Marvel

WandaVision 1x09 Recensione: un finale da applausi e pieno di lacrime

Si chiude il percorso di riabilitazione di Wanda e il primo tassello della Fase 4: un finale soddisfacente con qualche parentesi ancora aperta.

WandaVision 1x09 Recensione: un finale da applausi e pieno di lacrime
Articolo a cura di

Non è mai facile mettere un punto. Chiudere un capitolo della propria vita e voltare pagina senza sapere cosa ti aspetta e chi sarà con te ad affrontare il futuro. E non è per niente facile, per uno scrittore, chiudere una storia come WandaVision. Dare un epilogo coerente ad un racconto così tanto intriso di misteri rappresentava un rischio sin dall'inizio. D'altronde, lo avevamo detto in tempi non sospetti, in occasione delle nostre prime impressioni su WandaVision: sarà possibile mantenere un livello del genere fino alla fine? E cosa accadrà quando lo show si trasformerà integralmente da una sitcom pura ad un cinecomic d'azione in tutto e per tutto?

La risposta arriva con una puntata finale lunga 50 minuti. Il giusto, senza accorciare troppo né strafare: il team creativo di WandaVision si prende il timing giusto, essenziale ma esaustivo, per raccontare il loro finale. E qui, dunque, dobbiamo rispondere alla domanda che ci siamo posti poche righe più sopra: sì, il finale di WandaVision è soddisfacente. Non ridimensiona tutto il lavoro svolto negli otto episodi precedenti, ma lo valorizza. Gli dà un senso. E ci fornisce, attraverso le emozioni di Elizabeth Olsen e Paul Bettany, una delle parentesi più emozionanti dell'intero MCU. Ancora una volta, dopo la perfezione dell'episodio 8 di WandaVision.

La battaglia finale

Siamo tornati al presente. Nessun viaggio mentale, nessun flashback. Ora è il tempo dell'azione e dello scontro finale, e in tal senso di "mazzate" WandaVision 1x09 ne riserva una discreta dose sin dall'inizio. Già nei primi minuti, infatti, si sviluppa il doppio binario su cui si incentrerà gran parte del racconto in questi ultimi 50 minuti di serie: il duello a suon di magia tra Agatha Harkness e Wanda Maximoff e l'interessantissimo confronto tra i due Visione: quello creato da Wanda che vive dentro Westview e l'androide bianco composto dagli scenziati dello S.W.O.R.D. ricostruendo il corpo del vero sintezoide che fu ucciso da Thanos. Su entrambi i fronti si giocano scontri interessanti anche sul piano etico: la Harkness vuole i poteri di Wanda, è per adesso una villain pura e le sue azioni non hanno nulla di positivo, ma al tempo stesso cerca di farle capire il corretto utilizzo dei suoi poteri. Visione e il suo alter ego danno invece vinta ad un interessante dibattito sull'io e su cosa significhi davvero esistere per entrambi, che rappresentano in modo diverso nient'altro che la copia di un essere che non esiste più e che non sarà mai più come prima. C'è anche un terzo bivio: quello di Monica, finita intrappolata dal finto Pietro Maximoff e che dovrà poi gestire l'avanzata degli agenti dello S.W.O.R.D. all'interno di Westview.

Il finale: delusione o conferma?

L'episodio finale di WandaVision è un concentrato di emozioni e a parer nostro chiude degnamente la prima serie TV dei Marvel Studios. Inevitabilmente ci troviamo, arrivati ai titoli di coda (e dopo le due scene post-credit) a tirare le somme su quanto visto. Per quanto riguarda l'arco narrativo dell'intero show, l'epilogo chiude praticamente ogni parentesi aperta in precedenza, scardinando brutalmente (almeno per ora) alcune delle teorie che hanno elettrizzato il fandom nelle ultime settimane.

Dobbiamo dire che non proprio tutte le risposte fornite riusciranno a soddisfare il pubblico, e un paio di elementi vengono lasciati volutamente in sospeso in vista degli sviluppi futuri dell'intero Marvel Cinematic Universe. Non bisogna dimenticare, infatti, che WandaVision rappresenta una sorta di prologo agli eventi che vedremo in Doctor Strange in the Multiverse of Madness, e che tutti i punti lasciati in sospeso saranno probabilmente approfonditi nel film con Benedict Cumberbatch. Tolti un paio di dubbi sulla direzione narrativa, dunque, il finale di WandaVision riuscirà a soddisfarvi pienamente se sarete in grado di considerarlo parte del suo microcosmo. Questa è la storia di Wanda. Del suo dolore, delle sue perdite, delle sue paure e delle sue insicurezze. Ed è la storia della rinascita di Wanda. Della sua riabilitazione, non solo a livello psichico (nel racconto) ma anche a livello narrativo e di centralità all'interno del MCU. Scordatevi per adesso multiversi, mutanti, cameo à la Luke Skywalker e tutto il resto. Chi si aspettava un finale più esplosivo sul piano delle rivelazioni e dei colpi di scena (come ha già anticipato il regista di WandaVision) potrebbe rimanere deluso, ma il nostro invito è di andare oltre le chiacchiere da forum. Perché WandaVision 1x09 è una puntata che intrattiene benissimo e soddisfa alla grande, che confeziona ottime scene d'azione e un paio di guizzi estetici che faranno impazzire i lettori dei fumetti Marvel. Non ultimo la Olsen e Bettany vi regaleranno nuovamente una delle parentesi emotive più devastanti di tutto il MCU.

WandaVision Il finale di WandaVision è da applausi nonostante demolisca alcune delle teorie più fantasiose del fandom e che lasci in sospeso alcune domande che avevano logorato la community. Ciò detto, tutte le parentesi narrative vengono chiuse degnamente e innescano un nuovo status quo per lo splendido personaggio di Elizabeth Olsen, che insieme agli strabilianti dialoghi pronunciati dalla Visione di Paul Bettany confeziona momenti straordinari, che rimarranno incorniciati a lungo nella storia del MCU.