Weekend nostalgia: i dieci momenti shock di The O.C.

Quasi dieci anni fa terminava la serie creata da Josh Schwartz: ripercorriamo insieme i dieci momenti più scioccanti di The O.C.

speciale Weekend nostalgia: i dieci momenti shock di The O.C.
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

California here we come, quante volte l'abbiamo ripetuto e cantato a squarciagola? La generazione degli anni duemila ha sognato spiagge dorate, sole, case lussuose, feste folli e condensato tutta la felicità e la malinconia che caratterizzano la delicata fase dell'adolescenza in un solo show televisivo, diventato poi un cult di riferimento per i ragazzi in cerca di nuove proposte di genere dopo l'addio di Dawson's Creek e Beverly Hills 90210. Molto più simile al "cugino" californiano, per ambientazione ed estrazione sociale dei personaggi, The O.C. è la serie creata da Josh Schwartz (Gossip Girl, The Carrie Diaries) andata in onda dal 2003 al 2007 sulle reti Fox, e protagonista del nostro appuntamento settimanale con la nostalgia: a Newport Beach, frazione di Orange County (da qui l'acronimo del titolo), i privilegi dei giovani ricchi andavano scontrandosi con il desiderio di rivalsa dei meno fortunati, così da creare un mix di situazioni spesso drammatiche, come quelle vissute da Ryan Atwood, Seth Cohen, Marissa Cooper, Summer Roberts e tutti gli altri, di seguito riassunte nei dieci momenti shock di The O.C. Buona lettura!

Marissa in overdose a Tijuana

La fine delle vacanze estive porta con sé la voglia di assaporare gli ultimi istanti di libertà: per Seth, nerd solitario dall'anima candida, l'amicizia con Ryan costruita nei primi episodi della stagione d'esordio di The O.C. diventa un'occasione ghiotta per uscire dalla tana nella quale si era rintanato e provare nuove esperienze, come quella del weekend a Tijuana dove insieme ai due ragazzi si aggiungono anche Summer e Marissa. Resa più fragile e triste a causa di diversi fattori (il divorzio dei genitori, la scoperta dei vari tradimenti del fidanzato Luke), Marissa ruba gli analgesici della migliore amica e viene ritrovata da Ryan al ciglio della strada in overdose.

La crisi di Oliver

Marissa Cooper è famosa per attirare guai e personaggi sgradevoli: è il caso di Oliver Trask, un ragazzo con gravi problemi mentali conosciuto nello studio dello stesso psichiatra con il quale intraprenderà uno strano rapporto di amicizia e interesse sentimentale (più da parte di lui in realtà). Tutti sembrano aver avvertito un certo disagio e la mettono in guardia da eventuali rischi, da Luke a Summer, fino all'ultimo arrivato Ryan che addirittura reagisce in modo violento picchiandolo. Il culmine di questa situazione giunge con la crisi di Oliver: un eccesso di gelosia nei confronti di Atwood, che nel frattempo è diventato il ragazzo di Marissa, e una pistola puntata contro la ragazza, risolta tempestivamente dall'intervento di Ryan e Sandy, sono gli eventi della puntata 1x18.

La fuga in barca di Seth

La prima stagione di The O.C. si chiude con una serie di drammatici addii: Ryan decide di tornare a Chino assumendosi la responsabilità della gravidanza di Theresa, la sua ex, rompendo definitivamente con Marissa (che ricomincerà a dipendere da alcool e droga) e lasciando solo Seth a Newport. Il ragazzo, che ormai non ha ragioni per restare, salpa con il suo catamarano alla volta di Tahiti per un viaggio di sola andata.

Kirsten va in rehab

Nel corso della seconda stagione, il personaggio di Kirsten Cohen viene maggiormente approfondito nella sua fragilità, che spesso sfocia in un'eccessiva dipendenza dall'alcool, unico e apparente rimedio al dolore. La morte del padre Caleb Nichol, sopraggiunta all'improvviso, la getta in uno stato confusionario di lenta ripresa, tanto da preoccupare il marito Sandy che, insieme a Seth e Ryan, convince la moglie ad entrare in un centro di riabilitazione per alcolisti.

