Prosciutto e uova verdi: Recensione della serie animata di Netflix

La nuova serie animata di Netflix è una girandola irresistibile di colori e creatività senza limiti, un omaggio per tutti ad un classico del Dr. Seuss.

recensione Prosciutto e uova verdi: Recensione della serie animata di Netflix
Articolo a cura di

Prosciutto e uova verdi, che dolce sinfonia: sono buone su una barca e sono buone con una capra, sono perfette sotto la pioggia, al buio e su un treno, ancor meglio se in compagnia di una volpe o di un topo. E poco importa che il lupo stia tentando di diventare vegano o che il topo preferisca del pregevole formaggio stagionato. Abbiamo qualche allucinazione? Potrebbe essere o magari ci siamo semplicemente fatti catturare dal variopinto e bizzarro mondo immaginato dal Dr. Seuss, in cui ogni personaggio di qualunque forma e colore finirà sempre per mangiare prosciutto e uova verdi. Non c'è imprevisto che regga, quando lo stomaco dei protagonisti fa capolino la soluzione migliore è quella ricetta mostruosamente deliziosa, che sia servita in piatto o in barattolo, fritta o frullata. E così come tale pietanza è una prelibatezza per chiunque, anche Netflix con questa serie animata ha fatto un centro praticamente perfetto, adatta a tutti ma soprattutto ai più i giovani.

Un aspetto da non sottovalutare, vista la carenza di prodotti di spessore in un genere spesso snobbato o popolato da esponenti che si limitano al minimo sindacale. Non è banale creare qualcosa che comunichi quelle lezioni di vita universali e contemporaneamente riesca ad intrattenere - siamo un po' orfani di Adventure Time in sostanza. Prosciutto e uova verdi (uno dei nuovi prodotti disponibili tra le uscite Netflix di novembre 2019) è la risposta a questo vuoto, la più genuina e sorprendente possibile.

I would eat them in a boat and with a goat

Nella città di Glurfsburg tutto scorre normalmente: i conta-fagioli contano i fagioli, gli osserva-vernice guardano la vernice asciugarsi, gli inventori inventano...insomma, nulla di nuovo all'orizzonte. Almeno finché un certo Sam-I-Am ruba dallo zoo locale un rarissimo esemplare di Chickeraffe e si imbarca in un'avventura straordinaria e coloratissima con l'inconsapevole Guy-Am-I, un inventore pronto a rinunciare ai suoi sogni. Lo scopo? Riportare l'adorabile animale nel suo habitat naturale. Un viaggio irto di difficoltà ad ogni passo, poiché la Chickeraffe ha attirato attenzioni non esattamente lusinghiere di uomini molto potenti e pericolosi e dei loro subdoli scagnozzi. L'opera di Netflix è prima di tutto un inno alla creatività più sfrenata e fanciullesca, il mondo che prende vita dalle parole del Dr. Seuss non è altro che l'immaginazione animata di un preadolescente, di quegli infiniti scarabocchi che nascevano dall'unione degli elementi più randomici e strampalati.

E allora tutto ha senso, dagli ascensori a forma di immensi giardini a ferrovie a forma di giro della morte con ulteriori avvitamenti, e niente è fuori posto, una giraffa-pollo dalle gambe allungabili entra perfettamente in una valigia e una volpe dedita allo yoga per conquistare una gallina è la norma. Il mondo di Prosciutto e uova verdi è una continua sorpresa capace di mescolare le esperienze di vita più lontane tra di loro e trasformarle in piccole perle di sana follia, da cui è impossibile non lasciarsi trasportare entusiasticamente.

I would eat them in the rain, in the dark and on a train

Ed è qui che il gioco della serie compie il suo miracolo: nelle più disparate località visitate e nelle disavventure di Sam e Guy c'è bellezza, inventiva e genuinità per persone di ogni età - rima voluta e cercata, anche se quelle del Dr. Seuss sono di ben'altra foggia. Questo è il vero segno di un prodotto per bambini riuscito, perché sicuramente il linguaggio e la trama sono destinati a quel preciso target, ma i messaggi, l'umorismo e la semplicità che pervade il tutto sono universali. Il valore di un'amicizia vera, di un rapporto madre-figlia piuttosto complicato, della responsabilità di prendersi cura di un animale valgono per chiunque e sono lezioni di vita che appunto chiunque dovrebbe accogliere e far sue. E Prosciutto e uova verdi è questo e tanto altro, tra una lotta contro i pregiudizi e contro l'avidità a favore del non mollare mai perché vale sempre la pena lottare per ciò in cui si crede e un monito a migliorarsi sempre, a non adagiarsi mai, a esplorare e provare continuamente nuove cose.

È una giostra meravigliosa da cui alla fine risulta quasi arduo separarsi per tornare ad una realtà senza una Chickeraffe e senza un piatto fumante di prosciutto e uova verdi.

Poi è vero, a freddo emergono alcune criticità. Il grande plot twist, ad esempio, solleva delle incongruenze e dei buchi di trama e, perché no, certe puntate sono un po' allungate a causa di un andamento decisamente troppo lento. Eppure spunta sempre qualcosa per cui sorridere ed emozionarsi, per cui sorprendersi e rimanere incollati allo schermo indifferentemente per un bambino o per un adulto.

Prosciutto e uova verdi Prosciutto e uova verdi è, senza giri di parole, un centro perfetto per Netflix. Una serie animata dedicata ai più giovani brillante e sorprendente, un omaggio quasi commovente ad una delle opere più rappresentative del Dr. Seuss. L'avventura di Sam e Guy è, nella sua disarmante semplicità, un inno alla creatività e all'inventiva, condensate in un mondo tra i più colorati e folli che si siano mai visti: ogni personaggio, ogni luogo, ogni strada straripa di dettagli assurdamente esilaranti e alla fine non si può far altro che accettare con un sorriso enorme qualunque cosa bizzarra la serie propone. E allora si entra in una giostra apparentemente infinita, adatta sia ai bambini che agli adulti. Non c'è ombra di dubbio che il target sia molto giovanile, ma le lezioni universali che la serie vuole comunicare sono universali e non possono far altro che emozionare e colpire chiunque. Date una chance a quel piatto un po' mostruoso che risponde al nome di prosciutto e uova verdi, non ve ne pentirete e vi ritroverete a gustarlo ovunque.

8.5