The Walking Dead 10x02 Recensione: le origini del branco

Il secondo episodio della nuova stagione di The Walking Dead ci propone toni più riflessivi, alla scoperta delle origini di Alpha e Beta.

recensione The Walking Dead 10x02 Recensione: le origini del branco
Articolo a cura di

Le regole di una buona sceneggiatura vogliono che un cattivo degno di questo nome abbia un background definito, un'origine forte, un trauma scatenante che ha trasformato lo sfortunato di turno in un essere ignobile. In The Walking Dead, in cui la tragedia umana è l'ingrediente fondamentale per giustificare le azioni dei personaggi in un mondo senza più regole, quasi sempre è valso questo dictat. Con il Governatore, persino con Negan (nella serie il personaggio di Dean Morgan ha solo accennato il suo passato, ma i suoi trascorsi sono narrati in un fumetto chiamato The Walking Dead: Negan e qui, lo sapevate?), e ora anche con Alpha.

La spietata e inquietante leader dei Sussurratori è protagonista di The Walking Dead 10x02, secondo episodio della decima season dello show AMC, trasmessa sui canali Fox di Sky. Un appuntamento, quello appena consumatosi, che rispetta uno dei canoni imprescindibili di questo franchise: spezzare la narrazione con una puntata decisamente più riflessiva, incentrata magari sulla psiche di un singolo personaggio. In questo caso, la guerra (per ora) fredda tra i sopravvissuti di Alexandria, Hilltop e Il Regno e i cosiddetti Whisperers viene messa in stand by per raccontarci le origini del rapporto tra due attori chiave dell'imminente conflitto: Alpha, per l'appunto, e il suo inseparabile braccio destro, il misterioso Beta.

La nascita dei Sussurratori

Strane figure, i Sussurratori: villain eclettici, ma affascinanti. In un racconto che, finora, ha operato una distinzione più o meno netta tra vivi e morti, e in cui la minaccia dei viventi era ben distaccata da quella dei vaganti (facendosi, peraltro, sempre più marcata di stagione in stagione), è interessante come il cammino di Daryl e soci adesso sia intralciato da un ibrido tra le due specie.

Alpha e i suoi sono esseri umani, biologicamente parlando, ma hanno abbracciato uno stile di vita che li spoglia di ogni parvenza d'umanità, anelando uno stato esistenziale che aleggia in un limbo tra chi vive nella ragione e chi marcisce nella follia.

Forse, proprio per una figura del genere, non era poi così necessario conoscerne il passato, o almeno non così presto. Magari, proprio lasciando che il mistero e l'inquietudine governassero l'agire dei Sussurratori fino alla fine, per poi svelarne le origini a un passo dalla disfatta, avrebbe dato un altro spessore ad antagonisti così atipici. Perché, pur con gli alti e i bassi qualitativi che ne caratterizzano scrittura e messinscena, la serie ha giovato dell'inclusione dei Sussurratori, ritrovando una verve prettamente horror e meno drammatica (lo era diventata fin troppo negli ultimi anni) capace di avvicinarsi alle atmosfere claustrofobiche delle prime stagioni.

Lasciando speculazioni e speranze a parte, in ogni caso, l'episodio 10x02 di The Walking Dead si colloca in un momento antecedente al finale della premiere di settimana scorsa, quando gli sguardi di Carol e Alpha si sono incrociati nel silenzio di una landa desolata. Occhi che si scrutano, studiando attentamente l'una le mosse dell'altra, una battaglia invisibile tra due volontà forti e destinate a vestire i panni di protagoniste assolute di questo conflitto.

Non dimentichiamo che la precedente stagione, che aveva già introdotto i Sussurratori, era terminata in tragedia: la morte di svariati membri delle comunità guidate da Michonne, Tara ed Ezekiel, tra le quali la stessa neo-leader di Hilltop e finanche il giovane Henry, figlio adottivo di Ezekiel e Carol. Una nuova guerra, fatta di vendetta e sangue, è insomma alle porte: ma prima, come già detto, gli sceneggiatori dello show tirano il freno a mano, scegliendo di compiere un passo indietro su due piani temporali differenti.

