Skam Italia 5: a tu per tu con i protagonisti della serie Netflix!

Abbiamo incontrato e intervistato alcuni dei protagonisti di Skam Italia 5, che ha debuttato l'1 settembre su Netflix.

Skam Italia 5: a tu per tu con i protagonisti della serie Netflix!
Articolo a cura di

Tra le serie Netflix di settembre 2022 comprare un gran ritorno: Skam Italia 5 è la stagione che un manipolo enorme di fan aspetta per tornare a divertirsi e crescere assieme ai personaggi della serie curata da Ludovico Bessegato e accompagnato alla scrittura dalla sceneggiatrice Alice Urciolo. Una vera e propria sfida visto che, a differenza delle precedenti, la nuova stagione si stacca completamente dal resto della narrazione che basava i suoi racconti sulla versione norvegese di Skam, andando così a lavorare di ricerca e fantasia, partendo dalla scelta del tema principale da raccontare col suo gran ritorno. Di tutto questo abbiamo parlato con i creatori e il cast dello show; nell'attesa (ri)vedete il trailer di Skam Italia 5 e non perdete la recensione di Skam Italia 5.

La parola ai creatori

"Ci siamo assunti una responsabilità sganciandoci dalle storie originali." racconta il creatore Bessegato "Con Alice ci siamo resi conto che si trattava di una possibilità emozionante perché potevamo scegliere noi di cosa parlare. Abbiamo così deciso di concentrarci sul nostro Elia e assegnargli una "vergogna" tutta intima.".

La parola "Skam", infatti, rappresenta proprio un qualcosa che solitamente mette in imbarazzo le persone e che in questa stagione riguarda la disfunzione riguardo gli organi genitali del personaggio interpretato da Francesco Centorame. "Trovo che sia impossibile ad oggi non concentrarci sui corpi." continua l'autore "Sia per la sovraesposizione dovuta dai social, che per la consapevolezza che sono sempre più importanti per l'apprendimento della propria identità. E a questo argomento abbiamo aggiunto il ricambio generazionale e la scoperta nel profondo di Elia." Fa eco la collega Alice Urciolo: "Non avevamo reference e questo è stato emozionante. Abbiamo cercato nuove tematiche, abbiamo trovato quella del micropene e abbiamo deciso di affrontarla. Ci siamo fatti raccontare cosa significa vivere con questo disagio fisico e psichico, cosa vuol dire in rapporto al "sentirsi uomo" e alla vergogna che comporta. Ci sembrava importante parlare anche di un body shaming stavolta al maschile, in uno spazio come Skam in cui il problema di uno diventa specchio di dinamiche relazionali e sociali più grandi.".

Le new entry e i volti soliti di Skam 5

Un tema principale di cui il protagonista Centorame ha parlato con Ludovico Bessegato per prepararsi al meglio alla profondità e interpretazione del ruolo: "Sapere la trama di Skam 5 è stata una sorpresa anche per me. Ho colto questa occasione in maniera inaspettata, ma insieme come un onore. Skam ha una potenza narrativa fortissima, che rende facile il lavoro e ti fa sentire circondato da un ambiente pieno di amore. C'è una sensibilità notevole e credo la serie l'abbiamo dimostrata.".

Ad aggiungersi tra le new entry di Skam 5 vediamo comparire da subito il personaggio di Viola, il quale prende corpo grazie alla giovane attrice Lea Gavino: "L'ingresso nel cast è stato meraviglioso. Conoscere persone così è un'esperienza incredibile, ti senti immediatamente come in famiglia, non si crea nessun disagio e senti questo sentimento di vicinanza inserito anche nel lavoro.".

Oltre a Lea Gavino un'altra entrata femminile nella serie è quella di Nicole Rossi, amica di Viola nella serie ed entusiasta del significato di Skam per il pubblico: "La prima volta che ho visto i miei colleghi il pensiero che ho avuto è stato: non ci credo, sono in questo cast! A volte era quasi difficile indovinare i nomi di ognuno, mi veniva da chiamarli come i loro personaggi. E questo perché Skam sono loro, sono i ragazzi che l'hanno creata e che hanno fatto appassionare gli spettatori. Ho sentito perciò una certa responsabilità nell'immettermi col mio ruolo, ma sono felice per questa opportunità.".

A vedersi affidati gli episodi di Skam 5, e dunque la responsabilità di restituire visivamente personaggi e atmosfere, è stato il regista Tiziano Russo, che racconta così la sua esperienza: "È stato bello lavorare con questo cast. Skam è vero, è una magia, come è stato detto più volte, ma c'è anche un grande studio dietro, che ti porta ad affrontare il set in maniera più tranquilla. Sentivo poi il peso di dover fare da traghettatore tra cast dei nuovi e dei vecchi, invece da subito si è creato un collante in cui ognuno ha trovato il proprio posto.".