First look Battlestar Galactica: Blood & Chrome - Stagione 1

Le avventure del giovane William Adama e del Galactica

Articolo a cura di

Syfy due anni fa commissionò il pilot di Battlestar Galactica: blood and chrome. L’intenzione era chiara: sfruttare ancora una volta quel capolavoro della fantascienza che è stato Battlestar Galactica. Il progetto però naufragò, forse anche a causa del disastroso Caprica (interrotto dopo appena una stagione). Eppure adesso le acque si sono mosse di nuovo, portando sul canale web di Machinima Prime un film che dovrebbe fare da punta pilota per la nuova serie e che viene offerto al pubblico in 10 mini-puntate da circa 15 minuti l’una. I risultati ottenuti così con esperimenti precedenti sono stati buoni: vediamo se anche per Blood and Chrome saranno altrettanto vincenti.

Prima di Battlestar Galactica

"BSG: blood and chrome" è in realtà un prequel della fortunata serie del 2004 (a sua volta remake di una vecchia serie del 1979). Blood and Chrome, ambientata durante i 10 anni della prima guerra contro i cyloni, segue da vicino le gesta di un giovane e arrogante pilota provetto: William Adama (Luke Pasqualino), il cui nome stuzzicherà il tasto della nostalgia ai più. La durata dei web-episodi usciti sin’ora non permette di fare grandi voli pindarici sugli altri protagonisti possibili. Sicuramente al centro della serie dovrebbe trovarsi il rapporto tra lo spericolato Adama e il pragmatico Coker, suo co-pilota, ma non mancano nei primi minuti piccole comparse di personaggi che potrebbero imporsi come coprotagonisti. Quello che è certo è che se la serie dovesse prendere il via (e ancora non si sa nulla a riguardo), a farla da padrona sarà una certa malinconia nostalgiaca che già si è affacciata nell’animo dei fan alla sola apparizione della fiancata del Galactica.

Realizzazione

Se 30 minuti scarsi sono davvero pochi per giudicare una possibile futura serie tv, qualcosa sulla realizzazione di questo pilot lo possiamo già dire. Gli effetti speciali sono sembrati decisamente all'altezza di un prodotto fantascientifico contemporaneo (pur ricordando che si tratta sempre di una produzione televisiva e non cinematografica) e le poche scene di combattimento spaziale intraviste ci hanno lasciato decisamente soddisfatti. Farà invece storcere la bocca a qualcuno l’eccessiva arroganza di un Adama decisamente diverso da quello a cui eravamo abituati (ma come potrebbe essere diversamente?) e che ricorda troppo il Tom Cruise di Top Gun per risultare credibile a pieno. Ottima - come sempre - la colonna sonora che ci ha fatto fare un salto indietro di circa 3 anni, quando la sigla di BSG era ormai diventata un cult per chiunque si interessasse alla fantascienza.
L’unico punto che davvero convince poco è l’attore Luke Pasquino. Come già detto, il carattere del personaggio è piuttosto particolare e già si dovrà ingoiare qualche rospo per accettare un Adama così irriverente. Se a questo aggiungiamo però una fisicità che stona in tutto e per tutto con il ricordo di Edward James Olmos, la cosa si fa davvero dura. Insomma, va bene tutto, ma un William Adama a metà - se ce lo permettete - tra l’emo e il "bimbominkia" proprio no.

Battlestar Galactica: Blood & Chrome - Stagione 1 Le prime due mini-parti del prequel di Blood and Chrome ci sono sembrate, in conclusione, lontane dalla mediocrità di Caprica e ben più vicine allo spirito della serie “originale” del 2004. Certamente una serie come quella che potrebbe nascere da un pilot così curato non è adatta al web e non ci resta quindi che aspettare e sperare che Syfy si decida a ordinare l’intera stagione, magari convinta dalla buona quantità di visite che il canale youtube sta ricevendo (più di 1 milione di visualizzazioni in solo 3 giorni).