First look Last Resort - Stagione 1

Grazie ad una trama ambiziosa ed un cast di qualità, Last Resort potrebbe essere uno dei successi della stagione

Articolo a cura di

Dopo la visione della puntata pilota del serial non si può non notare come la ABC stia dando molto spazio a progetti televisivi molto ambiziosi dopo il successo di Once Upon a Time o Revenge.
Il nuovo appuntamento settimanale presenta infatti una trama molto complessa, tra politica e misteri, ed uno sforzo tecnico considerevole. A rendere credibile l'intreccio è stato chiamato un cast di grande esperienza e bravura, guidato dall'attore Andre Braugher.

Tra patriottismo e misteri

Last Resort ha come protagonisti i membri dell'equipaggio di un sottomarino nucleare statunitense. Dopo aver accolto a bordo dei militari in difficoltà, i marines ricevono l'ordine di bombardare il Pakistan. Prima di compiere un'azione così estrema, il capitano Marcus Chaplin (Andre Braugher) e il suo vice Sam Kendal (Scott Speedman) decidono di richiedere una conferma ufficiale da Washington. Avendo disobbedito agli ordini, il sottomarino viene invece attaccato con un missile potenzialmente mortale.
L'equipaggio trova quindi rifugio sull'isola di Sainte Marine, dove c'è una base NATO, nel tentativo di dimostrare la propria innocenza e provare a scoprire l'identità di chi ha cercato di incastrarli.

Un intreccio ricco di spunti

Last Resort potrebbe rivelarsi uno dei maggiori successi della stagione televisiva, o uno dei flop più clamorosi dell'anno.
La serie ha infatti tutte le carte in regola per appassionare gli spettatori e creare attorno a sè la giusta dose di attenzione mediatica, sfruttando atmosfere da thriller politico ed intrecci complessi, senza dimenticare delle sfumature critiche nei confronti dei detentori del potere ed un patriottismo messo a dura prova.
Il primo episodio mette già in tavola tutti gli elementi che andranno sviluppati durante la stagione: la minaccia nucleare, gli intrighi internazionali, la lotta per dimostrare la propria innocenza, un governo corrotto, un ambiente isolato sconosciuto e, ovviamente, un pizzico di romanticismo.
I due creatori Shawn Ryan (The Shield, The Unit) e Karl Gajdusek dovranno però riuscire nel difficile compito di sviluppare in modo coerente e, per quanto possibile, realistico ognuno di questi aspetti se vogliono sperare di far sopravvivere a lungo la loro creatura televisiva.
Il complotto internazionale e le indagini per far emergere la verità potrebbero essere sufficienti a tenere incollati gli spettatori agli schermi, ma sarà interessante vedere come, e quando, si inizieranno a raccogliere indizi sul colpevole dei tragici eventi. Last Resort avrà infatti bisogno di un cattivo, anche nell'ombra, per non rischiare di lasciare troppo in sospeso le motivazioni alla base di una situazione politica internazionale così ingarbugliata. Il rischio che l'ambizione narrativa faccia perdere la bussola agli sceneggiatori esiste, ma si potrà scoprire solo nel corso dello svolgersi della stagione se sarà evitato con bravura.

Un cast di qualità

Non deve essere stato facile trovare gli attori giusti per interpretare dei ruoli così ricchi di sfumature, ma il pilot evidenzia come Andre Braugher e Scott Speedman siano entrati quasi alla perfezione nella mente dei propri personaggi. I due attori sullo schermo si equilibrano bene, tra fermezza ed insicurezza, rigore militare e sentimenti.
Intorno a loro si possono inoltre già notare quali saranno i co-protagonisti a svolgere delle funzioni importanti all'interno dell'intreccio: da Joseph Prosser (ruolo affidato al bravo Robert Patrick), in contrasto aperto con i suoi superiori e possibile nemico interno, alle donne che devono fare i conti con un mondo prettamente maschile. Nel sottomarino, sull'isola e anche a Washington non manca infatti spazio per le protagoniste femminili alle prese con la carriera, l'ambizione o l'attesa e l'angoscia nell'attendere il proprio marito che si trova al fronte.

Ottima regia

L'episodio pilota può anche contare sulla regia di qualità di un esperto di sequenze d'azione come Martin Campbell (La maschera di Zorro, Casino Royale).
Dalle profondità del mare alla luminosa isola in cui trovano rifugio i protagonisti, ogni sequenza è realizzata con una gran cura per ogni dettaglio. Il livello della fotografia, del montaggio e delle riprese raggiunge quello di un prodotto cinematografico e l'episodio ha un ottimo ritmo, facendo scivolare anche i momenti di più difficile comprensione con grande rapidità e fluidità.

Last Resort - Stagione 1 Last Resort si presenta come un'avventura epica ricca di azione e colpi di scena. L'ambientazione affascinante, il livello tecnico ed artistico elevato dimostrato nel pilot e delle ottime interpretazioni potrebbero essere la formula vincente per appassionare il pubblico a lungo. Ci vorrà coraggio e molto talento per gestire al meglio uno show così rischioso, ma le premesse sono ottime.