Netflix

The Defenders: Jessica Jones, la vera storia della supereroina Marvel

Dai fumetti alla TV, tutto quello che c'è da sapere e che (forse) non conoscevi su Jessica Jones, la supereoina del team The Defenders.

speciale The Defenders: Jessica Jones, la vera storia della supereroina Marvel
Articolo a cura di

A renderla nota agli appassionati di serie tv è stato lo show stand alone di Netflix tutto a lei dedicato, in cui l'abbiamo vista combattere contro Kilgrave, ma Jessica Jones è un'eroina da tempo cara agli amanti dei fumetti che l'hanno vista esordire sulle pagine del primo volume di Alias nel novembre del 2011. Come quasi tutti gli eroici personaggi della carta stampata, anche Jessica Campbell Jones Cage - questo il nome per esteso dell'eroina - ha dalla sua un'infanzia decisamente turbolenta.
Figlia di un impiegato delle Stark Idustries e patita di supereroi fin da piccolissima, la vita della futura supereroina cambia completamente quando i suoi genitori e sua sorella muoiono in un incidente durante una visita a Disney Word - offerta proprio dall'azienda del padre di Tony Stark alla sua famiglia - a causa del lei quale entra in coma per molto tempo e si risveglia grazie radiazioni cosmiche diffuse dall'arrivo sulla Terra di Galactus. Tornata in forma, la giovanissima Jessica trascorre un breve periodo in orfanotrofio per poi essere adottata da due amorevoli genitori che le daranno il cognome Jones.

I tanti volti di Jessica Jones

Solo qualche tempo dopo l'incidente che ha colpito lei e la sua famiglia Jessica Jones capirà che proprio quella disgrazia l'ha dotata di poteri sovraumani che deciderà di sfruttare per aiutare gli abitanti di New York, dopo aver assistito a uno scontro tra l'Uomo Ragno e l'Uomo Sabbia, con il nome di Jewel.

La carriera come "giustiziera" Jessica/Jewel durerà ben poco in quanto ben presto, come ci viene raccontato anche nella serie tv a lei dedicata, la ragazza farà conoscenza con l'Uomo Porpora diventando vittima del suo controllo mentale almeno fino a quando Kilgrave non si stancherà di lei abbandonandola in uno stato confusionale che porterà la Jones ad attaccare i colleghi Scarlet e i Vendicatori in una lotta in cui avrà la peggio finendo nuovamente in coma. Una volta svegliatasi e dotata di una protezione contro Kilgrave da Jean Grey, Jessica tenta nuovamente di diventare una supereroina assumendo la nuova identità di Knightress. Purtroppo però, dopo uno scontro in cui affianca Luke Cage e Iron Fist per sconfiggere il Gufo, sarà costretta a rivelare il suo vero nome alla polizia e a rinunciare ancora una volta e definitivamente al suo ruolo di vigilante.

L'Alias Investigations, gli amori e il ruolo di Jessica Jones nella Civil War

Dopo aver cercato invano di essere una supereoina, Jessica Jones decide di sfruttare comunque i suoi poteri e di aprire un'agenzia per le investigazioni, l'Alias Investigations. A differenza di quanto raccontato nello show Netflix, però, la Jones con la sua attività aiuterà soprattutto i supereroi instaurando rapporti molto stretti con alcuni di loro e romantici con Luke Cage, del quale alla fine diventerà la moglie, e Scott Lang (Ant-Man).

Nel fumetto scritto da Mark Millar e disegnato da Steve McNiven, Civil War, Jessica Jones è protagonista di una storyline estremamente interessante. L'eroina e suo marito Cage infatti si schierano contro la registrazione dei supereroi e in particolare Luke diventa il capo dei Nuovi Vendicatori mentre sua moglie va in esilio in Canada. In Secret Invasion, l'invasione degli Skrull convince Jessica a chiedere asilo politico nella Stark Tower e a registrarsi come superumana, come è raccontato nella serie Secret Invasion alla fine della quale sua figlia viene rapita proprio da un mutaforma. Fortunatamente la piccola viene ritrovata e messa in salvo da Cage in Dark Reign.

Una vera icona girl power

Pur essendo considerato un personaggio minore Marvel, Jessica Jones è una delle eroine femminili e post-femministe della Casa delle Idee. In particolare, la storia che la vede succube del potere di Kilgrave è una splendida metafora della violenza di genere e delle sue conseguenze sulla psiche delle donne - come ha ampiamente voluto sottolineare la serie con Krysten Ritter - le quali sono in grado sempre e comunque di rinascere e di riscostruirsi sulle ceneri del loro passato.

Unica esponente dell'altra metà del cielo del team The Defenders che non ha nulla - per forza fisica e tempra - da invidiare ai suoi colleghi uomini, Jessica Jones ha finalmente regalato alle appassionate di tv comic e di cine comic Marvel un'eroina di riferimento che non si vergogna delle sue fragilità, dei suoi limiti, dei suoi vizi e delle sue virtù. Un'icona il cui vero superpotere è quello di essere una persona che è stata spezzata. Una donna imperfetta.