molto spazio per il suo legame con Simon e in particolare con Matteo, aspetto che mi fa molto piacere come Karol... non so se Luna sarebbe d'accordo.

Qualche curiosità su Karol

La serie inizia con un sogno di Luna, ma quali sono i tuoi sogni per il futuro?
Ho moltissimi sogni in questa testolina folle, ho tantissime cose che vorrei fare in futuro. In realtà preferisco prima concentrarmi sul sogno che sto vivendo ora: far parte del mondo di Disney e lavorare a un progetto importante. Sicuramente poi vorrei recitare in un film o in un musical a teatro. L'importante è compiere questo percorso in salita passo per passo, senza correre perché si può sempre cadere ed è qualcosa che vorrei evitare.

Riesci a gestire l'impegno sul set con gli studi?
Mi piace moltissimo la scuola e penso sia importante terminare gli studi anche se si è impegnati nel portare avanti la propria carriera. I miei genitori mi hanno inoltre trasmesso l'idea che se voglio fare l'attrice devo studiare, completare il mio percorso. Ho comunque una buona metodologia di studio, frequento un collegio militare a Buenos Aires, e sono abbastanza responsabile: la mattina lavoro sul set e poi la sera studio, ottenendo buoni voti.
Mi piace molto geografia, ma anche la storia, più o meno tutti gli argomenti che mi permettono di scoprire qualcosa in più sulle altre nazioni. Amo invece meno la matematica, come tutti penso.

Come trascorri il tuo tempo libero?
Il mio tempo libero lo passo dormendo, studio, faccio le faccende di casa, mi occupo del mio canale YouTube e appena posso inizio a scrivere cosa voglio fare e i progetti da realizzare. Se magari per strada la gente mi riconosce e sono più artista, tra le mura di casa invece mi rilasso, sto in pigiama, faccio cose semplici come occuparmi della lavatrice e dei piatti. Mi piace stare a casa, sono come un gatto. Poi comunque vado al cinema, sono una ragazza normale ed è importante nel weekend lasciare da parte la Karol attrice che sono da lunedì al venerdì.

Che aspetti ami in particolare del tuo impegno con la serie?
Ho avuto la possibilità di visitare molti paesi diversi ed è qualcosa che amo moltissimo fare. Amo tanto conoscere culture diverse. Quando dobbiamo fare gli eventi promozionali non abbiamo molto tempo per visitare le città, ci spostiamo da una parte all'altra in macchina e cerco di osservare tutto quello che mi circonda. Se sono in vacanza, invece, posso avvicinarmi di più alla cultura. Voglio però ringraziare il team che ci rende la possibilità di viaggiare e tutti i fan che ci accolgono con calore ovunque, non solo sui social media.

Hai un personaggio disneyano preferito? Ti piacerebbe doppiare un film animato?
Mi piacerebbe tantissimo doppiare un personaggio o una principessa Disney! L'ho detto subito appena ho iniziato a lavorare ma mi hanno risposto che non avrei il tempo perché il doppiaggio richiede un impegno prolungato nel tempo e varie ore in studio ogni giorno. Appena ne avrò l'occasione spero però di poterlo fare perché amerei tantissimo vivere questa esperienza, sarebbe per me un onore grandissimo.
Il mio personaggio preferito del mondo Disney è Merida, del film Ribelle - The Brave. Mi piace molto perché mi riconosco particolarmente in questa principessa un po' guerriera, estroversa, sa quale che vuole.

Rispetto a quello di Luna come descriveresti il tuo stile?
Luna è un'esplosione di colori ma io sono un po' più tranquilla, classica ma moderna e principesca. Amo abbinare i colori, gli indumenti classici ed eleganti, senza mostrare molto.

Hai nel mondo della recitazione un modello a cui ti ispiri?
Amo moltissimo Robert Downey Jr., l'interprete di Iron Man e tantissimi altri personaggi. Lo apprezzo come attore: lo trovo elegante e mi piace moltissimo quando lo vedo nelle interviste e negli interventi pubblici, sul red carpet. E se esistesse Iron Girl vorrei interpretarla accanto a lui, dovrebbero inventarlo come personaggio!

A novembre festeggerai il tuo compleanno, hai già qualche progetto?
Non amo molto festeggiare ma se potessi realizzare un desiderio sarebbe trascorrere una giornata con la mia famiglia, anche chi purtroppo non c'è più.
In generale amo trascorrere il tempo con i miei amici, anche con chi ho conosciuto in Argentina, e la mia famiglia... cantare e ballare.