Netflix

Arcane: League of Legends prende vita su Netflix

Presentato durante il TuDum di Netflix il primo trailer di Arcane, la serie animata ispirata al mondo di League of Legends.

Arcane: League of Legends prende vita su Netflix
Articolo a cura di

La prima volta che League of Legends ha fatto capolino nel mondo dei videogiochi prima e degli esports poi, l'ultimo pensiero che i suoi creatori avevano in mente era di costruire una lore, una narrazione, intorno a esso. Nel 2014 cambia tutto. Riot Games ha in mente di esplorare il mondo di Runeterra, di portare gli utenti in un vero e proprio universo narrativo, spostando l'attenzione dal gioco in sé, ormai evolutosi indipendentemente.

Vengono presentate storie brevi, fumetti, cinematiche che raccontano la vita quotidiana su Runeterra dei vari campioni già conosciuti e a volte di figure totalmente nuove che non fanno ancora parte del parco personaggi (e chissà se mai ne faranno parte) ma che abitano Valoran, schierati per l'una o per l'altra fazione. È in questo contesto che si inserisce il trailer di Arcane, la nuova serie animata Netflix che vuole portare gli appassionati di League of Legends direttamente all'interno delle storie personali di alcuni dei campioni che quotidianamente vengono utilizzati. La serie, presentata in occasione del TuDum di Netflix, è divisa in tre atti composti da tre episodi ciascuno, per un totale di nove episodi.

La storia di Jinx e Vi

Il trailer parte con un suono di sirena tipico dell'apertura di una porta blindata all'interno di un carcere, luogo confermato dal lungo e buio corridoio che si apre nella prima inquadratura. La voce narrante in queste fasi iniziali, e che si incontra nuovamente nel corso del trailer, è quella di Vi, una delle protagonista della serie, interpretata da Hailee Steinfeld e che in italiano ascolteremo con la voce di Letizia Scifoni, doppiatrice che i fan del Marvel Cinematic Universe hanno imparato a conoscere come Gamora.

"When I was a kid, me and my sister" sono le prime parole del trailer che indirizzano immediatamente lo spettatore verso il nocciolo della storia: la famiglia e il rapporto tra due sorelle, unite e divise allo stesso tempo. Arcane è infatti incentrato sulla storia tra Vi e Jinx, due dei personaggi più conosciuti di League of Legends.

"Quando abbiamo deciso di creare Arcane" - ha raccontato Christian Link, co-creatore della serie - "sapevamo di avere in mano qualcosa di speciale con la storia di Jinx e Vi. Volevamo esplorare l'idea di cosa si può fare per la propria famiglia, dei compromessi ai quali si può scendere e dei conflitti che ne conseguono. La storia, insieme allo stile grafico disegnato a mano e all'animazione dei personaggi che abbiamo creato insieme a Fortiche, permetterà ai giocatori di scoprire il mondo di League of Legends.''

Di Vi scopriamo subito il suo carattere distintivo: così come nel gioco il suo punto di forza sono i pugni. Se all'inizio del trailer, chiusa in una cella, ha la forza di distruggerne le mura, nei secondi successivi la vediamo allenarsi, in un probabile flashback da ragazzina, contro delle macchine robotiche costruite appositamente.

Mentre Vi parla della volontà delle due sorelle di inseguire i propri mostri e scacciarli, compare finalmente Jinx: prima da grande, con le sue lunghe trecce che abbiamo imparato a riconoscere su League of Legends, e poi da piccola accanto alla sorella maggiore. Quindi compare il primo nuovo personaggio sul finire della frase "Then the real monster showed up", "e a quel punto il vero mostro è comparso". Si tratta di Silco, interpretato da Jason Spisak in lingua originale e da Guido Di Naccio in italiano.

Nuovi personaggi e vecchie conoscenze

In parte sfigurato sul volto, Silco sembra presentarsi come uno dei cattivi della serie e responsabile di atrocità su alcuni abitanti di Runeterra. Ma dove ci troviamo, esattamente? Oltre che sul rapporto tra Vi e Jinx, Arcane si concentra sul conflitto tra Piltover e Zaun: da un lato una città ricca, fiorente, avanzata tecnologicamente, chiamata "la città del progresso"; dall'altra lo squallore di Zaun, in cui si rifugiano i reietti di Piltover, gli scarti della società, coloro che sono stati respinti e dimenticati dalla città sovrastante.

Un equilibrio precario, minacciato dalla creazione dell'Hextech, un artefatto tecnologico che permette di imbrigliare e riutilizzare la magia a propria piacimento, frutto del lavoro delle menti più brillanti della città. E tra le mente più brillanti non poteva certo mancare anche nel trailer il volto di Heimerdinger. Ma non è l'unico: altri due personaggi vengono introdotti nei pochi secondi precedenti.

