The Undertaker: The Last Ride 1x04, il ritiro è dietro l'angolo?

Nel quarto episodio, The Undertaker inizia ad abbracciare l'idea del ritiro, complice il disastroso match contro Goldberg.

recensione The Undertaker: The Last Ride 1x04, il ritiro è dietro l'angolo?
Articolo a cura di

Giunti al quarto episodio di The Last Ride, abbiamo imparato a conoscere il carattere di Mark Calaway, tra le sue difficoltà a dire definitivamente addio al ring e il non saper dire di no alle richieste del capo della WWE Vince McMahnon, ma il nuovo episodio del documentario su The Undertaker (disponibile sul WWE Network dalla notte tra domenica 14 e lunedì 15 giugno) inizia a mostrare una nuova attitudine della leggenda, la quale comincia a venire a patti con l'idea che il momento del ritiro sia ormai dietro l'angolo.

Un uomo totalmente dedito al proprio personaggio

Che qualcosa si stia modificando nell'attitudine del Phenom si nota da un primo grande cambiamento nel modo in cui gestisce la sua gimmick. Nelle prime impressioni su The Last Ride avevamo infatti sottolineato come durante la sua lunga carriera Calaway sia uscito raramente dal suo personaggio quando si è mostrato al pubblico al di fuori degli show e ciò viene rimarcato durante l'episodio. Per esempio, Mick Foley afferma che, con il passare degli anni, l'uomo dietro al personaggio è diventato una sorta di mistero anche per i suoi colleghi.

A un certo punto, però, Calaway inizia a collaborare con una società e a curare diversamente i profili social, iniziando a mostrarsi in una veste inedita per i fan e arrivando ad accettare un firmacopie non collegato alla WWE. L'occasione è Starrcast II, un evento collegato all'allora neonata AEW e la cui sola pubblicità generò un chiacchiericcio tale che McMahon arrivò a chiamare Calaway per chiedergli di non presenziare. Ancora una volta, The Undertaker ha ceduto alla richiesta, anche se rivela di aver avuto uno screzio con McMahon a causa di tutto questo.

Lo spavento più grande

Risolti i problemi con quella che ha definito una figura paterna, Calaway vive un periodo in cui, dopo aver ribadito la fedeltà alla compagnia di Stanford, si gode maggiormente la famiglia e presenzia a Wrestlemania 35 in veste di ospite, ma assistere allo show dalla gorilla position contribuisce ad accendere il desiderio di combattere ancora, nonostante pensasse di aver chiuso una volta per tutte.

Si arriva così al match contro Goldberg a Super ShowDown. Si tratta di un inedito tra due wrestler che all'epoca della Monday night war erano ai vertici dei propri show (Raw per The Undertaker, Nitro per Goldberg) e la possibilità di lavorare per la prima volta insieme è tra gli elementi che hanno convinto il Deadman ad accettare, anche più di una possibilità di redenzione dopo la prestazione deludente a Crown Jewel .

L'incontro fu tra i peggiori di tutto il 2019 e non solo, basti pensare che il giornalista Dave Meltzer, uno dei più importanti del settore, diede la valutazione di DUD ("fiasco") al posto delle solite stelle con cui giudica gli incontri. Rispetto agli altri incidenti di percorso visti negli episodi precedenti, questo è quello che probabilmente ha intaccato maggiormente il morale di The Undertaker e che più di tutti gli ha fatto venire dubbi sul continuare o meno: non si tratta più di una questione di qualità della performance, ma di preservazione della propria salute.

La moglie Michelle McCool, visibilmente preoccupata, racconta di aver avuto tanta paura quando, in seguito a una Jackhammer mal eseguita da Goldberg, The Undertaker ha rischiato un serio infortunio al collo. Eppure, Calaway ha combattuto un altro incontro, a Extreme Rules 2019, in coppia con Roman Reings e contro l'attuale WWE Champion Drew McIntyre e Shane McMahon, perché in fondo proprio non riesce a rinunciare a tutto ciò che prova in un palazzetto che acclama il suo nome. A dispetto delle precedenti prestazioni, l'incontro va bene e il fisico regge e quando The Undertaker varca la soglia del dietro le quinte assistiamo a un altro grande cambiamento, con lui che si avvicina a McMahon e gli dice che con questo match ha finito.

Mark Calaway spiega di aver finalmente raggiunto quel senso di calma interiore che tanto cercava e questa volta si avverte una maggiore consapevolezza circa il non dover più dimostrare nulla e che il momento dell'addio potrebbe essere giunto. Sappiamo che non è vero, che ci sarà ancora la faida con Aj Styles (anche se in un incontro dal taglio cinematografico) e che l'episodio conclusivo si concentrerà su come si è arrivati al Boneyard Match ma, dato il tenore di questo quarto episodio, non è da escludere che arrivi la rivelazione che si è trattato del canto del cigno o quanto meno della sfida che apre la strada all'ultima corsa del Becchino.