Netflix

Lucifer 5X01 Recensione: il Diavolo torna su Netflix!

Lucifer è pronto a tornare, questa volta nelle vesti di Re dell'Inferno, in una quinta stagione capace di riservare più di una sorpresa.

recensione Lucifer 5X01 Recensione: il Diavolo torna su Netflix!
Articolo a cura di

Probabilmente nessuno, o quasi, si sarebbe aspettato il successo sempre crescente di Lucifer che, nonostante abbia rischiato la cancellazione nel corso della sua terza stagione, proprio grazie al sostegno dei fan è riuscito a risollevarsi come per magia, ottenendo un ampio consenso di pubblico. Oggi la quinta stagione di Lucifer rappresenta la punta di diamante delle uscite Netflix di agosto. Se necessitate di un rapido ripasso degli eventi precedenti, vi rimandiamo alla nostra recensione di Lucifer 4, la prima stagione interamente gestita dal colosso streaming. Dopo un trailer ben congegnato capace di far salire in maniera esponenziale l'hype degli appassionati, abbiamo visionato il primo episodio della quinta stagione per cercare di capire nel dettaglio cosa aspettarci dalla nuova tornata di episodi.

Volete Lucifer?

Prima di addentrarci nell'effettiva analisi di quanto visto, è bene fare una piccola premessa riguardo l'intero progetto, per tentare di comprendere fino in fondo la chiave del successo di questa atipica serie a sfondo poliziesco, fortemente ancorata ad una dimensione urban fantasy.

L'opera, fin dal primo episodio, non ha mai nascosto la sua natura scanzonata, presentando al pubblico una versione del Diavolo molto lontana da quella appartenente all'immaginario biblico classico; molto meno cattiva di quanto ci si potesse aspettare in origine.

Ed è proprio sul personaggio interpretato da Tom Ellis che gli autori hanno deciso di puntare al massimo, mostrandoci un protagonista ascrivibile all'archetipo della simpatica canaglia, capace, nonostante i suoi numerosi difetti, di far presa sul grande pubblico. La struttura generale delle prime tre stagioni, però, non ha mai cercato di variare considerevolmente la formula iniziale, cioè quella semi investigativa, con Lucifer e la detective Chloe Decker impegnati nel risolvere una moltitudine di casi differenti. Come descritto all'inizio, l'opera ha inevitabilmente imboccato da un certo punto in poi un vero e proprio binario morto, arrivando di fatto alla sua repentina conclusione soprattutto per via di una ripetitività di fondo non così facile da digerire.

Netflix, da questo punto di vista, ha provato a cambiare le carte in tavola, cercando di avvicinarsi ad un mood leggermente più dark di quanto visto in passato, focalizzandosi su una maggiore continuità narrativa anche dal punto di vista degli elementi soprannaturali legati al contesto urban fantasy. Nonostante l'ottimo riscontro di pubblico ottenuto, la serie infatti non ha mai spiccato in realtà per la sua componente narrativa, rendendo di fatto l'intera opera un prodotto adatto principalmente per staccare la spina, da alternare a serie sicuramente più profonde e scritte meglio, riuscendo in ogni caso ad intrattenente nel migliore dei modi.

Il punto di forza più grande dell'intero franchise è stato infatti quello di non prendere mai in giro lo spettatore cercando di elevarsi a qualcosa di più di quanto mostrato in origine. Per questo, chiunque riuscirà a ignorare i difetti storici di questo prodotto - tra i quali spiccano una varietà di situazioni non così esaltante e una scrittura spesso raffazzonata -, non potrà che sentirsi nuovamente a casa anche solo vedendo il primo episodio della quinta stagione, capace di mischiare le carte in tavola in maniera intelligente, grazie ad un Lucifer ora finalmente impegnato a ricoprire la carica di Re dell'Inferno, nonostante il suo enorme attaccamento alla Terra e, soprattutto, alla sua amata detective Chloe Decker.

Eccovi il Diavolo!

Questo primo episodio si pone da subito in netta continuità con la stagione precedente, con il protagonista tornato all'Inferno per evitare che le orde di demoni, da tempo senza una guida, si riversassero furiose a creare scompiglio sulla Terra. Il variare un minimo la formula legata alla risoluzione dei casi - con l'ormai amata/odiata scena in cui Lucifer si avvicina al malcapitato di turno per rivelare i suoi desideri nascosti - senza stravolgere nulla, ma inserendo all'interno del calderone la dimensione infernale , ha permesso di portare una ventata d'aria fresca. La puntata, che non esita neanche un minuto nel ripresentarci i vari personaggi - ormai storici - del serial, risulta al tempo stesso un ottimo entry point anche per tutte quelle persone completamente all'oscuro degli eventi passati, grazie appunto al nuovo status di Lucifer, ora non più fisicamente presente a Los Angeles.

Lo snodo più interessante a livello di trama, già ampiamente mostrato nel trailer, è l'arrivo del gemello del protagonista sulla Terra, intenzionato a non rivelare sin da subito la sua vera identità, spacciandosi proprio per Lucifer. Il tutto attraverso un cliffhanger ben riuscito, capace di catturare l'attenzione dello spettatore soprattutto in funzione di quello che potrebbe succedere nel corso dell'intera stagione.

Vedere infatti come reagiranno tutti i vari personaggi alle azioni che compirà il falso Lucifer potrà di fatto trasformarsi nella chiave di volta per il potenziale successo di questa nuova stagione, capace finalmente di trovare il coraggio di variare un minimo la formula alla base del serial. Lo stesso protagonista, per ora intenzionato a rimanere all'Inferno, potrà riservare più di una sorpresa nel momento in cui deciderà di tornare sulla Terra per riprendersi il posto che in realtà gli spetta di diritto.

Lucifer - Stagione 5 Il primo episodio della quinta stagione di Lucifer riesce nell'intento di svecchiare in maniera intelligente l'intera serie, ponendo di fatto il protagonista in una situazione spinosa che, nel corso degli episodi successivi, dovrà sforzarsi di risolvere a tutti i costi. Una puntata quindi ben ritmata, capace oltretutto di presentare in maniera semplice e funzionale i numerosi personaggi, risultando a conti fatti - nonostante sia la quinta stagione del serial - come un ottimo entry point anche per gli spettatori totalmente ignari delle vicende di Lucifer Morningstar.