Now and Then Recensione: una serie Apple anonima e prevedibile

Non basta qualche colpo di scena distribuito nel corso degli episodi per ravvivare una serie già vista e priva di qualsiasi appeal.

Now and Then Recensione: una serie Apple anonima e prevedibile
Articolo a cura di

Sarebbe bello se esistessero piattaforme in cui trovare solamente prodotti di qualità. Storie inedite e inesplorate, regie stimolanti e sguardi originali, narrazioni che mescolano la parte del racconto con quella della messinscena per conquistare l'occhio e lo spirito degli spettatori, catturati dalla bellezza di serie e lungometraggi intrattenitivi e da lodare. Per quanto Apple TV+ si sforzi enormemente nel raggiungimento di questo traguardo, come abbiamo avuto modo di vedere anche nella recensione di Scissione o nella recensione di Pachinko - La moglie coreana, ben meno si può attribuire un tale merito ad uno show come Now and Then.

I brutti ricordi della giovinezza

Serie ideata da Ramón Campos e Gema R. Neira, la storia si divide tra i vari e innumerevoli personaggi legati nel passato da un destino nefasto, il quale a vent'anni di distanza torna insistentemente a farsi sentire.

Se è sempre meglio non rivangare eventi della propria giovinezza, per i protagonisti di Now and Then questo diventa difficile visto il loro venir ricattati per un incidente avvenuto in una notte in cui si festeggiava l'arrivo dell'età adulta. Una serata segnata da un trauma che finirà per accompagnargli per il resto della loro esistenza e che fa nuovamente capolino per destabilizzare la finta pace su cui avevano costruito la loro vita e carriera, entrambe pronte a crollare per un'estorsione da poter mettere a tacere solamente sborsando una cifra esorbitante, ma necessaria per lasciare che tutto rimanga invariato. In quest'aria da thriller che ha venature alla So cosa hai fatto, ma escludendo del tutto la parte horror del film di Jim Gillespie, Apple TV+ finisce per produrre una show mediocre che non rispetta i canoni a cui ci aveva abituato fino a questo momento, ma di cui è prevedibile una rovinosa e insalvabile scivolata.

Che poi la verità è che Now and Then è una serie la quale è possibile trovare su qualsiasi altro canale o qualsiasi altra finestra, dai canali in chiaro alle library streaming. Uno show senza assolutamente un'originalità per un racconto visto mille e più volte e uguale sia per costruzione che per narrazione degli avvenimenti, i cui svariati colpi di scena non riescono minimamente a sorprendere seppur inseriti con accortezza e parsimonia soprattutto sul finale, affossati purtroppo dal resto dell'atmosfera della serie e per questo riservati in secondo piano.

Un caso (purtroppo) non chiuso

Non basta infatti qualche doppio gioco o qualche rivelazione inaspettata a risollevare le intere sorti che già nelle prime impressioni di Now and Then avevamo percepito come banali e monotone, tremendamente noiose per questa natura simile a tante altre e peggiorate da una scelta stilistica desaturata e vecchio stile. La fotografia della serie appesantisce un occhio che è dai primi del Duemila che non trovava più una patina così velatamente color seppia mescolata a sfumature più grigie e metalliche. Una copertina che vuole l'umore della serie freddo e distaccato immaginando di essere risoluto ed elegante, ma sembrando solamente privo di gusto. Peggiorato inoltre da quei rimandi alla giovinezza dei personaggi, del tutto anonimi proprio come i loro caratteri.

Pur comprendendo la possibilità di Apple TV+ di poter incappare in errori anche sempre più frequenti in futuro in caso soprattutto di un aumento delle sue produzioni come accaduto con Netflix e Prime Video, con Now and Then la finestra online ha compiuto un passo falso riportando la serialità thriller indietro di anni. Un prodotto che, in realtà, potrebbe anche intrattenere un pubblico meno esigente, ma che in quel caso non si troverebbe sulla piattaforma. Dinamiche già osservate e incroci già esplorati per una serie scontata e ordinaria. Un'indagine che solo il personaggio della detective interpretata da Rosie Perez vuole continua a seguire, perdendo invece l'interesse del pubblico fin dalle prime puntate.

Now and Then - Stagione 1 Se cercate qualcosa di originale, Now and Then non è la serie che fa per voi. Strutturata come tantissime altre storie tra il thriller e il giallo, con uno stile ormai datato e che appesantisce la visione a causa dei suoi colori desaturati e opachi, lo show di AppleTV+ è un neo in un catalogo solitamente stimolante, ma che stavolta scivola su un racconto già visto mille altre volte. Una storia uguale a tante altre, ma soprattutto insofferente nella sua struttura. Anonima come i caratteri dei suoi personaggi.

5