Recensione Criminal minds - Stagione 4

Quarta stagione e nuovi delitti per i criminal profiler dell'Unità di Analisi Comportamentale dell'F.B.I.

recensione Criminal minds - Stagione 4
Articolo a cura di

Criminal minds narra le vicende della squadra speciale di criminal profiler dell'unità di Analisi Comportamentale (Behavioral Analysis Unit, B.A.U.) dell'F.B.I. Compito principale del profiler è quello di elaborare un profilo psicologico e comportamentale degli assassini seriali partendo dall'analisi della vittima e della scena del crimine, fino ad arrivare a indagini più complesse e dettagliate. La squadra viene chiamata da ogni parte del Paese per aiutare le autorità locali a risolvere i casi più difficili ed intricati. Questi però non si esauriscono negli omicidi seriali ma includono anche crimini contro i bambini, rapimenti, piromania e minacce terroristiche.
La quarta stagione della serie è stata trasmessa negli Stati Uniti sul canale CBS dal 24 settembre 2008. In Italia invece questa stagione è andata in onda in prima visione dal 30 dicembre 2008 sul canale a pagamento satellitare Fox Crime e in chiaro su Raidue dall'11 settembre 2009.

Il team

Il team è composto dai migliori profiler dell'F.B.I.; il contributo di ogni agente è indispensabile per la risoluzione delle indagini ma è il lavoro di gruppo il vero punto di forza della squadra. L'agente speciale Aaron Hotchner è il supervisore del team. È una persona seria, fredda e silenziosa ma al tempo stesso si preoccupa per il benessere della squadra.
L'agente speciale Dereck Morgan è affascinante e sicuro di sé; è esperto in crimini ossessivi e ha una vasta conoscenza dei materiali esplosivi. L'agente speciale Emily Prentiss è figlia di un'ambasciatrice, ha vissuto per molto tempo in Medio Oriente e parla arabo, spagnolo, italiano e russo.
L'agente speciale Dr. Spencer Reid è il vero genio della squadra; membro più giovane del team è laureato in Psicologia e in Sociologia e ha un dottorato in Chimica, Matematica ed Ingegneria. Reid ha un quoziente intellettivo di 187, una memoria eidetica e può leggere 20.000 parole al minuto. L'agente Speciale Jennifer Jereau si occupa delle questioni burocratiche mentre Penelope Garcia è l'analista informatica della squadra. Infine l'agente speciale David Rossi, entrato nel cast della serie a partire dalla terza stagione, è uno dei fondatori dell'Unità di Analisi Comportamentale, ed è tornato all'F.B.I. per indagare su un caso irrisolto del suo passato.

La stagione 4

Questa stagione non si dimostra differente dalle altre per quanto riguarda la struttura degli episodi. Ognuno è indipendente dagli altri ed in genere termina con la risoluzione del caso. Non c'è una vera trama sottostante che fa da filo conduttore e viene dato pochissimo spazio alle storie dei personaggi, così come non vengono approfondite le relazioni tra di loro.
I personaggi possono essere coinvolti a livello personale da alcuni casi; ad esempio, nella quarta stagione, Spencer Reid si troverà ad indagare su di un caso di omicidio che riguarda la sua infanzia e che coinvolge parte della sua famiglia, mentre Derek Morgan sarà personalmente coinvolto in un caso di omicidio di agenti di polizia a Phoenix.
Particolarmente inquietante è il doppio episodio finale della stagione in cui le indagini verteranno su un serial killer che sceglie come vittime prostitute e senza tetto delle strade di Detroit per poi portarle in una vera e propria “casa degli orrori”, ai confini con il Canada. Il finale della serie vede anche la comparsa di un serial killer del passato, tornato per un membro della squadra in particolare, che lascerà tutti con il fiato sospeso fino alla prima puntata della quinta stagione.

Focus on the criminal. Not the crime.

Criminal minds si inserisce nel nuovo filone delle serie investigative volte alla comprensione della mente dell'assassino. L'approfondimento psicologico della mente criminale è l'elemento centrale della serie; i profiler indagano per scoprire le dinamiche più profonde della psiche dell'assassino che lo portano a commettere il crimine. Il viaggio all'interno della psicologia criminale è affascinante ed inquietante al tempo stesso; le tipologie di crimine sono sempre diverse e la serie non annoia nonostante le relazioni tra i personaggi principali non siano ben definite.
Le ambientazioni cambiano in ogni episodio; la squadra attraversa tutto il Paese passando dallo scenario dell'attacco terroristico nella metropoli ai delitti seriali in una piccola cittadina di montagna.
Il ritmo dei singoli episodi è incalzante e convince la recitazione dei personaggi principali perfettamente calati nel ruolo di agenti federali. In particolare spiccano le interpretazioni di Matthew Gray Gubler nei panni di Spencer Reid e di Thomas Gibson nel ruolo dell'agente supervisore Aaron Hotchner. Un' ultima osservazione: la serie appare maggiormente a caratterizzazione maschile, con i personaggi femminili segregati in ruoli marginali nei singoli episodi.

Criminal minds - Stagione 4 Criminal minds ci convince . La mente criminale è la vera protagonista della serie. I profiler si fanno da parte e ci guidano attraverso le distorsioni più profonde della psiche umana in cerca di comprensione, mai di giustificazione, in un viaggio che vale la pena effettuare.