Netflix

Iron Fist: Tutto quello che dovete sapere prima di vedere la serie

Chi è Daniel Rand, protagonista della nuova serie Marvel su Netflix? Ripercorriamo la storia del supereroe che avrà le fattezze di Finn Jones.

speciale Iron Fist: Tutto quello che dovete sapere prima di vedere la serie
Articolo a cura di

Il 17 marzo arriverà su Netflix Iron Fist, l'ultima delle quattro serie del Marvel Cinematic Universe che fungono da apripista per l'evento The Defenders (le prime tre sono state Daredevil, Jessica Jones e Luke Cage). Uno show segnato da una piccola controversia già in pre-produzione, con diverse persone - inclusi sceneggiatori e attori che lavorano per la Marvel - che si sono espresse in modo piuttosto critico sulla mancata scelta di un attore di origine asiatica per il ruolo del protagonista Daniel Rand, alias Iron Fist (il quale però nei fumetti è sempre stato bianco). Un personaggio che, dopo il crimine da strada in Daredevil, le riflessioni sulla violenza sessuale in Jessica Jones e il discorso sull'odio razziale in Luke Cage, conferma l'offerta variegata nel reparto Netflix della Marvel, essendo Daniel legato al mondo delle arti marziali (e alla componente più apertamente mistica e paranormale che dovrebbe fare capolino in The Defenders). Ma chi è questo personaggio che finalmente, dopo oltre quarant'anni di onorata carriera cartacea, debutta in versione live-action grazie alla piattaforma di streaming? In occasione della messa in onda della sua serie personale, abbiamo deciso di ripercorrere la storia di questo supereroe molto particolare.

Tanto tempo fa, in un fumetto lontano lontano...

La prima apparizione di Daniel "Danny" Rand risale alla primavera del 1974, nel quindicesimo numero di Marvel Premiere, mensile antologico dedicato ai debutti di nuovi personaggi (tra cui Scott Lang, recente protagonista del film Ant-Man) e alla reintroduzione di eroi che non avevano più la propria testata (i numeri 3-15 furono dedicati a Doctor Strange, che in questa sede fu promosso a Stregone Supremo). Creato a Roy Thomas e Gil Kane, Danny ha dominato i numeri 15-25 del mensile, prima di ottenere uno spazio tutto suo nel 1975. Iron Fist è durato però solo quindici mesi, e per salvare il personaggio si decise di unire le sue avventure a quelle di Luke Cage, noto all'epoca come Power Man. Un abbinamento vincente, poiché Power Man and Iron Fist ha avuto quasi dieci anni di vita, dalla primavera del 1978 all'autunno del 1986, prima di essere chiusa con un evento a dir poco scioccante: la morte di Rand, successivamente "resuscitato" nel 1991 con la spiegazione che il defunto era un impostore. Da allora è quasi sempre apparso in serie antologiche o sporadiche miniserie, fino all'ottenimento di un mensile apposito nel 2006 con The Immortal Iron Fist, pubblicato fino al 2009 per un totale di ventisette numeri. Dal 2010 al 2013 è apparso regolarmente in New Avengers in quanto membro fisso dell'omonimo team, mentre dal 2014 al 2015 è stato protagonista del mensile Iron Fist: The Living Weapon. Nel 2008 la defunta rivista americana Wizard l'ha votato uno dei 200 migliori personaggi dei fumetti (si classificò al posto 195), mentre il sito IGN l'ha eletto uno dei migliori supereroi cartacei nel 2011 (posto 68 su 100) e uno dei migliori Avengers nel 2012 (posto 46 su 50).

