Agents of S.H.I.E.L.D. 5: Recensione Season Premiere della serie Marvel

Una tornata di due episodi per il season premiere di Agents of S.H.I.E.L.D. 5, che ci porta a conoscere il nuovo status quo degli agenti di casa Marvel.

recensione Agents of S.H.I.E.L.D. 5: Recensione Season Premiere della serie Marvel
Articolo a cura di

Un po' in ritardo con la solita tabella di marcia, Agents of S.H.I.E.L.D. è tornato in TV negli USA: la release delle nuove stagioni della serie Marvel con protagonista Phil Coulson debutta normalmente a settembre, salvo interrompersi nel periodo natalizio. Nell'annata precedente, addirittura, lo show ha subito ben due battute d'arresto, poiché ABC ha deciso di dividerlo in tre archi narrativi - dei quali l'ultimo, quello dedicato alla parentesi chiamata Agents of HYDRA, è stato davvero interessante. Questa volta, invece, Agents of S.H.I.E.L.D. 5 debutta il 1 dicembre sulle TV statunitensi e preannuncia una nuova stagione senza interruzioni di midseason: il season premiere, peraltro, ha debuttato con ben due episodi, volti a mostrarci il nuovo status quo degli agenti segreti di casa Marvel.

L'orrore degli Agenti

Un montaggio serrato e criptico apre il primo episodio di Agents of S.H.I.E.L.D. 5, volto a mostrarci colui dietro il quale si celano probabilmente i motivi e le macchinazioni di quanto accaduto a Coulson e i suoi nel season finale della scorsa stagione. Ricordiamo, infatti, che durante una pausa da tutti gli orrori che hanno vissuto a causa del viaggio virtuale in un mondo dominato dall'Hydra, i protagonisti si sono ritrovati letteralmente bloccati da una forza misteriosa, salvo poi risvegliarsi in una stazione spaziale - o almeno questo è quello che è accaduto al personaggio interpretato da Clark Gregg. Con questo incredibile cliffhanger si chiudeva la stagione 4, mentre la quinta torna leggermente indietro e ci mostra piccoli indizi su come hanno fatto i nostri eroi a finire nella galassia. I minuti successivi ci fanno assistere a una serie di eventi rocamboleschi, senza spiegare allo spettatore cosa stia davvero accadendo: è questo il senso di tutto il season premiere, perlomeno del primo episodio, una serie di rivelazioni che faranno capire man mano ai protagonisti dove si trovano e perché sono finiti nella cupa e claustrofobica stazione spaziale. Dopo aver affrontato l'Hydra, gli Inumani e la magia, quindi, gli agenti dello S.H.I.E.L.D. dovranno ora fare i conti con una minaccia spaziale, calandosi in un'avventura dai forti toni horror sci-fi. Coulson, Daisy, Mack, Jemma Yo-Yo e May si ritrovano prigionieri e braccati nello spazio in un'avventura claustrofobica, misteriosa e piena di segreti oscuri, costretti a sopravvivere contro nuovi e pericolosi nemici ma anche con improbabili alleati.

Un mondo senza speranza

Gli agenti, minuto dopo minuto, in questo season premiere si renderanno conto di essere finiti in una realtà molto più spaventosa di quel che pensassero, ma né ai protagonisti né tanto meno allo spettatore è concesso sapere le motivazioni che hanno spinto un'entità misteriosa a catapultarli in una simile situazione. Con una buona regia e, soprattutto, effetti speciali che dimostrano quanto la produzione abbia fatto enormi salti in avanti - non era facile, dopotutto, ambientare un prodotto del genere nello spazio - i primi due episodi di Agents of S.H.I.E.L.D. 5 ci portano a conoscere un mondo senza speranza, violento e crudo, in cui sembra non esserci spazio per nulla che non sia la sopravvivenza, in cui ogni individuo sarà d'ora in poi costretto a sporcarsi le mani per salvare la propria pelle e in cui, già dai primi 83 minuti che caratterizzati i due episodi iniziali della quinta stagione, ognuno dei protagonisti sembra già messo di fronte al proprio bivio personale, pronto ad affrontare nuovi drammi e prove indicibili.

Il tutto avviene non senza diversi e piacevoli spunti e riferimenti al materiale cartaceo Marvel, senza contare che assistiamo già a diversi snodi piuttosto interessanti per la narrazione della serie, con ognuno dei nostri eroi che sembra già aver delineato la propria storyline personale lasciando presagire una narrazione ricca di colpi di scena. La serie Marvel si presenta quindi al suo nuovo appuntamento con un ottimo esordio, proiettandoci in una dimensione estremamente oscura e piena di interrogativi che, nei prossimi episodi, troveranno sicuramente maggiori spiegazioni.

Agents of S.H.I.E.L.D. - Stagione 5 Il season premiere di Agents of S.H.I.E.L.D. 5 ci porta a conoscere uno status quo completamente nuovo per i protagonisti, prigionieri e braccati in una stazione spaziale senza tempo e catapultati in una realtà oscura e apparentemente privi di chance di sopravvivenza. Nemici spietati ma anche alleati improbabili, che sveleranno man mano una serie di rivelazioni che rendono i primi due episodi senza dubbio un ottimo esordio per la nuova stagione della serie Marvel. Il ritmo delle due puntate iniziali è ottimo, condito anche da buoni effetti speciali: nella speranza che la narrazione prosegua in questa rocambolesca direzione, noi non possiamo che essere soddisfatti del ritorno degli agenti segreti capeggiati da Phil Coulson, che preannunciano di farci assistere alla stagione più oscura di sempre.