Eyewitness, il thriller nordico che ha stregato l'America (e non solo)

Remake di un'omonima serie norvegese, su Usa Network a furor di popolo, è andato in onda l'ultimo convincente episodio. Qui la recensione di Eyewitness.

recensione Eyewitness, il thriller nordico che ha stregato l'America (e non solo)
Articolo a cura di
Carlo Lanna Carlo Lanna Giornalista Pubblicista, laureato in Giurisprudenza con un'insana passione per le serie tv ed il cinema.

La cultura televisiva europea ultimamente influenza in maniera considerevole i produttori americani. Sempre alla ricerca costante della serie perfetta, quella che possa unire pubblico e critica, l'America continua a volgere uno sguardo alla grande tradizione europea adattando, secondo i propri usi e costumi, alcune fra le serie tv che più hanno attirato l'attenzione degli esperti. Eyewitnesess è solo l'ultima produzione televisiva, in ordine di apparizione, che risponde ad una voglia di esplorare nuovi orizzonti e, soprattutto, di portare in tv qualcosa di nuovo, di diverso dal solito. Fra le serie di natura europea, adattate per il pubblico statunitense, si ricordano The Killing, Those Who Kill, The Bridge ed altre ancora; tutte sicuramente di ottima fattura, intriganti, con dei personaggi ben strutturati ed una trama dal grande appeal, eppure Eyewitness sembra avere una marcia in più, una componente che la distingue dalle altre. Pur rimanendo una serie tv molto convenzionale infatti, convince per un ritmo serrato e per una trama fresca, sincera e schietta, un vero andirivieni di grandi emozioni.

Trasmessa dallo scorso mese di ottobre sulle frequenze di Usa Network (e conclusasi qualche giorno fa con un episodio unico nel suo genere), Eyewitness è sviluppata da Adi Hasak (impegnato anche su Shades of Blue) e prodotta da Catherine Hardwicke (la mente dietro il successo di Twilight). Con un cast di giovani promesse delle tv di oggi, fra cui spunta un convincente Tyler Young (visto come guest star in Empire e Chicago Fire) e James Paxon, la serie tv in questione attira ancora di più l'attenzione perché affronta, con una disinvoltura che fa quasi spavento, l'omosessualità giovanile mascherando il tutto con una forte venatura thriller. Al centro della vicenda troviamo la storia d'amore fra Philip e Lukas, due ragazzini che vivono in un paesino dell'entroterra americano e che, mentre scoprono di essere attratti l'uno dall'altro, rimangono inconsapevolmente testimoni di un omicidio. Un avvenimento che finirà per innescare una lunga scia di eventi e, soprattutto, scoperchierà un vaso di Pandora fatto di tradimenti, segreti, colpi bassi e rovesci di fortuna. E mentre lo sceriffo Helen (nonché madre adottiva del giovane Philip) farà luce sul caso di omicidio, i due protagonisti cercano di costruire e di accettare la loro relazione, sapendo però che un oscuro destino trama alle loro spalle. I dieci episodi che compongono la prima stagione (anche questa è una serie antologica), sono tutti ben strutturati, soprattutto hanno una grande forza emotiva tanto da sconvolgere (letteralmente) i sentimenti del pubblico.

Does your stomach hurt?


Nulla di veramente eclatante e sconvolgente, questo bisogna ammetterlo. Eppure Eyewitnnes ha il pregio di aver affrontato con audacia e determinatezza la tematica LGBT, inserendola in un contesto diverso dal solito e dando libero spazio, non solo al rapporto fra i due protagonisti, ma soprattutto inscenando un thriller dal grande appeal che, episodio dopo episodio, si è arricchito di sfumature agghiaccianti. Particolare attenzione poi alla caratterizzazione dei personaggi, pennellati in maniera più che perfetta, senza sbavature, con luci ed ombre. Da Phillip, ragazzo problematico e con un passato difficile che si trova a dover nascondere un segreto più grande di lui, a suo agio con la propria omosessualità ma sicuramente ancora giovane ed inesperto per affrontare le sfide della vita; fino a Lukas, il classico maschio alpha che teme il giudizio degli altri ma che nasconde un animo fragile e compassionevole, e non dimentichiamo Helen, lo sceriffo di Tivoli, che rappresenta il girl power nella sua accezione più particolare, una donna forte che cerca di dimenticare anche lei un torbido passato. Un thriller che inesorabilmente è diventato molto social, alla luce di un grande impatto ottenuto fra il pubblico del web. Infatti la serie della Usa Network, pare abbia riscosso molto più successo fra gli assidui frequentatori di Twitter che su gli spettatori fisici. Se ogni domenica sera l'episodio riscuoteva appena 600 mila telespettatori, cinguettii e retweet, hanno intasato letteralmente sia l'account ufficiale dei due attori protagonisti che quello degli addetti ai lavori. Non solo si intuisce come i nuovi media abbiano cambiato il modo di fruire un programma televisivo, ma si capisce come il successo di una serie tv sia decretato solo ed esclusivamente dal pubblico virtuale; Eyewitness infatti è diventata la serie social dell'anno, con hashtag che sono diventati trend molte volte nell'arco dell'ultimo mese, scambi di gif animate e creazioni di playlist ad hoc. Ed alla fine di tutto, forse nessuno si sarebbe aspettato un impatto del genere.

La novità televisiva più incompresa del 2016.



E quindi è impossibile pensare che una serie con un tale background non abbia avuto il successo sperato (se non tardivo). Complice una poca pubblicità da parte del network di riferimento e soprattutto programmato in una sera molto competitiva (c'era da fronteggiare sia Westworld che The Walking Dead), Eyewitness vince comunque una scommessa che si credeva persa in partenza. Vince perché ha esplorato i rapporti umani, ha intrattenuto grazie ad un plot incastonato alla perfezione in un'atmosfera rarefatta e soffocante e, per di più, convince perché senza peli sulla lingua, ha raccontato una dolce e romantica storia d'amore fra due giovani ragazzi. Lo ha fatto senza strafare, senza forzature, solo con la consapevolezza di stare ad illustrare una tematica che, ormai, è all'ordine del giorno. Ci sarà una seconda stagione? La decisione è rimandata a fine gennaio, ma se il sogno dei fan dovrebbe avverarsi, Philip e Lukas, saranno di nuovo i due iconici protagonisti.

Eyewitness - Stagione 1 Eyewitness è un thriller teso, intenso ed asfissiante, una serie tv che gioca audacemente con tutti gli stilemi più particolari del crime drama. Convenzionale ma di grande impatto emotivo, convince in maniera inaspettata per una forte caratterizzazione dei personaggi, colpisce e stordisce la storia d'amore fra Lukas e Philip.

7