Limitless con Chris Hemsworth Recensione: si può vivere più a lungo?

L'interprete di Thor è portato ad affrontare delle prove al limite, scoprendo i benefici che tali sfide possono comportare per una vita più sana.

Limitless con Chris Hemsworth Recensione: si può vivere più a lungo?
Articolo a cura di

Chris Hemsworth è geneticamente predisposto all'Alzheimer come scoperto e annunciato durante la serie Limitless, tra i prodotti di novembre 2022 di Disney+. È chiaro il perché una simile dichiarazione venga riportata in un tale contenitore: il progetto esplora infatti in sei puntate altrettanti modi e benefici per poter allungare la vita delle persone, passando dalla mancanza di cibo per una dieta a intermittenza fino ad affrontare lo stress quando viene portato ai massimi livelli. Ponendosi al centro dell'operazione documentaristica di Disney+, Chris Hemsworth si è messo a nudo per vedere realmente qual è l'aspettativa di vita che lo attende, cosa che ci si domanda ad ogni episodio e per cui si cerca la maniera di estenderla più a lungo.

La salute è un bene comune?

Peccato che la sensazione che si ha guardando la serie su Disney+ è che mantenersi in salute sia una cosa davvero elitaria. Pur non potendo escludere una sincera fonte di interesse che arriva dal format, il quale guarda a problemi e questioni reali, è comunque impossibile rimanere distaccati quando allo spettatore viene consigliato di fare più saune al mese per mantenersi sano, quando il tempo o il costo potrebbero non facilitare il prendersi cura di sé.

Un pensiero impertinente e che non guarda magari alla complessità o all'insieme dell'operazione che la docuserie ha voluto offrire al pubblico, ma che rimane comunque davvero circoscritta alla sola persona famosa che viene interpellata per presentare come host il programma, venendo inoltre pagata profumatamente per farlo. È ciò che viene in mente quando, più di una volta, Chris Hemsworth si domanda in maniera disperata come mai ha accettato di sottoporsi alle sfide a cui Limitless lo mette davanti. Possiamo quindi immaginare quale sia la prospettiva che i tormenti del Thor del MCU quando gli viene chiesto di immergersi completamente sotto uno strato di acqua gelata, la stessa che dovrà poi attraversare a nuoto spingendosi fin nel mare aperto, cercando di far diventare la sua pelle solida e impenetrabile. Tutto perché, a quanto pare, sopportare forti temperature può contribuire ad alzare la soglia della resistenza degli esseri umani, che potrebbero così imparare ad adattarsi a qualsiasi tipologia di clima glaciale, se un domani dovesse mai servire.

Tra prove sfiancanti e mare gelato

Sicuramente Limitless con Chris Hemsworth può rivelarsi un intrattenimento piacevole per chi ha davvero una passione sull'informarsi delle varie tecniche per mantenersi freschi durante la propria esistenza (e non parliamo solo del tuffarsi nell'oceano più violento e congelato). Ma rimane una di quelle visioni da poter consumare anche con aria distratta, apprendendo magari nozioni o aneddoti in modo sommario, da poter così sfoggiare durante qualche discorso sull'ambiente o dopo che un tuo amico ti ha appena annunciato di essere diventato vegano.

Uno di quegli show che guardi anche se, nel loro cercare di poter essere utili, non lo saranno mai davvero per uno spettatore medio (ma non solo), che assumerà passivamente qualche notizia, pensando a quanto sarebbe bello potersi davvero riservare tante osservazioni e premure. La fortuna di Limitless è che il suo host, tra gli esperimenti e le spiegazioni proposte, sa comunque porsi sempre con simpatia di fronte alle prove che va ad affrontare, rendendosi agli occhi del pubblico quasi più tosto del Dio del Tuono quando ne indossa l'uniforme della Marvel.

Limitless con Chris Hemsworth Limitless con Chris Hemsworth è una docuserie in sei puntate in cui la star, insieme a degli esperti, affronta delle sfide che lo porteranno a conoscere modi differenti e più salutari per poter vivere. Dall'affrontare l'ansia o il freddo, allo spingersi fino al digiuno a intermittenza. Uno show che può interessare, ma rimane allo stesso tempo distante rispetto alla posizione dello spettatore.

6