New Girl: Stagione 6 Recensione

La sesta annata della serie comica con protagonista Zooey Deschanel ha confermato la freschezza di un prodotto che resiste ai rischi di usura.

recensione New Girl: Stagione 6
Articolo a cura di

Il finale della sesta stagione di New Girl è andato in onda in un clima di incertezza, poiché poche settimane fa il protagonista maschile della serie, Jake Johnson, ha svelato in un'intervista che l'epilogo dell'annata in corso potrebbe anche essere la conclusione definitiva della serie, in assenza - per ora - di un annuncio da parte della Fox sul rinnovo per un settimo ciclo di episodi (per il quale l'intero cast è ancora sotto contratto, in base alle direttive dello Screen Actors Guild che consentono accordi a lungo termine fino a sette anni).
Un'incertezza che si riflette nelle scelte narrative effettuate dalla creatrice e showrunner Elizabeth Meriwether, che ha scritto l'episodio di commiato: in caso si continui, ci sono abbastanza porte aperte per esplorare ulteriormente l'evoluzione delle dinamiche tra i cinque personaggi principali; qualora invece questo dovesse essere l'addio di una serie capace di sopravvivere nonostante un progressivo calo di ascolti di anno in anno (compensato dalla fruizione a posteriori su piattaforme come Hulu e Netflix, che potrebbero forse concedere un'ulteriore chance allo show in caso di rifiuto del network tradizionale), ciò che ci è stato offerto è un epitaffio soddisfacente per chi ha seguito fedelmente dall'autunno del 2011 le avventure di Jess, Nick, Winston, Schmidt e Cece. Avventure che, dopo un esordio altalenante (sul piano contenutistico ma non a livello di gradimento del pubblico), sono migliorate per poi rimanere mediamente ben gestite e spassosissime.

Amici per sempre?

I dubbi sul futuro del programma sono importanti soprattutto per quanto riguarda Nick e Jess, eredi attuali di Sam e Diane, Ross e Rachel, J.D. e Elliot o Ted e Robin, e la sesta stagione ha sapientemente giocato con questo elemento, reintroducendo Reagan (Megan Fox) nell'episodio natalizio e poi proseguendo con una storyline che ha posto le basi per un finale dove la questione va inevitabilmente risolta in un modo o nell'altro. Chi ha un minimo di conoscenza delle convenzioni della serialità comica e/o ha letto le varie dichiarazioni dietro le quinte nel corso degli anni può facilmente immaginare come andrà a finire, ma New Girl non ha mai assecondato in pieno aspettative e cliché, il che dà alla narrazione una piacevole dose di suspense che in molti casi sarebbe meno presente una volta superato il traguardo delle cento puntate (con la fine della sesta stagione siamo a quota 138). Questo lo possiamo attribuire anche ad un gruppo affiatato di attori e personaggi che, decine di episodi dopo, sono ancora in grado di sorprenderci. Basti pensare alla penultima puntata, dove abbiamo assistito con gioia alla risoluzione di una sottotrama invisibile - il nome di battesimo di Schmidt - alla quale non era mai stato fatto caso in tutti questi anni.

Futuro ancora da scrivere

All'inizio della stagione aveva destato interesse soprattutto l'annunciato crossover con Brooklyn Nine-Nine, un'operazione commerciale che è comunque andata in porto senza sacrificare l'integrità delle due serie coinvolte. L'accostamento dei due programmi, accomunati dal palinsesto americano (durante l'autunno andavano in onda uno dopo l'altro), serve anche a ricordarci quanto la line-up comica della Fox risentirebbe di un'eventuale cancellazione di New Girl, sebbene la new entry The Mick (già rinnovata) sia piuttosto efficace. Ci mancherebbero lo charme bislacco di Zooey Deschanel, la simpatia naturale di Jake Johnson, le sfuriate di Max Greenfield. Ci mancherebbe quel misto di familiarità e sorpresa che caratterizza gli episodi migliori (vedi quanto detto prima sul nome di Schmidt). Detto ciò, in caso non dovessimo rivedere questo allegro gruppo al di fuori di repliche e bingewatching nostalgico, la sesta stagione può essere considerata un addio degno di questo nome, contenitore di tutti i punti di forza di uno show ancora immune agli effetti dell'eccesiva longevità.

New Girl - Stagione 6 La sesta stagione, segnata da un'incertezza sull'avvenire dello show, è rimasta fedele a ciò che rende piacevole seguire le avventure di Jess e dei suoi coinquilini, operando abilmente sul confine tra convenzioni narrative di genere e volontà di sorprendere lo spettatore. Qualora dovesse essere veramente l'annata finale della serie, non ci si poteva aspettare una conclusione più globalmente soddisfacente.

8