Weekend nostalgia: i 10 momenti lacrima di Dawson’s Creek

La serie che ha segnato un'intera generazione, tra drammi adolescenziali e triangoli amorosi: ecco i 10 migliori momenti da lacrima di Dawson's Creek.

rubrica Weekend nostalgia: i 10 momenti lacrima di Dawson’s Creek
Articolo a cura di

"I don't want to wait for our lives to be over, I want to know right now, what will it be?". Quanti fazzoletti usati, quanti pomeriggi incolllati alla tv, quante chiacchiere con gli amici di scuola: chiunque sia stato adolescente tra la fine degli anni Novanta e l'inizio dei Duemila saprà di cosa stiamo parlando, della serie tv che ha di fatto segnato un genere e creato successivamente dei cloni più o meno riusciti (One Tree Hill, Gossip Girl, The Oc, 90210 per citarne alcuni), oltre che una generazione di malinconici e romantici spettatori. In onda dal 1998 al 2003 per sei stagioni, Dawson's Creek è il prodotto teen televisivo per eccellenza, un cult irresistibile per ragazzi e ragazze che ne hanno seguito la moda, condiviso le ansie tipiche dell'età, versando fiumi di lacrime ad ogni momento drammatico. E di questi Dawson's Creek è pieno, anche troppo, restando ancora oggi al primo posto fra i drammi adolescenziali pop, anche grazie alla lunga tradizione di prese in giro e meme che si trovano sul web. Quindi, tra l'espressione addolorata di Dawson Leery e i patemi d'amore di Joey Potter e Pacey Witter, abbiamo deciso di stilare per voi la lista dei dieci momenti da lacrima della serie. Munitevi di kleenex, buona lettura!

Addio Jen

Sguardo in camera e poi un ultimo saluto a quella bambina che non avrebbe visto crescere. Ed è proprio Dawson, nell'ultimo episodio della stagione finale della serie, a gridare azione: Jen, affetta da una grave malattia cardiaca, chiede all'amico di girare un video per la figlia Amy prima di morire poco dopo, lasciandola tra le braccia di Jack e del suo compagno Doug (il fratello poliziotto di Pacey). Struggente addio ad uno dei personaggi più sinceri e generosi di Dawson's Creek, che nel corso degli anni aveva guadagnato la fiducia del pubblico grazie ad un'evoluzione esemplare.

Mitch, il gelato, l'incidente fatale

Non c'è mai pace a Capeside, e quando tutto sembra andare finalmente per il verso giusto, un evento inaspettato sconvolge i piani della famiglia Leery: con un amore ritrovato e una bambina in arrivo, Mitch e Gail, i genitori di Dawson, si stanno preparando ad affrontare un'altra meravigliosa fase della loro vita insieme lasciandosi alle spalle i tradimenti e le incomprensioni, quando l'incidente automobilistico di lui durante la quinta stagione spezza l'idillio. Mitch morirà, ancor prima di conoscere sua figlia, per un tragico errore umano, non riuscendo a portare a casa quel maledetto gelato.

Pacey e Joey, il primo bacio

E se chi hai sempre considerato soltanto un amico fedele, sempre presente nel momento del bisogno, diventasse improvvisamente l'oggetto del tuo desiderio? Come nel più classico degli epiloghi adolescenziali, la stessa situazione si verifica durante le prime stagioni della serie con l'avvicinamento tra Joey e Pacey. Lei, annebbiata dall'amore platonico verso Dawson e in preda al panico di una cotta improvvisata, ha bisogno di lui anche nella peggiore emergenza ma qualcosa cambia e scatta il tanto agognato (dai fan) bacio. Con l'aggiunta di frasi ultra glicemiche e musica che commenta alla perfezione il momento.

Sono gay.

Tutta colpa di un compito scolastico. Jack McPhee, l'affascinante e riservato ragazzo della comitiva di Capeside, nasconde una serie di insicurezze e paure a causa della delicata situazione domestica: una mamma malata di mente, un rapporto difficile col padre, un lutto mai superato, sono parti di sé che ha cura di tenere sotto la superficie. Quando il professore di letteratura assegna ai suoi studenti un tema, Jack coglie l'occasione per dire finalmente la verità ed uscire dall'ombra, dichiarando la sua omosessualità in forma di poesia davanti agli amici. Un pianto collettivo investe chiunque, dai personaggi agli spettatori, ed è impossibile non venire contagiati dalla dolcezza del momento.

