Le Serie TV più attese in uscita nel 2016

Scopriamo alcune delle serie TV più attese dell'inizio del 2016, tra ritorni illustri come quello di X-Files e attesi adattamenti di romanzi.

speciale Le Serie TV più attese in uscita nel 2016
Articolo a cura di

Anno dopo anno, l'offerta seriale si arricchisce di nuovi titoli grazie a un settore in continua evoluzione ed espansione: emittenti tradizionali e via cavo, piattaforme di streaming e persino canali YouTube sono sempre al lavoro per offrire agli spettatori prodotti di qualità, coinvolgenti e innovativi. Con un'offerta così variegata e costante le pause invernali ed estive degli anni passati sono ormai solo un ricordo e la programmazione statunitense e internazionale regala dodici mesi di proposte in grado di accontentare ogni tipo di spettatore.
Provare a individuare una lista di dieci titoli da non perdere nel 2016 diventa così sempre più complicato, tuttavia si può comunque provare a individuare 10 + 1 progetti che meritano particolare attenzione e in arrivo nella prima metà del nuovo anno, in rigoroso ordine alfabetico.

Colony

Il debutto ufficiale dello show è previsto su USA Network il 14 gennaio, tuttavia l'emittente ha già permesso ai suoi fan di vedere in anteprima il pilot grazie a una campagna lanciata su Twitter. Il serial appartiene al genere sci-fi ed è stato creato da Carlton Cuse e Ryan Condal.
I protagonisti sono Josh Holloway e Sarah Wayne Callies nei ruoli di Will e sua moglie Katie. Uno dei figli della coppia è stato separato da loro durante l'invasione aliena che ha causato la divisione della popolazione in chi sostiene l'occupazione e la resistenza che cerca di contrastarla. Quando il potente Proxy Snyder (Peter Jacobson) offre a Will la possibilità di riavere indietro suo figlio in cambio della sua collaborazione con il governo dell'occupazione, la situazione della famiglia diventerà particolarmente complicata.
Colony potrebbe confermare l'ottimo livello raggiunto dalle proposte di USA Network - dopo il recente successo di Mr.Robot - e l'accoppiata Cuse-Holloway attirerà sicuramente anche l'attenzione dei fan di Lost. Il primo episodio risulta piuttosto interessante e ricco di spunti e, pur non entusiasmando, appare in grado di mantenere viva l'attenzione degli spettatori anche grazie all'ottima regia di Juan J. Campanella (Il segreto dei suoi occhi).

Legends of Tomorrow

L'annunciato spinoff di Arrow e The Flash arriverà su The CW il 21 gennaio e unirà alcuni dei personaggi delle due serie tratte dai fumetti della DC, oltre a introdurne di nuovi.
La serie antologica racconterà infatti quello che accade quando Rip Hunter (Arthur Darvill) torna indietro nel tempo per creare un team di eroi e villain con lo scopo di impedire a Vandal Savage (Casper Crump) di distruggere il mondo. Nella difficile missione saranno quindi coinvolti Firestorm, The Atom, White Canary, Heat Wave, Captain Cold, Hawkgirl e Hawkman.
Il progetto può contare sull'esperienza di Greg Berlanti, Andrew Kreisberg e Marc Guggenheim, mentre lo showrunner sarà Phil Klemmer, già nel team di apprezzate serie tv come Veronica Mars e Chuck.
Lo show sembra già destinato a replicare gli ottimi dati di ascolto ottenuti da progetti analoghi e l'insieme variegato di personaggi scelti per sostenere la storia promette di dare vita a episodi ricchi d'azione e la giusta dose di ironia.
Dopo il recente crossover tra The Flash e Arrow che ha introdotto alcuni importanti tasselli della trama, ormai l'attesa sta per concludersi e già si sta già discutendo online della possibile seconda stagione.

Lucifer

L'adattamento dei popolari fumetti di Neil Gaiman prodotto dal network Fox andrà in onda dal 25 gennaio negli Stati Uniti. Con una struttura vicina a quella di un procedural, Lucifer racconterà quello che accade quando il Signore degli Inferi decide di abbandonare il suo trono per trasferirsi a Los Angeles dove, per una serie di circostanze, si ritrova ad aiutare la polizia nel rintracciare e assicurare alla giustizia i criminali.
Il ruolo di Lucifer Morningstar è stato affidato all'attore Tom Ellis e l'attore britannico avrà il difficile compito di portare sul piccolo schermo un personaggio "diabolicamente" affascinante e di sostenere la narrazione che potrebbe risultare piuttosto ripetitiva a causa dei casi settimanali. Due nomi come Len Wiseman e Jerry Bruckheimer rappresentano una garanzia per quanto riguarda la produzione e la fusione tra poliziesco e sovrannaturale potrebbe rivelarsi vincente.

Sneaky Pete

Dopo la rinuncia della CBS, sono stati i responsabili di Amazon Studios a dare una seconda chance a Sneaky Pete: il serial ideato da Bryan Cranston e David Shore arriverà infatti sulla piattaforma di streaming di Amazon Prime nel 2016.
Il protagonista è Giovanni Ribisi - un attore molto conosciuto dagli appassionati di serie tv - nel ruolo di Marius: un ex detenuto che, una volta libero, assume l'identità del suo compagno di cella, Pete, e va a vivere con la sua famiglia, rimanendo coinvolto nelle loro attività. L'uomo diventa quindi un criminale che cerca di fermare persone che compiono attività illegali e, nel frattempo, scopre la famiglia che non ha mai avuto.
Amazon Studios, negli ultimi anni, rappresenta ormai una garanzia in campo seriale dopo la produzione di alcuni progetti di grande qualità tra cui il pluripremiato Transparent, Mozart in the Jungle, o il recente The Man in the High Castle.

