Speciale The Flash - Verso il season finale

Alla WonderCon che si è svolta ad Anaheim, Andrew Kreisberg e alcuni membri del cast della serie targata The CW hanno rivelato nuove curiosità e anticipazioni su quello che accadrà nell'ultima parte della prima stagione dello show

speciale The Flash - Verso il season finale
Articolo a cura di

The Flash è tornato dopo una breve pausa sugli schermi d'America e dopo tutti i promo e spoiler che sono circolati in questi giorni, pare che - è proprio il caso di dirlo - fino alla fine della stagione ne vedremo delle belle. 
Ricapitoliamo un attimo cosa era successo negli ultimi episodi, incredibilmente ricchi di rivelazioni.
Barry Allen, aka The Flash, può viaggiare nel tempo. Wow.
Il Dr. Wells è il Reverse-Flash. Beh... in realtà il Dr. Wells non è nemmeno il vero Dr. Wells, ma un mutaforma che viene dal futuro (che sarà poi noto come Professor Zoom).
Barry ha scoperto che colui che crede il suo mentore è in qualche modo coinvolto nella morte di sua madre e si è rivolto a Joe come figura paterna di riferimento.
Insieme, i due hanno deciso di rivelare a Eddie la vera identità di The Flash affinché lui possa tenere Iris alla larga dal ficcanasare dove non dovrebbe.
Non male per una serie che è appena alla prima stagione, vero? E la maggior parte di queste cose è successa solo nell'ultima manciata di puntate!
Cosa ci dobbiamo aspettare nell'ultima parte di stagione? Un'idea ce la danno il produttore esecutivo Andrew Kreisberg e gli attori Danielle Panabaker, Candice Patton e Carlos Valdos, che abbiamo recentemente incontrato alla WonderCon di Anaheim. 

Cosa accadrà prima del season finale?

- Iris scoprirà (posso dire "finalmente!"?) l'identità segreta di Flash. Rivela la sua interprete, Candice Patton: "La reazione di Iris quando lo scopre, non riguarda tanto l'eccitazione o la gioia o la meraviglia dello scoprire che Barry sia un eroe, ma è piuttosto molto umanamente seccata che tutti abbiano pensato che fosse accettabile nasconderle questo segreto".

- Vedremo Caitlin Snow diventare Killer Frost "molto prima di quanto crediate". Quando le abbiamo di descrivere il finale in una parola, Danielle Panabaker ha simpaticamente risposto: "Frosty" (ndr: letteralmente vuol dire "ghiacciato", ma è ovviamente un gioco di parole riferito al nome del personaggio)

- Il produttore esecutivo Kreisberg: "C'è un'enorme differenza nella timeline alternativa che avrà delle ripercussioni su tutti i personaggi. Negli ultimi episodi tutti quanti verranno a conoscenza di quale sarebbe dovuto essere il loro futuro. Speriamo che troverete eccitante come speriamo il poter vedere le reazioni di ogni singolo personaggio e cosa faranno per fare in modo che il futuro accada esattamente in quella maniera. E scoprire chi invece dirà: 'No, mi dispiace, non è così che voglio che vada.'".

- Parliamo di crossover. Arrow tornerà in The Flash. "E' fantastico vedere le interazioni tra quei due", ha detto Danielle Panabaker. "Arrow è un tipo molto musone, mentre Flash non è così meditativo o lontanamente così dark, quindi è molto interessante vedere il contrasto quando questi due eroi si incontrano".

Anticipazioni sul crossover e sulla seconda stagione

- Nell'episodio 1x18 (andato in onda il 14 aprile su CW), anche i personaggi di Arrow Ray Palmer e Felicity Smoak torneranno a Central City. "Palmer ha qualche problema con la sua tuta da Atom è chi meglio di Cisco può aiutarlo a sistemare la cosa?" ha rivelato Kreisberg. "Ovviamente, non è uno dei momenti migliori per far visita a Barry, che ha appena scoperto che il Dr. Wells è in realtà il Reverse-Flash. Dietro questa visita a sorpresa si nasconde in realtà uno scopo più grande. Barry e Felicity hanno un rapporto molto stretto e nonostante tutti pensino che Barry stia bene, lei riesce subito a capire che c'è qualcosa che non va. La cosa fantastica di Felicity è che lei è -a suo modo- un'eroina da molto più tempo di quanto non lo sia Barry, e questa sua esperienza torna decisamente utile in questa occasione. Ad esempio riesce ad aiutarlo a capire come gestire i segreti delle persone con cui lavora, cosa in cui - come sappiamo - Felicity è molto brava".

- Altre chicche dai prossimi crossover tra The Flash e Arrow, sempre tramite Kreisberg: "Una delle storie più divertenti che abbiamo scritto è l'interazione di Cisco con Laurel. La ragione per cui Laurel si reca agli Star Labs è per chiedere aiuto a Cisco per il suo "Canary Cry" e averne uno che funziona proprio come nel fumetto. Immaginate come possa reagire Cisco, che, fondamentalmente, rappresenta tutti noi: quale sarebbe la vostra reazione se incontraste the Black Canary?".

- Nell'episodio 1x20 vedremo dei flashback di quando Barry era in coma. Dovrebbe essere interessante vedere tutti quanti al tempo: Caitlin che non era ancora la ragazza che conosciamo, come Barry sia stato trasferito agli Star Labs, piccoli stralci di Iris e Joe all'epoca e così via dicendo.

- Qualche anticipazione per chi dobbiamo aspettarci di incontrare nella seconda stagione? Kreisberg: "Abbiamo una cosa che farà impazzire i fan. C'è la volontà di adattare in qualche modo il Flashpoint della DC Comics. E senza dubbio vorremmo introdurre Mirror Master e Doctor Alchemy. E non mi sorprenderei se un giorno vedeste apparire anche Wally West nella serie..." (ndr: nei fumetti Wally West è il protetto e possibile successore di Barry).

- Un'ultima simpatica curiosità emersa alla WonderCon riguarda la pronuncia del nome di Ra's al Ghul, il supercattivo di Arrow (serie che - come sapete - è prodotto dallo stesso studios e dagli stessi sceneggiatori/produttori di The Flash). In alcune occasioni nelle due serie lo sentiamo pronunciare come "rahs" mentre altre volte come "Raysh". Kreisberg ha spiegato perché la cosa è voluta: "La maggior parte dei fan dei fumetti lo chiamano ‘Rays'. La confusione si è creata quando il regista Christopher Nolan ha deciso di farlo chiamare "Rahs" in Batman Begins. Per questo motivo nelle nostre serie abbiamo deciso che gli alleati del personaggio lo chiamano ‘Raysh', mentre i suoi nemici lo chiamano ‘Rahs'". Interessante, no?