La telecamera di papà

Dopo la tragica scomparsa del padre, Dawson ha smarrito il senso di ogni cosa. Allontana chi vuole stargli vicino, ma soprattutto inizia ad interrogare il suo futuro e ciò su cui aveva investito le energie e i sogni. Come quello di diventare, un giorno, regista cinematografico seguendo le orme del suo idolo Steven Spielberg: Mitch se n'è andato e lui decide che non prenderà mai più in mano una telecamera, fino a quando ritrova tra la confusione degli oggetti sparsi in camera quella regalatogli dal padre diversi anni prima. Dal dolore nasce la speranza, e con essa la voglia di ricominciare a sognare.

Si salpa!

E' un episodio cruciale per il destino di Dawson's Creek, quello in cui gli equilibri vengono definitivamente rotti: parliamo del finale della terza stagione, all'alba di un'estate che segnerà ogni rapporto sentimentale dei nostri protagonisti. Pacey sta per salpare insieme alla sua piccola barca a vela verso orizzonti lontani, un viaggio che programmava da tempo e di cui ha bisogno per sfuggire alle delusioni dell'ultimo anno, ma vuole Joey. E Joey, dapprima non convinta, decide di partire insieme a lui, di fatto scegliendo il ragazzo e chiudendo le porte di un possibile riavvicinamento a Dawson.

La tempesta perfetta

Il cielo è nero sopra Capeside, un temporale sembra ormai in procinto di abbattersi sulla cittadina. Pacey e Jen si trovano a bordo di una barca quando vento e acqua la colpiscono violentemente, lasciandoli in balia delle onde altissime e in una situazione di grave pericolo. Dawson, che nel frattempo aveva individuato il luogo dove i due amici erano bloccati (dal momento che lui e Pacey erano soliti andarci da piccoli), corre in aiuto e li soccorre. La barca è distrutta, ma "la nostra amicizia è più importante" tuona Dawson, e le speranze di una tregua tra i due, separati dalla questione Joey, non sono poi così lontane.

Per il bene di Andie

Andie McPhee non manifesta meno problemi personali del fratello Jack, affezionandosi fin dal suo arrivo al liceo di Capeside a Pacey, che diventerà in seguito il suo fidanzato. La ragazza però soffre di forte depressione in seguito all'incidente dove morì l'altro fratello e di cui si è sempre sentita responsabile, e tutto questo influisce prepotentemente con le relazioni sociali. Giunta all'apice dei suoi disturbi psicologici, viene ricoverata in una clinica grazie al suggerimento di Pacey che, per il bene della ragazza, sollecita la famiglia ad occuparsene.


La caduta di Abby

Abby, giovane e sfrenata liceale, non aveva molti amici prima di conoscere Jen. Con lei condivide le pazzie dell'età, le feste e la passione per i ragazzi, ma resta comunque un'emarginata a causa del suo carattere. Soltanto Jen riesce ad intravedere il buono che c'è in lei e le fragilità derivate da una difficile situazione domestica, ma quando tutto sembra ormai sistemato, arriva inaspettata la tragedia. Le due ragazze prima si intrufolano ad un matrimonio, poi rubano degli alcolici e raggiungono il molo completamente ubriache e incapaci di intendere o volere. Abby cade in mare, affogando, mentre i tentativi di soccorso dell'amica sono vani.

The end

"Tutte le cose belle prima o poi finiscono". Spezzato in due episodi, il finale definitivo della serie effettua un salto temporale di cinque anni, dopo i quali ritroviamo i protagonisti alle prese con le loro vite: Jack è un professore di letteratura, Jen gestisce una galleria d'arte ed ha una bimba, Pacey gestisce un ristorante, Joey è un'editrice e Dawson ha finalmente realizzato il suo sogno (ora è regista di un teen drama ispirato alla sua vita). Tornati a Capeside per il matrimonio della mamma di Dawson, gli amici si ritroveranno prima della morte di Jen, per un'ultima volta tutti assieme, con uno sguardo rivolto al passato e uno al futuro.