Da New York a K'un L'un

Danny è il figlio di Wendell Rand, magnate newyorkese, e Heather Duncan. Da giovane Wendell aveva scoperto l'esistenza della città mistica di K'un L'un, che si manifesta nella nostra realtà ad intervalli di diversi anni. Nel corso di una spedizione per ritrovare la città, Wendell e Heather muoiono (lui ucciso a tradimento dal collega Harold Meachum, lei sbranata da lupi mentre cerca di proteggere il figlio), e Daniel, che all'epoca aveva nove anni, viene accudito dagli abitanti di K'un L'un. Nel corso dell'adolescenza impara a padroneggiare le arti marziali, e a diciannove anni sfida e sconfigge il drago Shou-Lao, acquisendo il potere del "pugno d'acciaio": concentrando la propria energia vitale nel pugno, Danny è in grado di renderlo un'arma quasi indistruttibile, dalla potenza aumentata e immune al dolore. Questa tecnica, che Danny è in grado di utilizzare anche per guarire rapidamente e potenziare il proprio fisico in generale, richiede un grande consumo energetico che può avere effetti deleteri sulla salute fisica e mentale di chi se ne serve, rendendo necessario un periodo di riposo per ricaricarsi. Nel mensile The Immortal Iron Fist è stata esplorata la storia di questo potere, utilizzato da vari individui nel corso dei secoli, con uno spazio di rilievo accordato al predecessore di Danny, Orson Randall.

Lavoro di squadra

Una volta rientrato a New York e preso il controllo dell'azienda di famiglia dopo una resa dei conti con Meachum, Danny usa i suoi poteri per proteggere gli abitanti della città. Particolarmente significativo è il sodalizio con Luke Cage, un'amicizia solida messa però alla prova quando Danny diventa ricco, essendo Luke il simbolo della popolazione meno agiata. Insieme i due diventano "eroi in vendita", svolgendo attività in quanto guardie del corpo e investigatori privati. Del gruppo fanno parte anche Colleen Wing e Misty Knight, con la quale Danny ha una relazione che continua tuttora. Oltre a continuare ad essere Iron Fist, da solo o come membro dei New Avengers durante e dopo la Civil War, Danny ha anche vestito i panni di Daredevil quando questi è stato smascherato dai media, in modo da convincere il pubblico che il vigilante di Hell's Kitchen e l'avvocato Matt Murdock - il quale rischiava la radiazione dall'albo e la prigione a causa della rivelazione della sua identità segreta - fossero due persone diverse (Murdock ha successivamente confermato la verità, trasferendosi a San Francisco per poter continuare ad esercitare la professione giuridica, salvo poi tornare a New York dopo aver fatto dimenticare al pubblico il suo nesso con Daredevil).

Pugni alternativi

Come la maggior parte degli eroi Marvel, anche Iron Fist è stato sottoposto a variazioni grazie all'esistenza di universi alternativi. Nella realtà nota come MC2 (dove la figlia di Peter Parker, nata morta nell'universo Marvel classico, ha ereditato i poteri paterni ed è diventata Spider-Girl) fa capolino un Danny invecchiato, ritiratosi da attività eroiche dopo la morte di Misty ma costretto ad indossare ancora una volta il costume per sconfiggere un avversario con poteri simili ai suoi, noto come Dragon Fist. Nella miniserie Marvel Zombies si ritrova invece ad affrontare una versione non-morta dell'amico Luke Cage, sopravvivendo al morso di quest'ultimo grazie alle sue capacità mistiche. Ma la variante più sorprendente è quella vista in Ultimate Spider-Man, dove Danny, membro di un gruppo capitanato da Daredevil, è costretto a lavorare per il malvagio Kingpin per salvare la vita di sua figlia.

Dalla carta agli schermi

Il debutto televisivo di Iron Fist, in forma animata, risale al 2009 in un episodio di The Super Hero Squad Show, un adattamento più comico ed irriverente dei vari fumetti della Marvel, mentre nel 2012 è apparso in modalità più sera nella seconda stagione di The Avengers: Earth's Mightiest Heroes. Un'incarnazione più giovane ha fatto parte dei protagonisti di Ultimate Spider-Man, in onda dall'aprile del 2012 al gennaio del 2017. Per quanto concerne il live-action, si è iniziato a parlare nel 2000 di un lungometraggio cinematografico dove Danny doveva avere le fattezze di Ray Park, interprete di Darth Maul in Star Wars Episodio I e Toad in X-Men. Questa versione è stata rimandata continuamente fino alla creazione del Marvel Cinematic Universe, e nel 2010 è stata annunciata l'intenzione di portare sullo schermo un nuovo Iron Fist. Da lì è poi nato l'accordo con Netflix, con la possibilità di vedere questi personaggi anche al cinema, dovesse presentarsi l'opportunità giusta. Nel frattempo, non ci resta che vedere Finn Jones all'opera, prima da solo e poi insieme a Charlie Cox, Krysten Ritter e Mike Colter.