First look Up All Night - Stagione 1

Siete pronti a stare svegli...tutta la notte? La comedy Up All Night propone un pilot che purtroppo non convince, in attesa di sviluppi

Articolo a cura di

Negli ultimi tempi abbiamo assistito a diversi serial con protagonisti bebè, la maggior parte comedy, come la recente Raising Hope o la pluripremiata Modern Family. In scia si colloca Up All Night, nuovo prodotto proposto dalla NBC sulla televisione americana che vede protagonisti attori - non propriamente emergenti - del calibro di Christina Applegate, Will Arnett e Maya Rudolph. La produttrice dello show è Emily Spivey, una delle scrittrici di Saturday Night Live, del cui cast fa parte la Rudolph.

Siamo incinti???

Reagan (Christina Applegate) e Chris (Will Arnett) Brinkley hanno appena scoperto di aspettare un bambino. Dopo un iniziale ed esilarante momento di terrore, la coppia si prende le proprie responsabilità e gli autori ci portano direttamente al momento della nascita della piccola Amy. Pochi mesi dopo, la routine della coppia deve ricominciare, seppur rivoluzionata dall’arrivo della loro bambina. Dopo tanto tempo distante dal lavoro, come sarà il rientro per Reagan? E Chris sarà capace di prendersi cura della piccola Amy facendo il padre a tempo pieno?

Ma quando si ride?

A grandi linee, la trama di Up All Night è tutta qua: come può un figlio cambiare il nostro stile di vita? Se pensiamo ad altri prodotti, sia cinematografici che televisivi, non è il massimo dell’originalità, ma grazie anche ad un buon cast - almeno sulla carta - potrebbe essere un buon punto di partenza per creare qualcosa di buono.
Se il buongiorno si vede dal mattino, tuttavia, quella di Up All Night non sembra essere una giornata solare. Tralasciando la produzione, sicuramente di qualità come si può vedere dal pilot, anche grazie all’apporto di un’esperta come Emily Spivey, ciò che manca è una cosa fondamentale per una comedy: le situazioni divertenti, le risate, le battute. In questo pilot si ride poco, anzi pochissimo: chi risolleva le sorti del gruppo è Maya Rudolph, nei panni del capo di Reagan, grazie alle sue richieste quantomeno inusuali. Tutto il resto - o quasi - è noia, come direbbe un datato Califano: i protagonisti non incidono più di tanto e i momenti con la bambina si dimenticano facilmente.
Se dobbiamo trovare un’attenuante per Up All Night e questo pilot per nulla divertente, potremmo forse dare atto che non è semplice far ridere in un pilot dove la presentazione dei personaggi è molto importante per le puntate a venire: a differenza di serial come TBBT, dove i personaggi esordiscono con una battuta, qui avviene tutto più lentamente. D’altra parte però, abbiamo assistito a pilot di serial simili molto più riusciti.

Up All Night - Stagione 1 Una buona occasione sfruttata male con un pilot poco divertente e poco convincente. I presupposti per risollevarsi ci sono ma sembra difficile possa competere con i serial dello stesso genere che da anni ci fanno divertire e che hanno ormai fatto la storia delle comedy.

Altri contenuti per Up All Night - Stagione 1