Shadowhunters

Dopo un film dai risultati deludenti ai box office, i personaggi ideati dalla scrittrice Cassandra Clare ritornano in azione grazie alla versione televisiva che debutterà su Freeform (il nuovo nome di ABC Family).
L'accoglienza riservata alle prime immagini dello show è stata buona da parte dei fan della storia della giovane Clary Fray che, nel giorno del suo compleanno, scopre di essere una shadowhunter e di avere la capacità di combattere demoni e creature sovrannaturali.
Al posto di Lily Collins c'è l'attrice Katherine McNamara, mentre il misterioso Jace Wayland sarà interpretato da Dominic Sherwood e la parte di Simon Lewis è stata affidata ad Alberto Rosende.
La première andrà in onda il 12 gennaio negli Stati Uniti ed è stata Netflix a conquistarne i diritti internazionali. Azione, romanticismo e molto mistero animeranno le puntate che dovrebbero seguire i romanzi pur concendendosi alcune libertà.

The Shannara Chronicles

Il mondo creato da Terry Brooks è tra i primi serial ad arrivare sugli schermi americani nel 2016: la première di The Shannara Chronicles è infatti in programma il 5 gennaio su MTV, mentre in Italia verrà proposta da Sky Atlantic il 15 gennaio.
La storia è ambientata centinaia di anni dopo la fine della civiltà e i protagonisti sono la principessa Amberle Elessedil (Poppy Drayton), il giovane metà umano e metà elfo Wil Ohmsford (Austin Butler), e l'umana Eretria (Ivana Banquero) che iniziano un viaggio pericoloso nel tentativo di salvare l'albero elfico Ellcrys e riuscire a proteggere le Quattro Terre dal mondo dei Demoni.
Nell'attuale panorama televisivo manca sicuramente uno show di genere fantasy e il progetto ideato da Alfred Gough e Miles Millar sembra avere le carte in regola per conquistare il pubblico. I primi trailer e sneak peek hanno infatti mostrato paesaggi meravigliosi, grazie alle riprese in Nuova Zelanda, effetti speciali ben realizzati e dettagli ben curati.
Non resta che attendere per scoprire se le opere di Brooks saranno all'altezza delle aspettative.

The Path

La piattaforma di streaming Hulu regalerà dal 30 marzo 2016 uno dei progetti più interessanti della stagione grazie a un team produttivo di altissimo livello e un cast composto da volti molto amati dagli appassionati di serie tv.
Aaron Paul, dopo Breaking Bad, sarà il protagonista dei dieci episodi prodotti da Jason Katims, Michelle Lee e Jessica Goldberg, ideatrice dello show che sembra essere stato ispirato da Scientology.
Le puntate seguiranno infatti quanto accade a una famiglia al centro di un controverso culto e i cui membri devono lottare con questioni legate ai rapporti, alla fede e al potere.
Recitano, accanto a Paul, anche Michelle Monaghan, Sarah Jones e Hugh Dancy.

The Trial

L'annata positiva di Amazon potrebbe proseguire con The Trial: dieci episodi creati dall'esperto David E. Kelley.
Il protagonista è Billy McBride (Billy Bob Thornton): un avvocato dal passato di successo che è stato spodestato dallo studio legale di alto profilo che aveva contribuito a creare e ora passa il suo tempo ubriacandosi, lavorando ogni tanto ai casi proposti dalla sua ex-moglie. La situazione cambia quando un giovane avvocato, appena licenziato dal suo ex studio, gli porta il caso di una persona condannata alla pena di morte per errore, situazione che li pone a combattere contro chi li ha allontanati.
La sua occasione dipenderà dalla possibilità di ottenere giustizia in un sistema legale in cui la verità è diventata una merce e la giustizia non è mai stata così a favore dei ricchi e potenti.
Fanno parte del cast anche William Hurt, Maria Bello, Olivia Thirlby, Molly Parker e Sarah Wynter.

X-Files

La serie cult ideata da Chris Carter ritornerà in tv il 24 gennaio e ormai da mesi i fan sono in attesa di scoprire cosa è cambiato nella vita degli agenti Mulder e Scully (David Duchovny e Gillian Anderson), e i dettagli sui nuovi misteri su cui indagheranno.
Tra i tanti ritorni nel cast anche gli attori Mitch Pileggi e William B. Davis, mentre tra le guest star i sono Annet Mahendru, Joel McHale, Lauren Ambrose, Robbie Amell e Kumail Nanjiani.
Pochi gli episodi previsti, solo sei, ma già si parla di una possibile rinnovo da parte della Fox dopo la messa in onda del revival.

11.22.63

Il 15 febbraio Hulu metterà a disposizione dei suoi utenti gli episodi della serie limitata 11.22.63, tratta dall'omonimo romanzo dello scrittore Stephen King.
Il protagonista sarà l'attore James Franco nel ruolo di Jake Epping: un insegnante che viaggia indietro nel tempo, nel 1958, e cerca di impedire l'omicidio del presidente Kennedy. La situazione si complicherà quando Jake si innamora e si rende conto che forse il passato non vuole essere modificato.
Le otto parti in cui è stata suddivisa la storia può contare sulla produzione della Bad Robot di proprietà del regista J.J. Abrams e dalla Warner Bros. Television, e un narratore del calibro di King è sempre una garanzia dal punto di vista narrativo.