The Walking Dead: Robert Kirkman si scusa per la morte di un personaggio

di
Robert Kirkman, creatore di "The Walking Dead", scrive una lettera ai fan in cui si scusa per la morte di uno dei personaggi principali della serie a fumetti. Attenzione: quanto riportato di seguito contiene enormi spoiler sulla trama del fumetto e della serie, se non volete anticipazioni potete interrompere qui la lettura.

Non tutte le morti sono uguali nel mondo di The Walking Dead. Nel numero 167 del fumetto zombie, Robert Kirkman potrebbe aver appena consegnato una delle morti più sconvolgenti della serie. Il personaggio iniziale di Andrea è stato ucciso nel numero di questo mese. Stava combattendo una massiccia orda di zombie durante un attacco da parte del nuovo gruppo "Salvatori", quando Andrea è stata morsa da uno zombie sul collo. Dopo aver combattuto per proteggere Alexandria, è tornata a casa del partner Rick, che immediatamente ha realizzato che dal posizionamento del morso significava morte certa.

Nell'ultimo numero, Andrea è stato in grado di dire addio a tutti - compreso Carl - ed a fornire a Rick l'incoraggiamento di cui aveva bisogno per guidare la comunità. Dopo la sua morte, Rick inizialmente non era riuscito a sparare ad Andrea Zombie per poi accoltellare il suo amore alla testa prima di incontrare il resto della comunità e facendo un passo indietro nel suo ruolo di leader. Questo numero ha segnato la fine per uno dei personaggi principali del fumetto che, come Rick, Carl e Michonne, era considerato intoccabile. I fan di The Walking Dead della AMC ricorderanno la versione di Laurie Holden di Andrea la quale è stata scandalosamente uccisa troppo presto - nel finale della terza stagione - con l'attrice che ha di recente rivelato di avere avuto un contratto di otto anni per rimanere nella serie e che, come il personaggio dei fumetti, sarebbe diventata l'interesse amoroso di Rick. È una delle deviazioni più grande del dramma AMC dal materiale di origine di Kirkman che ha spianato la strada per lo spettacolo romantico tra Rick e Michonne.

Il numero si è concluso con una nota emotiva per i fan scritta dallo stesso Kirkman, in cui si è scusato per la morte di Andrea. Scorrere in basso per leggere la lettera di Kirkman:

"Mi dispiace. Mi dispiace per i fan, per me e per Andrea. Mi sento come se avessi ucciso una cara amica.
Le morti, in questa serie, non sono mai decise con gioia o affrontate con leggerezza. Mi pesano come pesano a voi. Questi personaggi, per me, sono estremamente reali e quando muoiono rendono triste anche me. Ho dato vita a questo momento della trama durante un viaggio in aereo alcuni mesi fa. L’ho scritto a matita, seduto al mio posto, circondato da gente che probabilmente avrà pesato che stessi scrivendo la lista della spesa. In quel momento ho iniziato a piangere, sperando che nessuno mi vedesse. Ho vissuto con questa morte per mesi e non mi piace. Ho avuto molto tempo per cambiare idea e molto tempo per non farlo. Dopotutto sono io a essere al timone di questa storia. Ma onestamente, a volte sento che non è così. E questa è stata una di quelle volte. Non mi piace, vorrei che le cose non andassero così. Vorrei che Andrea vivesse. Vorrei altre storie con lei. Vorrei vederla crescere insieme a Rick o vederla osservare Carl diventare grande e avere a sua volta dei figli. Vorrei questo tipo di felicità per questi personaggi. Eppure, eccoci qui. Andrea è morta, e la storia continua. Non so perché tutto questo è dovuto accadere, ma so di essere stato io a farlo succedere. So che questo è un altro momento di svolta nella storia. So che la morte di Andrea avrà un significato nel progredire della storia nei prossimi anni. Tuttavia, ancora non mi piace e mi lascia ancora sconvolto. Ho amato Andrea e, sinceramente, mi mancherà molto."

The Walking Dead: Robert Kirkman si scusa per la morte di un personaggio