Netflix

La Casa di Carta 5 Prime Impressioni: resa dei conti alla Banca di Spagna

I primi episodi della stagione finale de La Casa di Carta alzano la posta in gioco e mettono a rischio il colpo finale del Professore.

La Casa di Carta 5 Prime Impressioni: resa dei conti alla Banca di Spagna
Articolo a cura di

Lo avevamo detto nella nostra analisi del trailer de La Casa di Carta 5; l'ultima stagione della serie di Álex Pina sui ladri mascherati da Dalì avrebbe regalato momenti letteralmente esplosivi. La prima parte del capitolo finale, in uscita il 3 settembre tra le novità Netflix di settembre 2021, si appresta a chiudere con il botto - se non di critica, almeno di pubblico - l'ultimo impossibile colpo al cuore delle finanze iberiche: la Banca di Spagna.

Il piano del Professore finora ha incontrato parecchi ostacoli, ma la situazione si è sempre evoluta in suo favore, fino al finale della scorsa stagione, che vi invitiamo a rispolverare nella nostra recensione de La Casa di Carta 4, quando proprio la mente della banda si era trovata alle prese con l'ex ispettrice Alicia Sierra ormai braccata a sua volta a causa delle procedure poco ortodosse utilizzate proprio contro la banda dei Dalì, con nulla da perdere, pronta a cambiare le carte in tavola dopo aver scoperto il nascondiglio dell'iconico personaggio interpretato da Alvaro Morte.

Guerra su più fronti

L'inizio della fine de La Casa di Carta ci porta proprio a quegli istanti, ricostruiti per l'occasione per sintonizzare nuovamente gli animi sulla stessa lunghezza d'onda dei protagonisti, quando la felicità per il salvataggio di Raquel, aka Lisbona, aveva dato nuova speranza alla banda e decretato il successo del piano Parigi, messo in atto proprio per salvare la dolce metà del Professore.

L'intervento di Alicia Sierra, seppur molto opinabile nel suo delinearsi, come del resto gran parte dei colpi di scena della serie di Álex Pina, riesce a scatenare una variabile impazzita all'interno dei piani perfetti del Professore e a rimettere in stallo la situazione, rievocando a suo modo la dicotomia che si era instaurata nelle stagioni precedenti, quando Raquel, ancora dalla parte della giustizia, rischiava di mettere la parola fine alle attività criminali dei Dalì.

E se restiamo in attesa di scoprire quale funambolico escamotage salverà il Professore dalla minaccia della Sierra, prendiamo atto dell'ampliamento della scala della minaccia anche sugli altri fronti, con l'esercito che si appresta a fare irruzione spietata nella Banca di Spagna con l'obiettivo di mettere la parola fine a quella vicenda, anche a costo di sacrificare vite innocenti, mentre i Dalì devono affrontare anche l'ennesima rivolta interna che si intreccia inevitabilmente agli eventi passati.

Ma questa volta tutto sembra lanciato verso un punto di non ritorno che potrebbe sfociare in qualche interessante risvolto psicologico sui personaggi, così da sopire in parte l'anima melodrammatica delle vicende legate ai protagonisti e spostare il discorso su un piano differente - sebbene questa rappresenti più una speranza che una possibilità concreta, visti i precedenti, ma saremmo più che felici di essere smentiti.

Prendere o lasciare

Siamo invece certi del fatto che torna a ripetersi ciclicamente la struttura che tanto ha fatto la fortuna de La Casa di Carta nel mondo; un ottovolante di emozioni costruite a tavolino, alla ricerca della reiterazione al rialzo, per restituire ogni volta lo stesso brivido amplificato allo spettatore. Uno scheletro narrativo che è l'essenza stessa della serie di Álex Pina, senza il quale probabilmente non saremmo qui ad affrontarla come un fenomeno di massa.

Una sorta di patto, quello tra lo show Netflix e i suoi abbonati, che chiede di chiudere un occhio sull'impalcatura rielaborata dell'attrazione a favore di un intrattenimento sempre più scoppiettante e action, che gioca allo stesso modo sui rapporti tra i personaggi per giungere a risultati che, a giudicare dai primi episodi concessi in anteprima, si rivelano decisamente definitivi.

Così, tra una messinscena che rivela il costante incremento dell'investimento di Netflix in una delle sue galline dalle uova d'oro e flashback che riportano personaggi del passato in un fan service che forse fatica ad incantare per la reiterazione non solo degli stilemi, ma dei temi e di un sistema valoriale che zoppica sempre più col passare degli anni, La Casa di Carta fa il suo ritorno patinato sulla scena streaming mondiale e il suo è un deciso e forse decisivo prendere o lasciare.

Reciprocamente consapevoli dei pregi e dei limiti dello show, il patto di non belligeranza con lo spettatore promette che le cose andranno sempre peggio per i nostri protagonisti, e che solo un miracolo potrà salvarli dalla tempesta che sta per abbattersi sulla Banca di Spagna. Perché i giochi sembrano fatti, ma forse nella provvidenziale manica del Professore c'è ancora un asso da giocare.

La casa di carta I primi episodi dell'ultima stagione de La Casa di Carta confermano un ampliamento della scala e un aumento della posta in gioco che giunge ciclicamente a mettere i colpi del Professore su un livello di sfida ulteriore, in questo caso estrema. Si avvicina la resa dei conti e potrebbero essere in molti a doverne pagare il prezzo. Il pericolo attanaglia la mente del piano e potrebbe minare l'unione della banda, mentre la situazione all'interno della Banca di Spagna precipita e l'esercito si appresta a fare la sua mossa decisiva. Se da una parte si respira un certo fatalismo e si percepisce il peso di determinate scelte, speriamo che i semi lanciati in questi primi episodi facciano ulteriormente maturare dal punto di vista narrativo il progetto. Siamo anche consci del fatto che la serie di Álex Pina ci ha negli anni abituati a provvidenziali risvolti funambolici che in più di un caso hanno fatto storcere il naso, ma che rappresentano di fatto la cifra stilistica de La Casa di Carta che, su questo fronte, potrebbe regalare qualche evoluzione, ma potrebbe anche strizzare l'occhio allo spettatore con uno sprezzante "prendere o lasciare" che siamo sicuri farà comunque la felicità dei fan. Solo i restanti episodi di questa prima tranche finale potranno delineare il responso.