First look True Detective - Stagione 1

Matthew McConaughey e Woody Harrelson sono i protagonisti del nuovo crime targato HBO, intitolato True Detective

first look True Detective - Stagione 1
Articolo a cura di

Targata HBO. Sta spopolando in America. Sceneggiata da un romanziere, Nic Pizzolatto, e diretta dal regista dell’ultimo Jane Eyre, Cary Fukunaga. I protagonisti sono due tra gli attori più bravi e istrionici della New Hollywood: da una parte, Woody Harrelson (Hunger Games, tanto per citare un successo del momento) e, dall’altra, Matthew McConaughey (papabile e molto probabile vincitore dei prossimi Premi Oscar per la sua straordinaria interpretazione per Dallas Buyers Club). E’ True Detective, la serie del momento. Ma vale effettivamente tutto questo chiacchiericcio?

Due Detective in Louisiana

True Detective racconta in otto puntate la caccia a un serial killer condotta dai detective Rust Cohle (McConaughey) e Martin Hart (Harrelson) in Louisiana lungo un arco di tempo che copre ben 17 anni. La serie si occupa di un unico caso ma il racconto non avviene in tempo reale: il tutto viene raccontato tramite un interrogatorio che ripercorre la storia tramite lunghi flashback. Le personalità dei due detective, le loro complesse psicologie nel corso del tempo evolvono come il loro aspetto. Il personaggio di McConaughey è un pessimista che ha rinunciato a qualunque possibilità di relazionarsi con gli altri. Quello di Harrelson, invece, ha una famiglia ma, come ogni poliziotto che provi a riportare l’ordine, deve fare i conti col proprio lato oscuro.

McConaughey e Harrelson conquistano la tv

2 milioni 300 mila americani sono rimasti incollati alla televisione per vedere il pilot di True Detective, che vede per protagonisti e produttori Woody Harrelson (Assassini Nati, Non è un paese per vecchi, La sottile linea rossa.. tanto per citare alcuni dei filmoni in cui ha lavorato) e Matthew McConaughey in attuale stato di grazia. La transizione al piccolo schermo, a detta degli attori, è dovuta all’ottima qualità dello script. Indubbiamente, i progetti televisivi sono più agili, si impiega meno tempo a finanziarli e danno anche molte più libertà dal punto di visa creativo.
La sceneggiatura è curata da Mr. Pizzolatto, famoso da noi per un suo romanzo uscito nel 2010, Galveston.. e che sia un romanziere si sente. La Louisiana raccontata da lui - e dal regista - è un luogo misterioso e dimesso, freddo e fangoso, sconfinato e desolante. Un luogo perfetto per fottersi il cervello con criptici drammi quotidiani o questioni apocalittiche - come fa Rust - o per ancorarsi saldamente a una quotidianità tutto sommato tranquilla - come fa, invece, Martin.

True Detective - Stagione 1 True Detective è un romanzo da guardare. Straordinaria fotografia, regia contemplativa e descrittiva che si sofferma a lungo sugli spazi. Interessanti i dialoghi, che vedono confrontarsi i due protagonisti: da una parte, il sociopatico McConaughey che grazie ai 25 kg persi per Dallas Buyers Club, sembra aver scavato sul suo viso un’intensità drammatica ineguagliabile e, dall’altra, il “regular type dude” Harrelson che è sempre una garanzia ma per ora ha scoperto ben poco del suo personaggio. Indubbiamente la serie HBO porta su un altro livello la crime story e si discosta dai classici clichés. Eppure, in questa prima puntata, a parte la presentazione dei personaggi, sembra non succedere assolutamente nulla. Notevole.. ma un po’ di ritmo non guasterebbe