TF 2011

Speciale Telefilm Festival 2011 - Conferenza stampa di apertura

Si apre il Telefilm Festival 2011 con la prima conferenza stampa

Articolo a cura di

Si è aperta la IX edizione del Telefilm Festival, evento dedicato alle serie tv italiane ed internazionali che si tiene presso l'Apollo Spazio Cinema di Milano dal 27 giugno al 3 luglio 2011.
Noi di Serialeye potevamo forse rinunciare a questo imperdibile appuntamento? Ovviamente no, ragion per cui seguiremo passo passo la kermesse di questo festival documentando le proiezioni più attese e gli eventi più significativi. Eh già, perché il Telefilm Festival non è solo sinonimo di visioni e proiezioni, ma offre altresì una vastissima gamma di contenuti quali rassegne, incontri tra pubblico e attori, dibattiti e via discorrendo.

Durante la conferenza stampa di apertura è stato presentato l'intero palinsesto del festival, a cui ha fatto seguito un interessante incontro tra addetti ai lavori e l'intero cast di Freaks!, serie web nostrana giunta ormai al termine della prima stagione e divenuta prestissimo un autentico fenomeno mediatico in tutta Italia. Lo conferma il premio conferitole quale miglior prodotto italiano dell'anno.
I quattro protagonisti della serie hanno annunciato l'imminente realizzazione della seconda stagione, rispondendo alle domande dei giornalisti e specificando ulteriormente che Freaks! è un prodotto costruito unicamente dalle mani di non professionisti e che nessun componente del cast e della troupe ha ricevuto compenso per la prestazione fornita.
Questo è dunque un fattore a vantaggio dei giovani filmakers, i quali, alla domanda: "Come reagireste se la Rai o Mediaset vi offrissero la possibilità di girare la seconda stagione con loro?" rispondono: "Freaks! è un prodotto che funziona proprio perché conserva la sua atmosfera "naif", che sicuramente andrebbe smarrita in presenza di un budget più elevato. Senza dubbio ci farebbe piacere, ma per il momento preferiamo proseguire per la nostra strada". Una chiara dimostrazione di ciò che significa mantenere fede ai propri intenti.

Prima di "Freaks!", però, gli organizzatori del Telefilm Festival Leo Damerini, Fabrizio Margaria e Antonio Visca, in compagnia di Dario Moneta, hanno annunciato tutte le novità che vedremo nella prossima stagione; alcune di queste: The Playboy Club, serial, come suggerisce il titolo, incentrato sui primi anni di storia della celebre rivista Playboy, in particolare sulle sue prime Playmates, e Poe, basato sulla vita e le opere dello scrittore Edgar Allan Poe (1809-1849), le cui vesti saranno ereditate da Christopher Egan.
Tra le numerose anteprime a cui potremo assistere spiccano, su tutti, gli attesissimi Game of Thrones, che abbiamo già più volte preso in esame e del quale vi offriremo, nei prossimi giorni, il servizio esclusivo sulla conferenza stampa di presentazione, Falling Skies, serie fantascientifica prodotta dal genio di Steven Spielberg e interpretata dal Noah Wyle di E.R., Camelot, serie fantasy anch'essa, come "Games of Thrones", già trattata nel nostro portale, Teen Wolf, remake dell'omonimo cult anni '80 con Michael J. Fox, The Vampire Diaries 2 e Xanadu, di cui è stato proiettato l'episodio pilota subito dopo la conferenza stampa. "Non è tutto oro ciò che luccica..." tiene però a sottolineare Leo Damerini, che ha giustamente elogiato le serie meritevoli e quelle particolarmente attese e stroncato quelle che, nonostante le entusiastiche aspettative, si sono rivelate dei veri e propri fiaschi. Ne sono un esempio Wonder Woman e le nuove Charlie's Angels, prodotte niente meno che da una delle interpreti della versione cinematografica, Drew Barrymore.
Grande perplessità ha poi suscitato il fatto che la Regione Lombardia non abbia concesso il patrocinio al festival, per via (pare) della frase di lancio presente sul comunicato stampa di "Xanadu", ritenuta eccessiva.
Dopo questa carrellata su quanto il Telefilm Festival ci offrirà nei prossimi giorni, non vi resta che rimanere incollati sulle nostre pagine in attesa di leggere le prime recensioni e i resoconti degli eventi più attesi.