The Walking Dead 10x09 Recensione: tensione senza terrore

L'episodio che apre la seconda parte della decima stagione riprende da dove ci eravamo lasciati, con risultati analoghi.

recensione The Walking Dead 10x09 Recensione: tensione senza terrore
Articolo a cura di

Archiviato il deludente midseason finale di The Walking Dead 10, e dopo il canonico trimestre di pausa, è giunto il momento di scoprire la risposta della showrunner Angela Kang alla crescente delusione e al costante calo di ascolti di The Walking Dead 10 con "Squeeze" ("La grotta" in italiano), l'episodio che apre la seconda parte della decima stagione della serie horror targata AMC. Ma vediamo dove ci eravamo lasciati.

Negan si è conquistato la fiducia di Alpha e nel frattempo Michonne salpa con Virgil, lo sconosciuto tratto in salvo nei pressi di Oceanside, alla volta dell'isola sulla quale l'uomo dice trovarsi la sua comunità, con la promessa di nuovi rifornimenti per gli insediamenti alleati. Intanto Daryl e Carol si mettono alla ricerca di Lydia, il primo con l'intento di salvarla, la seconda con quello di annientare Alpha una volta per tutte. Ma è proprio la sventatezza di Carol a mettere nei guai l'intera spedizione. Avvistata Alpha, Carol si lancia all'inseguimento, facendo cadere l'intero gruppo in una trappola sotterranea, preda dell'orda di non morti della leader dei Sussurratori.

Per il futuro, non per vendetta

Il gruppo capitanato da Daryl riesce a farsi strada tra i meandri sotterranei, ma iniziano ad emergere le prime crepe nel rapporto tra Carol e il gruppo; Magna è su tutte le furie per il gesto inconsulto di quest'ultima. A mettere un freno alle polemiche ci pensa Daryl in un momento di confronto con Carol nel quale, nonostante l'errore della donna e la conseguente perdita di fiducia di Daryl nei suoi confronti, il rapporto di affetto e rispetto reciproco tra i due non sembra vacillare e, anzi, questa pare proprio l'occasione per riconsolidarlo con la promessa da parte di Carol di agire d'ora in poi per il bene comune.

Daryl comprende il trauma che la brutale esecuzione di Henry rappresenta per Carol, ma sa anche che a causa delle azioni avventate della donna, molte altre persone a lei care stanno rischiando la vita. La battaglia che stanno combattendo è per il futuro, non per la vendetta.

La ricompensa

Nel frattempo Alpha allerta Beta e Gamma sulla possibile presenza di spie nemiche che conoscano la posizione dell'orda riunita dai Sussurratori e manda quest'ultima a dare un chiaro messaggio alle sentinelle. Negan suggerisce una differente teoria, secondo la quale la spia fa parte dei Sussurratori e potrebbe essere proprio Gamma.

Nonostante la reticenza iniziale, Alpha decide di indagare e scopre che Negan potrebbe avere ragione. Inviato quindi Beta a recuperare la ragazza, Alpha si concede all'ex Salvatore per ricompensarlo dei suoi servigi, in una scena che ha già fatto impazzire i fan di The Walking Dead.

Una situazione esplosiva

Nei cunicoli sotterranei Connie trova della dinamite che è troppo instabile per essere utilizzata. Intanto i nostri eroi riescono a trovare una via di fuga, ma Carol è sparita e con lei parte della dinamite. La donna vuole far esplodere metà dell'orda sotterranea, rischiando la morte sua e dei compagni pur di vendicare Henry, ma viene nuovamente soccorsa da Daryl. Purtroppo la dinamite precipita comunque nel vuoto esplodendo e scatenando il crollo dei cunicoli sovrastanti.

I nostri si danno alla fuga, ma devono tenere a bada i Sussurratori sia sottoterra che in superficie. Jerry riesce miracolosamente a reggere una trave portante e ad impedire il collasso, ma tutto crolla quando quest'ultimo viene tratto in salvo, lasciando Magna e Connie in balia del fragoroso crollo innescato dalla restante dinamite. Carol è a pezzi e non si dà pace, prega Daryl di rimproverarla per la sua sconsideratezza, ma l'uomo si limita ad ordinare agli altri di avvisare tutti della scoperta dell'orda, mentre lui cercherà di salvare Magna e Connie attraverso un'entrata secondaria. L'episodio si chiude su Carol, abbandonata alla sua disperazione.

Tensione senza terrore

"Squeeze" si snoda su un doppio binario che segue quasi esclusivamente la fuga dei nostri eroi dalla trappola di Alpha e la sorte di Negan tra i Sussurratori, rimandando il destino di Michonne e il tanto chiacchierato ritorno di Maggie ad un futuro non meglio precisato. Pur respirando una tensione costante, nella quale non mancano certo i colpi di scena, si capisce che l'intenzione degli autori è quella di evolvere il rapporto del gruppo con Carol alla luce del suo trauma, in un crescendo che non preannuncia nulla di buono per il personaggio interpretato da Melissa McBride.

Sul fronte Sussurratori assistiamo al setup di una resa dei conti interna per la quale l'interesse è decisamente calante, con un Negan che sembra avere la strada spianata e un'Alpha che pare aver lasciato alle puntate precedenti la sua agghiacciante imprevedibilità.

The Walking Dead Stagione 10 “Squeeze” non è certamente una pietra miliare nella decima stagione di “The Walking Dead” e il suo collocamento in apertura del secondo blocco di pepisodi avrebbe preferito ad una drammaticità più capillare. Il cast e la produzione ci avevano avvertito: la seconda parte della decima stagione sarebbe stata terrificante e scioccante. Per ora abbiamo assistito ad una puntata ad alto tasso di tensione, che sembra scrivere un futuro incerto per il personaggio di Carol. Una tensione edulcorata dall’incolumità adamantina che sembra avvolgere i nostri eroi e che, a questo punto della serie, potrebbe anche puntare più sulla perdita come combustibile narrativo, piuttosto che sulla suspense.