Uno è indubbiamente riconoscibile: è Jayce, forse una sua versione più giovane di quella che conosciamo nel gioco, colui che sembra aver scoperto il potere dell'Hextech insieme a Viktor, altro campione che compare fugacamente e in versione totalmente differente da quella a cui siamo abituati a vederlo nel gioco. Un potere che Jayce porta all'attenzione di quello che appare come il consiglio cittadino di Piltover da cui fa capolino Mel, un nuovo personaggio interpretato da Toks Olagundoye, la cui voce in italiano è di Benedetta Degli Innocenti, doppiatrice di Lady Gaga nel film "A Star is Born".

Nonostante venga presentata come una grande e rivoluzionaria scoperta, addirittura capace di proiettare un fascio di luce dalla torre più alta della città, Heimerdinger cerca di mettere subito in guardia il consiglio cittadino affermando che "Non capite [questa scoperta] cosa comporti." Avviso che non pare essere stato preso poi in considerazione, visto quanto viene mostrato nei secondi successivi con l'espolosione di una vetrata. Ed è qui che torna in gioco Silco: "Il potere non è fatto per coloro che sono nati già forti ma per coloro che farebbero di tutto per raggiungerlo."

Proteggere la famiglia

Da questo momento il ritmo del trailer scatta avanti velocissimo, alternando fugaci immagini di nuovi personaggi, gli anti-eroi della storia, a ricordi d'infazia di Vi e Jinx, tra cui spicca l'introduzione di quello che sembra presentarci come il padre delle due, Vander, interpretato da JB Blanc in inglese, mentre in italiano la voce è di Massimo Bitossi, principalmente conosciuto come doppiatore di David Harbour in "I segreti di Brokeback Mountain", "Quantum of Solace", "Black Mass - L'ultimo gangster", "Suicide Squad" e "Black Widow".

Vander ribatte ancora una volta uno dei concetti più importanti su cui si concentrerà la serie, ovvero la famiglia: "Protect the family", a ogni costo sottintende. Linea confermata dalle parole successive di Jinx su schermo nero "Are we still sisters?", "siamo ancora sorelle", indice di un rapporto complesso tra le due, forse allontanatesi per diverso tempo ma ancora unite: "Nulla potrà cambiare il nostro essere sorelle", risponde Vi mentre il trailer mostra la stretta di mano tra le due. Insieme a una novità: Vi mostra finalmente i due pugni meccanici che indossa nel gioco, già visti nella cinematic Warriors (oltre che nel gioco, ovviamente).

E così come su Warrios anche su Arcane ci sarà Caitlyn a lottare al fianco di Vi. Conosciuta nell'universo di League of Legends come la miglior agente di polizia di Piltover, soprannominata "Lo sceriffo", nel trailer la troviamo in due differenti momenti: prima accanto a Vi mentre insieme percorrono un corrodoio le cui pareti sono ornate da graffiti, presumibilmente in missione a Zaun, e successivamente a terra in difficoltà, circondata dalle fiamme. Fa la sua comparsa anche Pow Pow, la mitragliatrice utilizzata da Jinx per colpire i nemici nel gioco.

Una storia di dualismo

Ciò che più traspare dal trailer è il concetto di dualismo, il fil rouge che si svilupperà lungo tutta la serie come ha sottolineato Alex Yee, co-creatore di Arcane: ''Arcane è una storia di dualismo. Come i personaggi si dividono tra le due metà di una città con valori e opportunità opposte ma complementari. Ognuna con i propri meriti e le proprie pecche. Si può essere l'eroe in una storia, ma il cattivo in un'altra.'' Perché, come spesso abbiamo imparato, non sempre è facile dividere nettamente i buoni dai cattivi. E lo stesso sembra proporre Arcane, con il trailer che si chiude sulle note di una delle canzoni di League of Legends: ma questa ve la lasciamo indovinare.

Il primo atto di Arcane sarà disponibile il 7 novembre, proprio il giorno successivo alla conclusione del mondiale competitivo di League of Legends. Un caso? Assolutamente no, come ha sottolineato Nicolo Laurent, Ceo di Riot Games: "Per celebrare questo momento, vogliamo mettere i giocatori al centro di un'incredibile esperienza di lancio. I Mondiali e Arcane si uniranno per formare una festa globale fatta di competizioni, intrattenimento e community, in un modo totalmente nuovo. Una sorta di super weekend per i giocatori."

Il secondo e terzo atto arriveranno invece rispettivamente una e due settimane dopo, il 13 e il 20 novembre. All'inizio della settimana inoltre sono stati annunciati anche alcuni dei doppiatori che prestano le voci (anche quelle italiane), ai vari personaggi: Vi è interpretata da Hailee Steinfeld (Letizia Scifoni), Caitlyn da Katie Leung (Chiara Gioncardi), Jayce da Kevin Alejandro (Emanuele Ruzza), Silco da Jason Spisak (Guido Di Naccio), Jinx da Ella Purnell (Margherita De Risi), Mel da Toks Olagundoye (Benedetta Degli Innocenti), Vander da JB Blanc (Massimo Bitossi), Viktor da Harry Lloyd (Emiliano Coltorti).