Recensione The Shield - Stagione 6

La penultima stagione della serie drammatica/poliziesca di FX

Articolo a cura di

The Shield - Stagione 6

La quinta stagione di The Shield terminò in modo scioccante con la morte di Lem. Già di per sé sarebbe bastata per scuotere la serie, il fatto però che la sua morte sia arrivata per mano di Shane ha dato una scossa ancora più forte al finale di stagione e quindi alla serie in generale. Noi abbiamo recensito per voi il cofanetto DVD della sesta, nonché penultima stagione, del drama poliziesco di FX. La quinta stagione, come abbiamo detto, si è conclusa con Shane che ha ucciso Lem con una granata, poichè convinto da Aceveda che Lem avrebbe “venduto” la squadra d'assalto; oltre a questo Claudette è riuscita finalmente ad ottenere il posto di capitano dell' “Ovile”; questi due saranno gli elementi chiave di tutta la sesta stagione, che vedrà Vic e gli altri indagare sull'omicidio di Lem.

I killed my friend

“E meno male che questo era il suo migliore amico, pensa che cosa farebbe ai nemici”.
La sesta stagione, composta da soli dieci episodi, sarà ovviamente incentrata quasi del tutto sull'omicidio di Lem e sugli effetti che ciò ha avuto sui personaggi; a differenza delle precedenti stagioni infatti ci sarà un'esplorazione dei “sub-plots” decisamente ridotta. Kavanaugh, alle sue ultime apparizioni, cercherà di incastrare per l'omicidio di Lem proprio Vic, mentre questi indagherà in modo ossessivo per trovare l'assassino. Tutto ciò ci mostrerà il protagonista dilaniato dal dolore per la perdita del suo amico, mentre Shane, intanto, proverà a distoglierlo dal continuare questa ricerca poichè il suo senso di colpa si fa sempre più forte, quasi come se dovesse finire per schiacciarlo. Abbiamo detto che i sub-plots saranno ridotti, ma ci sarà comunque tempo per analizzare il rapporto di Vic con i suoi figli, in particolare Cassidy, che avrà dei dubbi su suo padre a causa di alcune dicerie che girano su di lui. Anche Shane, oltre a dover fare i conti con la sua coscienza sporca, dovrà vedersela anche con la sua famiglia, con la quale avrà qualche problema. I guai per la squadra d'assalto però non finiscono qui, Claudette infatti, aiutata da Aceveda, sta cercando in tutti i modi di far ottenere a Vic il pensionamento anticipato per sbatterlo fuori dal dipartimento, tentativo che porterà delle novità all'interno del team.

We Make The Rules

“Impara le regole...e la prima è che le regole le facciamo noi!”
La squadra d'assalto subirà quindi dei cambiamenti, o per meglio dire beneficerà di alcune aggiunte, la prima è Kevin Hiatt, un ex agente INS che ha speso quattro anni al confine messicano prima di unirsi all'LAPD, raccomandato da Aceveda. Il capitano Wyms vuole che Hiatt prenda si il posto del defunto Lemansky, ma anche che prenda il posto di Vic in qualità di capo del team, rendendolo il primo “outsider” della squadra. All'inizio Vic mostrerà a Hiatt il suo lato “buono” per cercare di averlo dalla sua parte, poi però il nuovo arrivato avrà anche l'occasione di vedere l'altro lato di Vic, quello più oscuro e nascosto. Inoltre Hiatt esprimerà il suo desiderio di poter scegliere nuovi membri per la squadra, fatto che garantirà una seconda new-entry che non sarà assolutamente d'accordo con i metodi ed il comportamento di Vic.

Behind The Scenes

Il cofanetto della sesta stagione di The Shield si presenta in una semplicissima edizione Amaray con quattro dvd che ci offrono il commento audio ad ogni episodio, 39 scene eliminate con commento opzionale, un'anteprima della settima stagione e degli esclusivi dietro le quinte, per un totale di circa cento minuti di contenuti esclusivi. Nei Behind the Scenes ci si può gustare le interviste ai vari membri del cast e della crew, che ci spiegano anche come la sesta stagione in realtà dovesse essere la seconda parte della quinta stagione, per un totale di 21 episodi, mentre alla fine si sia scelto di dividere il tutto facendo così una sesta stagione, che è considerata un po' la 5.1. Il miglior contenuto speciale è sicuramente il dietro le quinte del sesto episodio della stagione, “Chasing Ghosts”, diretto da Frank Darabont che si era sempre dichiarato fan del telefilm e che era già stato sul set di The Shield senza però avere l'occasione di girarne un episodio. Le sue capacità hanno fatto fare alla regia un salto qualitativo notevole, soprattutto nella scena tra Vic e Shane, con un dialogo di sette pagine recitato ottimamente dai due attori che in questa stagione sembrano mostrare il meglio delle loro doti recitative. Vedere Darabont al lavoro sul set vale quasi il proverbiale prezzo del biglietto, vederlo poi adattarsi ad uno stile di regia completamente diverso dal suo, accettandolo ed anche migliorandolo è davvero grandioso, soprattutto per gli amanti dei Behind the Scenes. Oltre a lui un altro, anzi, altra special guest, è Franka Potente, attrice tedesca protagonista di Run Lola Run che è stata anche un personaggio importante nella trilogia di Bourne.

The Shield - Stagione 6 “You think that you're looking at me while you're only looking at a reflection of yourself” La sesta stagione di The Shield è quella che porta sicuramente i cambiamenti più significativi nel serial e che mette delle solide basi per la settima ed ultima stagione. Shane sarà perseguitato dal rimorso per aver ucciso il suo amico e questo lo terrà in un costante stato di agitazione non potendone parlare con nessuno. Nonostante la consapevolezza di aver compiuto un atto estremo e devastante, cercherà anche di convincersi, nella sua mente, di aver fatto qualcosa di “utile” per sé stesso, la sua famiglia ed i suoi amici/colleghi. Dall'altra parte ci sarà la disperazione di Vic combinata alla rabbia per aver perso uno dei suoi migliori amici senza sapere chi l'abbia ucciso. L'elemento “morale” è sempre stato fondamentale nella serie e, in questa stagione, sarà ancora più forte, con le azioni e le decisioni di Vic e Shane che verranno affrontate da vicino, confrontate e paragonate tra loro, tutto ciò in vista della settima stagione che sarà ancora più drammatica e moralmente intricata delle altre, portandoci così all'incredibile finale della serie.