First look Justified- Stagione 1

Scoprite le vicende del U.S. Marshal Raylan Givens, costretto a tornare nel selvaggio Kentucky per combattere il crimine

Articolo a cura di

Justifed è una serie televisiva basata su un personaggio (Rylan Givens) scaturito dalla fervida e geniale mente di Elmore Leonard, scrittore e sceneggiatore americano soprannominato il "maestro del dialogo" (e che qualcuno forse avrà sentito per il romanzo "Rum Punch", adattato sul grande schermo da Tarantino con il titolo "Jackie Brown"), qui in veste di produttore esecutivo. E' importante segnalare l'origine autoriale di questo prodotto soprattutto perché, come vedremo, proprio il dialogo è una delle colonne portanti di questa serie.

"Let's just keep this simple: He pulled first. I shot him"

La storia che da il via a Justified è molto semplice e concisa: Rylan Givens, un U.S. Marshal di Miami, viene accusato per aver aperto il fuoco in pieno giorno a Miami in presenza di civili, uccidendo un uomo. Lui si giustifica (da qui il nome della serie, "giustificato") dicendo che ha sparato solo perché il criminale che aveva di fronte aveva estratto la pistola per primo. Un'immagine che rimanda subito alle atmosfere western dei duelli in strada, qui egregiamente rimodernate in un selvaggio Kentucky, dove la criminalità è il pane quotidiano con cui fare i conti, senza alcuna eccezione. Ed è proprio in Kentucky che Rylan sarà costretto a tornare per essere finito su tutti i giornali, affidato al dipartimento di Harlan, sua cittadina natale, doveva aveva giurato di non tornare mai più.

Personaggi e dinamiche

Dopo l'ottimo pilot "Fire in the hole", le puntate si assestano sulla formula "caso del giorno", ma risultando sempre molto appassionanti. Una colonna portante della serie è l'uso dei personaggi, praticamente perfetto: non solo vengono presentati con maestria, ma entrano ed escono di scena in maniera molto naturale e intelligente. Per fare un esempio i "cattivi del giorno" (che poi tanto cattivi non sono, avendo spesso motivazioni molto convincenti alla base delle loro azioni) vengono usati in maniera sublime. Lo spettatore ha il tempo di amarli e poi odiarli o viceversa; gli autori sono riusciti a rendere quasi tutti memorabili e/o simpatici. Lo stesso Rylan Givens è un personaggio estremamente carismatico per il quale sarà difficile non simpatizzare; nel corso delle puntate ci verranno mostrate diverse sfumature del suo carattere, nonché piccoli scorci del suo passato, in maniera molto raffinata.

Realizzazione

Un'altra caratteristica fondante di Justified è data dagli eccezionali dialoghi: taglienti, spassosi, ma soprattutto "freschi". Ed è proprio freschezza che si respira in questo prodotto, freschezza sicuramente non data dal tema, quanto dalla sua realizzazione. Una storia che si costruisce a "suon di dialoghi", con inaspettati colpi di scena ed intrecci perfetti. La fotografia ci restituisce l'idea di un Kentuky balordo, caldo e criminale, mentre la regia riesce a rendere vive le scene narrate. Sul fronte della recitazione abbiamo un Timothy Olyphant perfettamente calato nei panni del pistolero Rylan, e un applauso va anche ai comprimari (che si ritagliano con cura i loro spazi) e ai "cattivi del giorno" (che conquistano in un attimo le attenzioni del pubblico).
In attesa della fine di questa prima (e speriamo non ultima) stagione, non possiamo che consigliarvene la visione.

Justified - Stagione 1 Justified conquista fin da subito con il suo intreccio di dialoghi, personaggi irresistibili, casi del giorno appassionanti e con un personaggio carismatico alla base. Il resto della stagione (che sarà composta da 13 episodi) ha tutte le carte in regola per continuare a intrattenere a questi livelli.