Recensione Lost - Stagione 6

The End... Lost saluta i suoi spettatori dopo sei stagioni con un finale emozionante, nonostante alcune domande restino irrisolte

recensione Lost - Stagione 6
Articolo a cura di

Lost è finito e porta con sé una fama pesantissima, quella di miglior serial tv dell’ultimo decennio. Senza dubbio alcuni non saranno d’accordo, ma l’opera di Lindelof e Cuse ha di fatto rappresentato una parte fondamentale della televisione dal 2004 (anno in cui è andato in onda il pilot) ad oggi. Come è possibile analizzare un fenomeno mediatico di tale entità? Indubbiamente il lavoro è arduo, anche perché arrivati al finale è necessario non solo analizzare gli ultimi episodi, sarebbe sinceramente troppo semplicistico per un serial che ha regalato così tanto a tutti i suoi fan, bensì tenere conto di quello che è stato il percorso che in questi 6 anni ci ha portati fino al tanto agognato momento finale, rappresentativo soprattutto per le straordinarie emozioni che ha saputo trasmettere.

Flash-Sideways

La sesta stagione prosegue il trend lanciato dalla precedente, focalizzandosi molto sul personaggio di “Evil Locke” o “Man in Black”, l’antagonista di Jacob senza un preciso nome, e le sue non precise intenzioni nei confronti dei personaggi naufragati sull’isola anni prima. Intermezzi (a volte molto interessanti, a volte meno) alla trama principale sono i cosiddetti Flash-Sideways, una sorta di “cosa sarebbe successo se...” che ricopriranno un ruolo fondamentale negli ultimi episodi. La trama, in entrambi i casi, si sviluppa lungo tutto un percorso (che in alcuni frangenti, ad essere sinceri, non sembra poi così ben definito come gli autori hanno voluto farci credere in questi anni) che porterà all’agognato epilogo nella diciottesima puntata. Gli ostacoli lungo il percorso, in particolar modo per questa sesta stagione, saranno innumerevoli: molti saranno gli addii, frequenti i momenti commoventi ed emozionanti, un solo finale.

Godetevi il viaggio

All’insegna del fatto che “è più importante il viaggio dell’arrivo” ribadiamo ancora una volta che una serie come Lost non può essere analizzata semplicemente per quel che è la puntata conclusiva, da molti amata, da molti criticata, da alcuni forse non capita. Al di là del fatto che essa possa sembrare un tentativo per sviare dalle molte (forse troppe) risposte ai misteri che non sono state date, è da capire che quello che abbiamo vissuto è da considerarsi proprio un viaggio dei personaggi, dei protagonisti che abbiamo imparato ad amare lungo 6 stagioni e più di un centinaio di episodi: nel momento in cui il viaggio arriva alla fine, nel momento in cui il “main event” è arrivato al suo naturale epilogo, sarebbe forse inopportuno aggiungere altro oltre a ciò che è già stato detto. Probabilmente altri segreti saranno svelati in futuro grazie ad operazioni commerciali incrociate (ad esempio l’enciclopedia di Lost o i contenuti speciali nei BluRay in vendita prossimamente), tuttavia una volta che si arriva alla fine non si sente così fortemente l’esigenza di conoscere e scoprire cose secondarie, rimaste irrisolte ma che passano in secondo piano di fronte a quanto viene proposto.

L'ultima stagione

Tralasciando per un momento il dibattito relativo alla conclusione e passando ad analizzare unicamente la sesta stagione, come da tradizione si alternano episodi incredibilmente avvincenti ad altri “filler” che in una stagione conclusiva non hanno proprio senso di esistere. Anzi, è proprio questo l’errore che appare più evidente e che fa pensare ad una mancanza di idee da parte degli autori: piuttosto che includere episodi che hanno un’utilità praticamente nulla ai fini della trama, perché non sviluppare altri episodi capaci di dare maggiori risposte ai quesiti rimasti incompiuti durante le stagioni precedenti? Quindi, pur non trattandosi della stagione migliore, né della peggiore, di Lost, appare adatta, ma non perfetta, a trasportare gli spettatori verso il capitolo conclusivo della saga. Dal punto di vista registico, delle interpretazioni e della sceneggiatura è in linea alla produzione degli anni scorsi. Un solo appunto: nel primo episodio un’immagine mostra gli abissi marini e, sinceramente, in Computer Grafica abbiamo visto molto di meglio negli anni pur senza poter disporre di un budget simile a quello di Lost, anche se questo è un difetto che la serie si porta dietro da tempo.

La vera protagonista di Lost

Il dibattito rimarrà aperto sicuramente per molti mesi, se non per anni: addirittura prima degli episodi finali a Milano, durante il Telefilm Festival, si è tenuta una tavola rotonda dal titolo “Lost: capolavoro assoluto o boiata pazzesca?”. Questo è solo un esempio che fa capire quanto Lost sia diventato un fenomeno mediatico, e quali dimensioni esso abbia raggiunto. Indubbiamente, Lost è stato uno dei pochi prodotti (insieme a Twin Peaks e pochi altri eletti) a saper catturare l’attenzione di molti, anche di coloro che non sono assidui spettatori di serie televisive. Ha fatto parlare di sé giornali e televisioni, ha portato alla ribalta attori che nel breve periodo hanno già pronti dei contratti per il cinema, ha introdotto nell’immaginario collettivo tutto un mondo che sarà sinceramente difficile da dimenticare. Il progetto Dharma, gli orsi polari, la botola, i numeri, l’elettromagnetismo, i flash-back, i flash-forward e i flash-sideways, ma più di tutto lei, la vera protagonista di questi 6 anni di serial tv: l’Isola.

Lost - Stagione 6 Un finale commovente ed emozionante per una delle migliori serie televisive di sempre. E non è un'esagerazione. Mancano alcune risposte, che non possono far passare in secondo piano la grandiosità che Lost ci ha saputo regalare - benchè a momenti alterni - durante questo indimenticabile lungo percorso durato 6 anni. Grazie Lost.