Trey, Marissa e un colpo di pistola

L'arrivo di Trey Atwood, fratello maggiore di Ryan e suo ex compagno di rapine e altri piccoli crimini, a Newport stravolge gli equilibri della famiglia Cohen e delle amicizie che gravitano intorno al ragazzo di Chino. Non solo si rende protagonista di affari loschi, ma tenta di avvicinarsi a Marissa quando sa che è la fidanzata di Ryan, tradendo dunque tutta la fiducia in lui riposta dopo che il delinquente è uscito di prigione. Proprio nell'epilogo della seconda stagione, la ragazza "risolve" la rissa violenta tra i due sparando un colpo di pistola a Trey che rimane a terra in una pozza di sangue sotto lo sguardo attonito degli amici.

Julie mollata all'altare da Jimmy

La morte di Caleb Nichol scatena diverse situazioni inaspettate: la società di famiglia che gestiva, il Newport Group, è in bancarotta. La famiglia è sconvolta ma non quanto Jimmy Cooper, che sperava nell'eredità di Caleb per saldare vecchi debiti una volta sposatosi (di nuovo) con Julie, con la quale ha ricucito i rapporti. Nonostante la fresca proposta di matrimonio, Jimmy fugge via in barca lasciando ad un passo dall'altare Julie e perdendo la fiducia di Marissa.

Il salto nel buio di Johnny

Dopo il tentato omicidio di Trey, Marissa viene spedita in una scuola pubblica, la Newport Union School, dove conosce Johnny Harper, adolescente timido e problematico con il talento del surf. Alle spalle ha un passato difficile di violenze domestiche e abbandoni, davanti invece il sogno di diventare un surfer professionista che si interrompe tragicamente a causa di un incidente. Questo evento, unito all'amore non corrisposto di Marissa, lo spingono in una profonda depressione: ubriaco, una sera si sporge troppo da una scogliera e precipita giù morendo pochi istanti dopo.

L'incendio al Newport Group

Seth non è stato ammesso alla Brown University, Kirsten è dipendente dall'alcool e Sandy viene eletto uomo dell'anno. Queste tre strade sembrano essere la scintilla che fa scattare un evento inaspettato sulle ultime battute della terza stagione: basta uno spinello acceso caduto per terra ad innescare l'incendio provocato da Seth che distrugge l'intera sede del Newport Group, lasciando tutti senza parole. E nel momento di maggiore riconoscimento per Sandy, arriva la polizia ad arrestare suo figlio.

Addio Marissa

Sulle note di Hallelujah (cover di Imogen Heap) si consuma forse il momento più drammatico dell'intera serie. Stiamo parlando, ovviamente, del tragico finale della terza stagione con la morte di Marissa al termine di un inseguimento fra Ryan e Volchock. Spinta fuori dalla corsia, l'auto del ragazzo di Chino finisce per capovolgersi su se stessa fino allo scontro fatale, con lei in fin di vita e la macchina che esplode un attimo dopo. Il montaggio di scene suggerisce il ricordo del loro primo incontro sul vialetto di casa dei Cohen, e l'ultimo saluto ad un amore che non guarderà mai più negli occhi.

Il terremoto e la ricostruzione

Un forte terremoto colpisce Newport negli episodi conclusivi della quarta, e ultima stagione di The O.C. Tutti i personaggi ne scontano le pesanti conseguenze: Kirsten scivola e teme di aver perso il bambino che aspetta da Sandy, Ryan è ferito e il tetto della casa dei Cohen è crollato. Niente è come prima, tutto andrà ricostruito, in un epilogo che tra note dolci e amare consegna ai fan il lieto fine tanto atteso, con un salto temporale grazie al quale vediamo Seth e Summer sposarsi, Kirsten e Sandy vivere felici con la loro piccola bambina e Ryan diventare un architetto.