Recensione Damages - Stagione 2

La vendetta di Ellen Parsons nei confronti di Patty ha inizio nella seconda stagione di Damages

Articolo a cura di

Nella precedente stagione di Damages, una innocente Ellen Parsons (neolaureata in legge) entrava nello studio della potente e temuta Patty Hewes, capendo a sue spese quanto fosse pericoloso quell'ambiente e, soprattutto, quella donna. Un finale a dir poco sanguinoso vedeva il suo fidanzato atrocemente ucciso, mentre un uomo cercava di ucciderla per conto di Patty. Il successo della prima stagione è da ricercare (oltre alla magnifica interpretazione di Glenn Close nei panni del personaggio straordinariamente contorto di Patty) sicuramente nella struttura a suo modo originale, che consisteva nel vedere parti del tragico epilogo in ogni puntata, come un sorta di puzzle da mettere insieme nel corso dei tredici episodi.

Vendetta

La seconda stagione di Damages ha come tema di fondo la vendetta, soprattutto quella di Ellen nei confronti di Patty. Assistiamo a una decisa trasformazione del suo personaggio che diventa sempre più glaciale, arrivando a non farsi scrupoli morali in nome della sua missione.
Il personaggio di Patty, invece, viene indagato da una prospettiva diversa, più intima, mettendone il luce le sue fragilità e la sua umanità, mostrandoci da vicino la sua vita privata.
La scelta, assai azzardata, si rivela efficace; lo "scambio di ruoli" viene reso in maniera egregia nel corso dei tredici episodi, a partire dalla scena iniziale, dove Ellen spara a sangue freddo, non si sa a chi o a cosa.

Puzzle

Ancora una volta Damages ricorre alla struttura a "puzzle" che aveva convinto nella prima stagione. Stavolta però gli autori decidono di mettere in campo una notevole quantità di trame e sottotrame che si vanno ad intrecciare nel corso degli episodi; ciò dona alla stagione una gradevolissimo senso di complessità, senza tuttavia farla risultare troppo intricata da infastidire lo spettatore.
I colpi di scena sono molti e ben diluiti nel corso dei tredici episodi.
Una menzione d'onore va alla trama riguardante Daniel Purcell (interpretato da William Hurt) e la UNR, che arriva a toccare temi attuali e preoccupanti come l'inquinamento perpetrato senza scrupoli delle mega corporazioni. Tutte le varie trame sono affrontate con grande maturità e maestria, facendo risultare la stagione molto più varia rispetto alla prima.

Contenuti speciali

Analizzando i contenuti speciali del cofanetto Dvd, segnaliamo un gran numero di scene eliminate, i commenti agli episodi del cast e della troupe (tra cui Glenn Close), un corposo riassunto in due parti della prima stagione e una piccola ma significativa analisi sui principali personaggi. Inoltre è presente uno speciale molto interessante sull'ideazione dell'intera stagione.

Non fidarti di nessuno

Concludendo, la seconda stagione di Damages è ottima in tutti i suoi aspetti: un'ottima trama ad intreccio condita da una recitazione eccellente (Glenn Close e William Hurt su tutti), maturità nella scrittura ed una regia elegante ed efficace.
Tra thriller, cospirazioni, vendette personali e tradimenti vi terrà incollati allo schermo fino alla conclusione.
Tredici episodi che affrontano tematiche varie e attuali, mettendo al centro della storia dei personaggi dalla moralità mai troppo definita, volutamente "grigi" e per questo molto interessanti.

Damages - stagione 2 La seconda stagione di Damages è ottima ad ogni livello: recitazione, scrittura, tematiche affrontate, comparto tecnico e intreccio. Assolutamente consigliata a tutti, specie a chi ha gradito la prima stagione.