Alpha e Beta

Da un lato c'è il "presente" dell'episodio 10x02, una migrazione dei Sussurratori che porterà Alpha a spostarsi verso i confini del suo stesso territorio, allarmata dalle attività dei suoi nemici. Dall'altro c'è un tempo passato, risalente a sette anni prima gli eventi a cui stiamo assistendo: una parte preponderante del racconto, tant'è che la scena iniziale della puntata propone proprio un flashback, eppure mai invasiva, poiché si alterna costantemente con le azioni compiute dal branco in contemporanea alle indagini dei protagonisti sul misterioso satellite precipitato in The Walking Dead 10x01.

Il fulcro di tutto l'episodio ruota attorno ad Alpha e Beta: i flashback, infatti, ci raccontano proprio del primo incontro tra la leader dei Sussurratori e il suo fidato compagno, dando già per scontati gli eventi che capitarono a Lydia e sua madre, raccontati dalla ragazza già in The Walking Dead Stagione 9. Una relazione nata, ovviamente, nella diffidenza, ma evolutasi attraverso l'empatia e la manipolazione: l'aspetto più interessante di questi due villain è che essi appaiono perfettamente complementari, ognuno con le proprie fragilità e debolezze, l'uno la maschera dell'altra. Quando, 7 anni prima, Alpha e sua figlia incontrano l'uomo mascherato che sarebbe diventato Beta, la trasformazione inumana della villain è già matura al punto da definirsi completa: Alpha aveva già ripudiato il suo nome, i suoi legami, l'amore di sua figlia, la vita stessa; Beta, d'altro canto, rimaneva aggrappato al dolore dei ricordi, a un passato tragico e ad un volto. Un volto di una persona amata a tal punto da conviverci nonostante fosse ormai non-morta, un volto così importante da diventare la maschera di un uomo distrutto.

Poi, nel presente, tutto cambia: ora è Alpha, leader indiscussa e tremenda, a cedere sotto il giogo limitante dei sentimenti, ed è Beta a ricondurla coi piedi ben fissi sullo scranno del proprio branco. Alpha, indomabile e terrificante davanti ai suoi subalterni, una dea capace di concedere assoluzione e perdono, pena e sentenza, verbo e pensiero; ma anche fragile ed instabile quando il suo cuore si apre di fronte allo sguardo di ghiaccio del suo vice.

È una leonessa senza più il suo cucciolo, ma nonostante sia un mostro ella resta sempre e comunque una madre che è stata incapace di amare sua figlia: ed è proprio il dolore di un'altra madre a farla vacillare, scatenando nel suo cuore un'emozione che credeva di aver seppellito.

La protezione. L'appartenenza. Il desiderio e la volontà di riprendersi Lydia nonostante cerchi di convincere se stessa che "Lydia è morta quando è venuta al mondo, perché non era come me". E il personaggio di Gamma, la neo-promossa Gamma, una sorella capace di uccidere la consanguinea a sangue freddo pur di emergere dal branco, simboleggia l'ideale che Alpha vuole rappresentare, ma anche una possibile minaccia all'autorità della stessa Alpha o alla fedeltà di Beta. Che non è più l'unico, solo e fidato braccio destro della sua compagna, ma potrebbe essere costretto a dividere lo scettro in qualità di favorito. Il che lo rende, forse, l'elemento più pericoloso di tutto il gruppo.

The Walking Dead Stagione 10 L’episodio 10x02 di The Walking Dead ha il compito di approfondire Alpha e il suo rapporto con Beta, definendo chiaramente i limiti e i confini della loro psiche. Il legame tra i due leader dei Sussurratori, messo a nudo in una puntata ben confezionata sul profilo del montaggio tra due momenti temporali ben distinti, mescola nuovamente le carte in tavola, ridefinendo i sentimenti di Alpha e mettendo sotto una luce diversa la figura del suo braccio destro. Forse non sentivamo il bisogno di conoscere così presto i dettagli sulle origini dei Sussurratori, considerato che la decima stagione avrà ancora modo per approfondirne il background: non resta che seguire da vicino i piani di uno show che continua ad oscillare su picchi qualitativi contrastanti, ma perlomeno sta dimostrando di aver voglia di ricominciare, riavvicinandosi ai toni più horror ed inquietanti delle prime season.