I Cavalieri di Castelcorvo: intervista ad Angela Tuccia, volto di Stria

La nostra intervista ad Angela Tuccia, attrice italiana che interpreta la Stria nella serie I Cavalieri di Castelcorvo di Disney+.

intervista I Cavalieri di Castelcorvo: intervista ad Angela Tuccia, volto di Stria
Articolo a cura di

Il 6 novembre 2020 ha debuttato su Disney+ la prima serie italiana originale, I Cavalieri di Castelcorvo. Uno show che racconta, sotto la sua superficie fantastica e ricca di immaginazione, una storia di formazione e di amicizia. I riflettori sono tutti puntati sui quattro protagonisti, ovvero Giulia, Riccardo, Matteo e Betta, che scoprono un mondo di enigmi, magie e indovinelli in un piccolo borgo medievale.

A suscitare particolare interesse, però, è anche l'antagonista, interpretata da un'ispirata Angela Tuccia. Nella produzione Disney+ (ecco un first look a I Cavalieri di Castelcorvo) veste i panni della Stria, una strega malvagia che rapisce i bambini adescandoli con false promesse. Li porta nell'Altrove, un luogo lontano dallo spazio e dal tempo cancellando ogni loro ricordo. Abbiamo avuto il piacere di scambiare due chiacchiere con Angela, che si è dimostrata gentile e disponibile ad ascoltarci.

Essere una villain Disney

Anzitutto le abbiamo chiesto come è stato interpretare la villain di una serie Disney+ e se si fosse sentita un po' cattiva: "Mi sono sentita molto cattiva, perché alla fine mi sono ispirata alle più grandi streghe Disney, prima su tutte la Crudelia De Mon di Glenn Close. È stata per me fonte d'ispirazione per creare questo personaggio un po' diverso da tutti quelli che ho interpretato fino a questo momento. Sono riuscita a trovare un po' di sana cattiveria!" La prima volta in cui vediamo la Stria è nella scena di apertura, quando rapisce Andrea. Così, curiosi, le abbiamo chiesto: come è stato il primo ciak? "Il primo ciak è stato emozionantissimo. Io venivo da tre o quattro provini dove avevo proposto il personaggio e trovarmi sul set a interpretarlo davvero, perché poi durante i casting c'è tanta speranza ma anche la consapevolezza che te la giochi con altre bravissime attrici, è stato bello. Me lo ricorderò sempre perché poi le prime scene che ho girato sono le ultime dello show, d'altronde quando si gira un film o una serie non vai mai in sequenza. Ti trovi lì a recitare il finale, ma non ancora l'inizio. È stato bellissimo."

Come accennato in apertura, grande spazio è stato dato ai piccoli protagonisti. Abbiamo quindi domandato ad Angela come sia stato lavorare con un cast giovanissimo di attori: "Guardate, sono stati bravissimi. Ho trovato dei ragazzi davvero bravi e gliel'ho detto. Perché probabilmente la spensieratezza, la realtà dei fatti, permette loro di portare in scena quello che sono senza sovrastrutture. Recitano bene perché fondamentalmente non interpretano, sono loro stessi. E oltretutto si sono impegnati, hanno dovuto studiare e lavorare sui personaggi perché i protagonisti non sono comuni ragazzi che possiamo incontrare tutti i giorni: loro devono riscoprire il piacere per la semplicità, come la natura o gli indovinelli, che alla fine è la cosa più bella."

Contro eroi giovanissimi

Tra i giovani che fanno da contorno compare Andrea, fratello di Betta, portato nell'Altrove già nelle battute iniziali del pilota. Il personaggio dipinge la Stria come una strega malvagia... era dunque lecito chiedere ad Angela come la descriverebbe:

"La Stria come tutti i cattivi, probabilmente, nasconde delle fragilità e dei buchi neri. Quindi, come altri antagonisti si autoconvince di essere malvagia. D'altronde ognuno di noi, alle volte, nasconde dei lati di sé facendo emergere degli altri, e tra questi ci può essere appunto quello oscuro. Il personaggio cattivo ha sempre un lato nascosto, per questo è anche più interessante da interpretare. Da bambini si sogna sempre di interpretare la principessa, però poi crescendo speri di vestire i panni della cattiva o del personaggio un po' borderline."

I Cavalieri di Castelcorvo è una serie rivolta perlopiù a un pubblico di minori, ma ci è parso che offra qualche spunto di riflessione anche per i più grandicelli. Abbiamo quindi chiesto all'attrice se la serie possa piacere anche agli adulti, e lei ha risposto:

"Sì. A volte i genitori guardano con i bambini la TV, soprattutto in questo momento in cui siamo chiamati a stare in casa. Anche l'adulto oggi, visto il periodo storico e drammatico che stiamo vivendo, ha bisogno di sorridere. Ha bisogno di spensieratezza e di magia. Ciò viene distrutto non appena accendiamo la televisione: oggi si sentono solo notizie di morti, di terrore, di malattie e disastri. Quindi ritagliarsi nel corso della giornata anche solo un quarto d'ora per sognare e tornare bambini, secondo me fa bene all'anima."

Ma la serie Disney+ denuncia anche la dipendenza dei giovani di oggi dalla tecnologia e da Internet. Ne è un esempio Riccardo, che non riesce proprio a staccarsi dai suoi punta e clicca. Alla luce di questo, abbiamo chiesto all'interprete della Stria se condivida o meno che i bambini debbano giocare più di fantasia ed essere meno attaccati agli smartphone: "Sì, assolutamente. Diciamo che la tecnologia è fondamentale perché oggi ci dà una grande mano. Inoltre permette ai bambini di imparare molte più cose e più velocemente. Però è giusto che ci sia una misura equa. Quindi dico sì a tablet, a PlayStation, a smartphone e Wi-Fi, a patto che ci sia anche la scoperta della fantasia e del gioco più semplice. Per esempio dei giochi da tavolo, o, perché no, degli indovinelli. Per esempio io sono cresciuta con Monopoli, Risiko, Gira la Moda e Trivial Pursuit. Oggi tantissimi ragazzi non sanno neanche cosa siano, oppure ne hanno sentito parlare perché ce li hanno i genitori, nascosti in soffitta. Ed è così anche ne I Cavalieri di Castelcorvo, in un certo senso."

In chiusura di questa piacevole conversazione, abbiamo chiesto ad Angela Tuccia di scegliere tre parole per definire I Cavalieri di Castelcorvo: "Unica, perché è la prima serie italiana per Disney+. Poi direi avvincente e infine sorprendente, perché ci saranno delle sorprese."

Ricordiamo che ogni venerdì vengono distribuiti tre episodi de I Cavalieri di Castelcorvo, esclusivamente su Disney+.

Altri contenuti per I Cavalieri di Castelcorvo