Marvel's Hero Project: su Disney+ la serie che trasforma tutti in supereroi

C'è bisogno di essere morsi da un ragno radioattivo per essere supereroi? Marvel's Hero Project dice di no, anche ragazzi normali lo sono

first look Marvel's Hero Project: su Disney+ la serie che trasforma tutti in supereroi
Articolo a cura di

Anche in Italia è arrivato Disney+, la piattaforma di streaming on demand della casa di Topolino e Paperino, che negli ultimi anni si è arricchita di altri brand di successo come Star Wars ed anche dei comics Marvel. Proprio dalla Casa delle Idee arriva una serie di documentari, in cui la vita quotidiana di ragazzi che, con le loro opere hanno cercato di cambiare il mondo, diventa la trama per la produzione di una collana di comics, ecco a voi... Marvel's Hero Project.

Sensational Jordan

Jordan è una ragazza di tredici anni che, come tutti gli altri della sua età, va a scuola, fa i compiti, gioca ed esce con le amiche e con gli amici. Jordan ha un'unica differenza però: è nata con una malformazione al braccio sinistro. Questo non ha mai limitato la ragazza, anzi è divenuta l'occasione e l'opportunità per ideare nuovi modi non solo per colmare il gap, ma per rendersi ancora più efficiente.

Jordan è un'ottima inventrice che ha saputo ideare, grazie ad una stampante 3d, ogni genere di progetto che le venisse in mente che potesse valorizzare la sua differenza. Ad esempio ha inventato il glitter cannon arm, che usa per spargere brillantini sul mondo. Queste sue idee, però, non le tiene per sé, ma le diffonde per far capire alle persone come lei che la diversità può essere un punto di forza e non di debolezza. La Marvel, sentita la storia, ha voluto dedicare a lei un numero della collana a fumetti Marvel's Hero Project, Jordan, con le sue idee, si è dimostrata una supereroina degna delle pagine della famosa casa produttrice di comics.

Incredible Elijah

Il secondo episodio racconta la storia di Elijah Lee, un bambino di undici anni, che capisce quale debba essere la sua battaglia: combattere l'abuso di minori. Una sua amica, un giorno, gli confida che, durante una lite tra i suoi genitori anche lei ne ha fatto le spese, venendo colpita. Per Elijah è un'epifania, è sempre stato molto impegnato nella sua comunità, nonostante la giovane età, ma ora sa quale sia il suo obiettivo.

Inizia così ad organizzare una marcia contro l'abuso sui minori che avrà un grande successo. Alla Marvel sanno della battaglia di Elijah e della sua risolutezza e questo lo rende un candidato perfetto per la loro collana Hero Project.

I veri Super Eroi

Marvel'Hero Project parte dall'interessante idea di voler elevare al rango di supereroi i ragazzi normali, la loro quotidianità, le loro lotte. Non c'è bisogno di lottare contro Doctor Doom o il Green Goblin per essere eroi, basta avere un obiettivo che può cambiare il mondo e perseguirlo.

Ogni episodio racconta una storia differente ed è autoconclusivo, inizia con una riunione di redazione in cui il prescelto per il numero della collana Marvel's Hero Project viene accostato ai supereroi della Marvel, ciò per dare un primo taglio alla storia che verrà raccontata nel fumetto.
La narrazione si sposta poi alla vita dei ragazzi, mostrandoli nella loro quotidianità, dando voce anche ai loro familiari ed amici con interviste. Infine, interviene di nuovo la redazione Marvel che descrive tuto il processo creativo che porta il ragazzo o la ragazza dalla vita alla carta stampata.

In sede di "conversione" al fumetto i protagonisti delle storie vengono dotati di superpoteri che ricalano le loro prerogative personali. Il carisma di Elijah diventa il potere di ispirare tutti quelli che lo circondano.

Fatto da giovani per i giovani

L'impostazione è da docureality ed è piuttosto classica, la narrazione è elementare e rifugge ogni elemento stilistico che possa rendere meno evidente il messaggio che vuole essere comunicato.
Questo si ripercuote sul lato tecnico che non ha nessun guizzo o personalizzazione, ma risulta accademico, soltanto strumentale al risultato.
E' chiaro quale sia il target di pubblico della serie che è rivolta ai più giovani e cerca, in modo divertente e coinvolgente a raccontare le loro storie.
Da questo punto di vista, il pilota su Jordan risulta più convincente, specie nel confronto della ragazza con altre persone che hanno il suo problema, ed i risultati delle sue invenzioni risultano emozionanti.

L'intento della serie è evidentemente didascalico, Marvel's Hero Project non solo vuole raccontare delle storie di persone comuni che diventano eroi grazie alle loro potenzialità, ma è anche un invito al pubblico a diventare miglior e a seguire le orme dei protagonisti.

Marvel's Hero Project Marvel’s Hero Project, a prima vista, è un prodotto che raggiunge l’obiettivo che si è prefissato, considerato anche il target di riferimento che influenza la realizzazione. Non si può parlare né di originalità, né di estro creativo, resta un’idea encomiabile da parte della Casa delle Idee che unisce la sua immensa fama e capacità di arrivare ai giovani con delle storie che possano ispirarli. Il fine quindi prima che artistico è sociale, ma la produzione Disney non disdegna la strada dell’emozione. L’unica riserva potrebbe riguardare la struttura della serie: se gli episodi risulteranno identici nell’impostazione, quindi a lungo andare ripetitivi, gli spettatori potrebbero iniziare ad annoiarsi e rivolgere la loro attenzione verso altro.