Dear: recensione della commovente docuserie di Apple TV+

Una docuserie in dieci parti che presenta gli eroi del nostro tempo, tra televisione, musica, scienza e diritti umani.

recensione Dear: recensione della commovente docuserie di Apple TV+
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

"La storia di una singola persona può cambiare il mondo". Ne è convinto il regista R. J. Cutler, che su questa massima ha deciso di costruire una serie documentario dalla potente carica motivazionale. La storia è fatta di popoli, di comunità, di imprese, ma è composta soprattutto da singoli individui che - per un colpo di genio o tanto coraggio - hanno lasciato un'impronta fondamentale nel corso degli eventi. Un'impronta che può essere un gesto di grande spessore morale, un atto di ribellione o addirittura un errore.

Dieci soggetti, dieci personalità importanti del nostro tempo e il racconto delle loro vite di fronte ad una telecamera. Tutto questo è Dear..., un prodotto che potrebbe aggiungersi alle migliori serie Apple e che, in attesa dell'uscita su Apple TV+ il 5 giugno 2020, potete scoprire attraverso la nostra recensione completa.

Dear...: emozione, ispirazione e motivazione

A volte basta l'esperienza di una sola persona per convincerci a cambiare la nostra vita e per questo motivo cerchiamo l'ispirazione nelle figure che hanno preso il coraggio e la creatività a piene mani per fare qualcosa di nuovo e unico. R. J. Cutler raccoglie le testimonianze di molti individui, scritte sotto forma di lettera ai loro beniamini. Attraverso questo contatto epistolare il regista illustra il contributo che i protagonisti della serie hanno dato alla comunità. Si tratta di registi, sceneggiatori, presentatori, studiosi e scienziati; ognuno di loro accomunato dalla determinazione necessaria a portare avanti un sogno.

Queste persone, tutte diverse tra loro per età, etnia e personalità, si sono inserite in una situazione storica nella quale era necessario cambiare le cose. Per esempio Spike Lee ha contribuito alla rappresentazione realistica della comunità afroamericana, Oprah Winfrey ha offerto uno spazio di ascolto a molti, rappresentando per loro un modello di riferimento, mentre Big Bird ha aiutato i bambini a studiare, a capire le emozioni e ad essere gentili.

Attraverso la lettura delle lettere a loro indirizzate, queste figure - capaci di esercitare un'enorme influenza sul pubblico - raccontano la loro particolare storia, dando voce alla loro esperienza, alla loro determinazione e alle loro insicurezze. Sebbene siano queste celebrità ad essere al centro dell'analisi del regista, i reali protagonisti sono altri.

In quanto docuserie biografica e motivazionale, Dear... mette in campo tutte le finezze tecniche che il genere richiede. Il montaggio crea un filo conduttore tra passato e presente, regalando allo spettatore interessanti testimonianze, come filmati, foto e interviste. Al tempo stesso si ha come l'impressione di entrare in casa di ogni figura presa in esame e, ogni volta che la commozione prevale durante la lettura delle lettere, ci si avvicina sempre di più alla sfera privata e alle più intime emozioni di questi personaggi; il tutto anche grazie all'utilizzo sapiente di una splendida colonna sonora. Risulta così molto difficile anche per lo spettatore mantenere l'occhio asciutto.

Una docuserie attuale, che parla di esperienze, influenze e sogni

A rappresentare l'elemento di gradevole originalità di Dear... non è l'approccio motivazionale della serie, gettonatissimo nei prodotti di genere documentaristico e particolarmente riuscito anche in questo caso, ma la precisa scelta del focus.
Come già anticipato poco sopra, non sono le star intervistate ad essere il fulcro del prodotto, bensì gli autori delle lettere. I soggetti del documentario sono di importanza centrale e continuano ad esserlo per tutta la durata del progetto, ma la visione della serie mette in luce quanto le storie di coloro che ne sono stati ispirati rappresentino il vero punto di interesse del racconto. Proprio come afferma il creatore e regista di Dear..., una singola persona può cambiare il mondo e il modo di vedere le cose. Le personalità di fronte alla telecamera hanno portato avanti un sogno e condotto le loro vite, tra successi e difficoltà, ma il loro contributo più grande risiede nella risonanza avuta su moltissime altre persone. Le lettere di quest'ultime mettono in luce quanto sia stato importante per il mondo l'apporto di alcuni singoli individui: per coloro che avevano bisogno di essere rappresentati, per coloro che volevano sentirsi meno soli, per coloro che in un momento di difficoltà avevano bisogno di una canzone o di una motivazione.

Dear... è una serie che parla di eroi moderni e del loro lavoro, ma questi eroi non sono solo i soggetti delle interviste: sono le ragazze che, ispirate da Oprah, hanno studiato e sono diventate qualcuno in politica o nella medicina, sono le persone che hanno trovato il coraggio di essere se stesse grazie ai musical di Lin Manuel Miranda, gli attivisti ispirati dall'amore di Jane Goodall per la natura e molti altri che hanno saputo guardare all'esperienza altrui per migliorare se stessi e la società intorno a loro. Dear... è un ottimo prodotto, realizzato in modo eccellente e perfetto per tutti coloro che vogliono conoscere più da vicino alcune personalità importanti dello spettacolo e della scienza, magari lasciandosi ispirare dalle loro gesta. Il tutto con una messa in scena davvero ben riuscita!

Dear... Dear... è una docuserie che strutturata come qualcosa di più di una semplice raccolta di biografie. Attraverso il racconto di personalità influenti del mondo della cultura, dello spettacolo e della scienza, si scopre quanto anche una singola persona possa cambiare il mondo e far maturare i tempi. Ancora di più commuove e coinvolge l’esperienza di tutti coloro che grazie a queste star mondiali hanno trovato l'ispirazione per migliorare la propria vita, superare le difficoltà e rincorrere i propri sogni. Dear... è una storia sulla forza d’animo e sui piccoli atti di eroismo individuale che possono cambiare le cose ogni giorno. Lo show Apple coinvolge con uno stile motivazionale molto marcato e tecnicamente molto riuscito.

9